Azacitidina orale nei pazienti con sindromi mielodisplastiche a basso rischio


Le opzioni di trattamento sono limitate per i pazienti con sindromi mielodisplastiche a basso rischio ( LR-MDS ).
Uno studio di fase III, controllato con placebo, ha valutato Azacitidina orale ( CC-486; Onureg ), un agente ipometilante, nei pazienti con International Prognostic Scoring System LR-MDS e anemia e trombocitopenia dipendenti da trasfusione di globuli rossi.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale ad Azacitidina orale alla dose di 300 mg o placebo per un ciclo di 21/28 giorni.

L'endpoint primario era l'indipendenza dalla trasfusione di eritrociti.

In tutto 216 pazienti hanno ricevuto Azacitidina orale ( n=107 ) oppure placebo ( n=109 ).
L'età media era di 74 anni, la conta piastrinica mediana era di 25 x 109/l e la conta assoluta dei neutrofili è stata di 1.3 x 109/l.

Nei bracci Azacitidina orale e placebo, rispettivamente il 31% e l'11% dei pazienti hanno raggiunto l’indipendenza da trasfusione di globuli rossi ( P=0.0002 ), con durate mediane di 11.1 e 5.0 mesi.
Riduzioni di 4 o più unità di eritrociti sono state ottenute rispettivamente dal 42.1% e dal 30.6% dei pazienti, con durate mediane di 10.0 e 2.3 mesi, e più pazienti Azacitidina orale hanno presentato aumenti di emoglobina maggiori o uguali a 1.5 g/dl rispetto al basale ( 23.4% vs 4.6% ).

Il tasso di miglioramento ematologico piastrinico è stato più alto con Azacitidina orale ( 24.3% vs 6.5% ).

L'analisi provvisoria della sopravvivenza globale sottodimensionata non ha mostrato differenze tra Azacitidina orale e placebo ( mediana, 17.3 vs 16.2 mesi; P=0.96 ).

Gli eventi gastrointestinali di basso grado sono stati gli eventi avversi più comuni in entrambi i bracci.
Nei bracci Azacitidina orale e placebo, il 90% e il 73% dei pazienti hanno manifestato un evento avverso di grado 3-4.
Il tasso di mortalità complessivo è stato simile tra i bracci, ma c'è stato uno squilibrio nei decessi durante i primi 56 giorni ( Azacitidina orale, n=16; placebo, n=6 ), per lo più correlato alle infezioni; la conta assoluta mediana dei neutrofili prima del trattamento per i 16 pazienti con Azacitidina orale era 0.57 x 109/l.

Azacitidina orale ha migliorato significativamente il tasso di indipendenza dalle trasfusioni di eritrociti e ha indotto miglioramenti durevoli nei pazienti con sindromi mielodisplastiche a basso rischio e caratteristiche della malattia ad alto rischio.
Nel braccio Azacitidina orale si sono verificati più decessi precoci, per lo più correlati a infezioni in pazienti con neutropenia pretrattamento significativa.
È necessaria un'ulteriore valutazione della Azacitidina orale nelle sindromi mielodisplastiche. ( Xagena2021 )

Garcia-Manero G et al, J Clin Oncol 2021; 39: 1426-1436

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

PANTHER è uno studio globale, randomizzato di fase 3 di Pevonedistat + Azacitidina ( n=227 ) versus Azacitidina in monoterapia...


L'Agenzia regolatoria degli Stati Uniti FDA ha approvato Tibsovo ( Ivosidenib ) in combinazione con Azacitidina per il trattamento dei...


La malattia residua misurabile ( MRD ) nei pazienti con leucemia mieloide acuta ( AML ) in remissione dopo chemioterapia...


Enasidenib è un inibitore orale delle proteine ​​mutanti dell'isocitrato deidrogenasi-2 ( IDH2 ). Sono state valutate la sicurezza e l'attività...


Gilteritinib ( Xospata ) più Azacitidina ha conferito tassi di remissione completa significativamente più elevati, ma sopravvivenza globale ( OS...


Circa il 20% dei pazienti con sindromi mielodisplastiche ( SMD ) con mutazione diTP53 raggiunge la remissione completa ( CR...


Le terapie di combinazione che utilizzano Quizartinib ( Vanflyta ) con Citarabina o Azacitidina sono sicure ed efficaci sia nel...


L'aggiunta di Venetoclax ( Venclyxto ) all'Azacitidina ( Vidaza ) ha portato beneficio ai pazienti non-trattati con mutazioni dell'isocitrato deidrogenasi...


Sebbene la chemioterapia di induzione porti alla remissione in molti pazienti anziani con leucemia mieloide acuta ( AML ), la...