Osteonecrosi della mandibola con Denosumab e terapia anti-angiogenica: una malattia rara ma potenzialmente grave


L'osteonecrosi della mandibola ( ONJ ) è una lesione della mandibola rara ma grave, caratterizzata da osso necrotico esposto, ed è associata a diversi farmaci solitamente utilizzati per il trattamento di pazienti con neoplasie in stadio avanzato.

Le comuni terapie che inducono osteonecrosi della mandibola sono rappresentate dai bifosfonati contenenti azoto, l'anticorpo monoclonale umano per l'attivatore del recettore del ligando del fattore nucleare kappa B Denosumab ( Xgeva ) e alcuni farmaci anti-angiogenici, da soli o in combinazione con bifosfonati.

La reale incidenza della osteonecrosi della mandibola è sconosciuta.

Diversi casi di osteonecrosi della mandibola in pazienti con tumore sottoposti a terapia con Denosumab sono stati segnalati e sembra che l'incidenza complessiva di Denosumab correlata alla osteonecrosi della mandibola sia simile a quella dei bifosfonati in questa popolazione, e sia dell’ordine di 1-2%.

Il recettore del fattore di crescita vascolare ( VEGFR ) svolge un ruolo importante nella progressione del cancro e può essere bersaglio di farmaci inibitori dell’attivatore della tirosin-chinasi o altri secondi messaggeri.
La maggior parte degli inibitori della angiogenesi, come l'anticorpo monoclonale Bevacizumab ( Avastin ) e l'inibitore della chinasi Sunitinib ( Sutent ), hanno come bersaglio la via di segnale VEGF.
I casi di osteonecrosi della mandibola indotta da Bevacizumab sono stati riportati, in particolare, nei pazienti trattati anche con i bifosfonati.
Ci sono solo pochi studi che hanno riportato casi correlati con Sunitinib.

Nei pazienti con cancro avanzato sottoposti a terapia con bifosfonati, Denosumab oppure con Bevacizumab, è obbligatorio l’esame dentale e il mantenimento di una buona salute dentale.
Ai pazienti che necessitano di tali trattamenti dovrebbe essere suggerita una buona igiene orale, la limitazione del consumo di alcol e la cessazione dell’abitudine al fumo. ( Xagena2013 )

Sivolella S et al, Anticancer Res 2013; 33: 1793-1797

Onco2013 Endo2013 Farma2013


Indietro

Altri articoli

L'uso di corticosteroidi nei pazienti con lupus eritematoso sistemico ( SLE ) può essere un forte fattore di rischio per...


L'osteonecrosi della mandibola indotta dai bifosfonati [ BIONJ ] è una condizione patologica relativamente nuova che è stata descritta per...


Gli operatori sanitari sono stati informati riguardo a: • casi di osteonecrosi della mandibola / mascella ( ONJ – OsteoNecrosis of...


L’EMA ( European Medicines Agency ) ha completato una revisione periodica di Aclasta ( Acido Zoledronico ), uno dei medicinali...


L’European Medicines Agency ( EMA ) con la collaborazione di Amgen ha informato gli operatori sanitari della nuova controindicazione in...


Il Comitato di valutazione dei rischi per la farmacovigilanza ( PRAC ) ha completato la revisione periodica di uno dei...


L'osteonecrosi della mandibola da bifosfonati è una reazione avversa che consiste in una progressiva distruzione ossea a livello della regione...


I bifosfonati sono raccomandati nei pazienti con lesioni osteolitiche secondarie a mieloma multiplo. Sono stati riportati i risultati sulla sicurezza...


L’obiettivo di uno studio è stato quello di determinare l’incidenza globale e il rischio di osteonecrosi della mandibola ( ONJ...