Apixaban più sicuro di Rivaroxaban nei pazienti anziani con fibrillazione atriale


I dati pubblicati di uno studio hanno mostrato che l'anticoagulazione con Rivaroxaban ( Xarelto ) per i pazienti con fibrillazione atriale di età pari o superiore a 65 anni era associata a un più alto rischio di eventi ischemici ed emorragici maggiori ( MACE ), rispetto ad Apixaban ( Eliquis ).

Lo studio è stato effettuato su 581.451 beneficiari di Medicare ( Stati Uniti ) con fibrillazione atriale che hanno iniziato l'anticoagulazione con Rivaroxaban o Apixaban da gennaio 2013 a novembre 2018 ( età media, 77 anni; 50% donne; 23% ha ricevuto una dose ridotta ).

L'endpoint primario era un composito di eventi ischemici ed emorragici maggiori e gli esiti secondari includevano sanguinamento extracranico non-fatale e mortalità totale.

I ricercatori hanno riferito che il tasso aggiustato dell'endpoint primario era 16.1 per 1.000 anni-persona per i pazienti che assumevano Rivaroxaban rispetto a 13.4 per 1.000 anni-persona per quelli che assumevano Apixaban ( hazard ratio, HR = 1.18; IC 95%, 1.12-1.24 ).

Rispetto ad Apixaban, Rivaroxaban è risultata associata a un rischio maggiore per i singoli componenti dell'endpoint primario, tra cui: eventi ischemici maggiori ( 8.6 vs 7.6 per 1.000 anni-persona; HR = 1.12; IC 95%, 1.04-1.2 ); eventi emorragici ( 7.5 vs 5.9 per 1.000 anni-persona; HR = 1.26; IC 95%, 1.16-1.36 ); e sanguinamento extracranico ad esito fatale ( 1.4 vs 1 per 1.000 anni-persona; HR = 1.41; IC 95%, 1.18-1.7 ).

Rispetto al gruppo Apixaban, i pazienti con fibrillazione atriale che stavano assumendo Rivaroxaban avevano un rischio maggiore di esiti secondari, tra cui: sanguinamento extracranico non-fatale ( 39.7 vs 18.5 per 1.000 anni-persona; HR = 2.07; IC 95%, 1.99-2.15 ); eventi ischemici / emorragici fatali ( 4.5 vs 3.3 per 1.000 anni-persona; HR = 1.34; IC 95%, 1.21-1.48 ); e mortalità totale ( 44.2 vs 41 per 1.000 anni-persona; HR = 1.06; IC 95%, 1.02-1.09 ).

Inoltre, il rischio per l'endpoint primario era maggiore tra i pazienti che assumevano Rivaroxaban rispetto ad Apixaban, indipendentemente dal fatto che stessero ricevendo una dose ridotta ( 27.4 vs 21 per 1.000 anni-persona; HR = 1.28; IC 95%, 1.16-1.4 ) o una dose standard ( 13.2 vs 11.4 per 1.000 anni-persona; HR = 1.13; IC 95%, 1.06-1.21 ).

Lo studio ha offerto prove convincenti che Apixaban è preferibile a Rivaroxaban per la prevenzione dell'ictus nei pazienti con fibrillazione atriale, sia con tassi ridotti di complicanze emorragiche gravi sia con una migliore efficacia per ridurre l'insorgenza di ictus. ( Xagena2021 )

Fonte: JAMA, 2021

Cardio2021 Neuro2021 Emo2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

Rispetto ad altri anticoagulanti orali diretti, Apixaban è risultato associato a tassi più bassi di sanguinamento gastrointestinale ma tassi simili...


Tra gli anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) per la fibrillazione atriale, Apixaban ( Eliquis ) può comportare un minor...


I dati sono limitati per quanto riguarda il rischio di eventi ischemici cerebrovascolari e sanguinamento maggiore nei pazienti con fibrillazione...


Nello studio AUGUSTUS ( An Open-Label, 2x2 Factorial, Randomized Controlled, Clinical Trial to Evaluate the Safety of Apixaban Versus Vitamin...


L'efficacia comparativa di Rivaroxaban ( Xarelto ) e Apixaban ( Eliquis ), gli anticoagulanti orali più frequentemente prescritti per la...


Nei pazienti con fibrillazione atriale che sopravvivono a un'emorragia intracerebrale associata all'anticoagulazione, è necessario decidere se riprendere o evitare definitivamente...


Linee guida recenti raccomandano l'uso orale di Edoxaban o Rivaroxaban per il trattamento della tromboembolia venosa nei pazienti con tumore....


I nuovi dati dello studio AUGUSTUS hanno mostrato che nei pazienti con fibrillazione atriale che avevano sofferto di una sindrome...


Rispetto alla popolazione generale, i pazienti con malattia renale cronica avanzata hanno un carico di fibrillazione atriale di 10 volte...