La Tilarginina non riduce la motalità nei pazienti con infarto miocardico acuto e shock cardiogeno


Lo shock cardiogeno che complica l’infarto miocardico acuto, rimane un problema ancora comune, ad esito infausto, nonostante l’impiego della rivascolarizzazione precoce.

Studi preliminari hanno indicato un effetto benefico della inibizione NOS ( ossido nitrico sintasi ) sull’emodinamica, funzione renale, e sopravvivenza nei pazienti con shock cardiogeno.

L’obiettivo dello studio TRIUMPH è stato quello di esaminare gli effetti di un inibitore NOS nei pazienti con infarto miocardico e shock cardiogeno refrattario, nonostante l’apertura dell’arteria infartuata.

Lo studio TRIUMPH ( Tilarginine Acetate Injection in a Randomized International Study in Unstable MI Patients With Cardiogenic Shock ), era stato disegnato per 658 pazienti, da assegnare a Tilarginina o placebo.
L’arruolamento è stato terminato dopo che erano stati ammessi allo studio 398 pazienti.

La Tilarginina è stata somministrata in un bolo di 1 mg/kg, seguito da un’infusione di 1 mg/kg/ all’ora per 5 ore.

L’endpoint primario era rappresentato dalla mortalità a 30 giorni per tutte le cause, mentre gli endpoint secondari comprendevano la risoluzione dello shock e la durata, la classe funzionale NYHA a 30 giorni, e la mortalità a 6 mesi.

L’analisi a 6 mesi è stata completata nel febbraio 2007.

Non è stata riscontrata nessuna differenza nella mortalità per tutte le cause a 30 giorni, tra i pazienti che hanno ricevuto Tilarginina ( 48% ) versus placebo ( 42% ) ( risk ratio = 1.14; p = 0.24).

Non sono state osservate differenze tra Tilarginina e placebo riguardo alla risoluzione dello shock ( 66% versus 61% rispettivamente), alla durata dello shock ( valori mediani; 156 ore versus 190 ore con il placebo).

A 30 giorni, l’incidenza di insufficienza cardiaca è stata simile tra i 2 gruppi ( 48% Tilarginina versus 51% placebo; p = 0.51 ).

Dopo 6 medi la percentuale di mortalità era simile nei gruppo Tilarginina e nel gruppo placebo ( 58% versus 59%, rispettivamente ).

I dati dello studio hanno mostrato che la Tilarginina ( bolo seguito da un’infusione per 5 ore ), non è stata in grado di ridurre la mortalità nei pazienti con shock cardiogeno, associato ad infarto miocardico, nonostante l’apertura dell’arteria infartuata. ( Xagena2007 )

The TRIUMPH Investigators, JAMA 2007; 297: 1657-1666

Cardio2007 Farma2007

XagenaFarmaci_2007


Indietro

Altri articoli

Uno studio di fase 2 ha mostrato che la deprivazione di Arginina con Arginina deaminasi pegilata può migliorare la sopravvivenza...


Sono stati riportati diversi casi di sindrome di antidiuresi inappropriata ( anche conosciuta come sindrome da inappropriata secrezione dell’ormone antidiuretico...


In uno studio clinico randomizzato, controllato, in cieco, è stata verificata l'ipotesi che un deficit relativo di L-Arginina, il substrato...


La pre-eclampsia e l’eclampsia sono tra le principali cause di morbilità e mortalità materna e neonatale.Nonostante la crescente conoscenza della...


È noto che il carcinoma epatocellulare è auxotrofo per l’arginina a causa della mancanza di argininosuccinato sintetasi I.È stato condotto...


Health Canada ha allertato i pazienti con precedente infarto miocardico perché non facciano uso di prodotti contenenti il supplemento dietetico...


Health Canada sconsiglia l’uso di supplementi a base di Arginina nei pazienti infartuati. L’Arginina è un aminoacido che è comunemente...


Uno studio compiuto presso l’Università di Siviglia in Spagna ha valutato il ruolo dell’aminoacido L-Arginina ( L-Arg ) nell’evoluzione dell’ulcera...


La dismenorrea primaria è il più comune disturbo ginecologico nelle giovani donne.Interessa il 40-70% delle donne durante gli anni riproduttivi...