Combinazione di Lenalidomide e Azacitidina: nuova terapia di salvataggio nei pazienti che hanno recidivato dopo trapianto di cellule staminali allogeniche per leucemia mieloide acuta


Le opzioni di salvataggio per i pazienti che hanno una recidiva dopo trapianto di cellule staminali allogeniche ( allo-SCT ) per la leucemia mieloide acuta ( AML ) e la mielodisplasia ( MDS ) rimangono limitate; sono necessarie nuove strategie di trattamento.

Sia Lenalidomide ( Revlimid ) che Azacitidina ( Vidaza ) possiedono un significativo effetto antitumorale nella leucemia mieloide acuta.
La somministrazione di Lenalidomide post-trapianto è associata a tassi eccessivi di malattia del trapianto contro l'ospite ( GVHD ), ma Azacitidina ha dimostrato di migliorare la GVHD in modelli di trapianto murini.

È stata pertanto esaminata la tollerabilità e l'attività della somministrazione combinata di Lenalidomide / Azacitidina nella recidiva post-trapianto.

29 pazienti che avevano recidivato dopo allo-SCT per leucemia mieloide acuta ( n=24 ) o mielodisplasia ( n=5 ) sono stati trattati con Azacitidina sequenziale ( 75 mg/m2 per 7 giorni ) seguita da dosi crescenti di Lenalidomide nei giorni da 10 a 30.

La terapia sequenziale di Azacitidina e Lenalidomide è stata ben tollerata.
La dose massima tollerata ( MTD ) di Lenalidomide post-trapianto, in combinazione con Azacitidina, è stata determinata come 25 mg al giorno. 3 pazienti hanno sviluppato GVHD di grado da 2 a 4.

Non c'è stata mortalità correlata alla GVHD. 7 su 15 ( 47% ) pazienti hanno ottenuto una risposta clinica maggiore dopo la terapia Lenalidomide / Azacitidina.

Le cellule T CD8+ hanno dimostrato una compromissione della produzione di interferone gamma / fattore necrosi tumorale alfa ( TNF-alfa ) alla recidiva, che non è stata invertita durante la somministrazione di Lenalidomide / Azacitidina.

In conclusione, la Lenalidomide può essere somministrata in sicurezza post-allotrapianto in associazione con Azacitidina e questa combinazione ha dimostrato un'attività clinica nella leucemia mieloide acuta / mielodisplasia recidivante senza invertire le caratteristiche biologiche dell'esaurimento delle cellule T.
L'uso di un modello di rivalutazione continua ( CRM ) ha migliorato l'efficienza nella valutazione della dose massima tollerata e ha fornito ulteriore flessibilità.
La terapia combinata Lenalidomide / Azacitidina rappresenta una terapia di salvataggio nuova e attiva nei pazienti con recidiva post-allotrapianto. ( Xagena2019 )

Craddock C et al, J Clin Oncol 2019; 37: 580-588

Onco2019 Emo2019 Farma2019


Indietro

Altri articoli

L'Agenzia regolatoria degli Stati Uniti FDA ha approvato Tibsovo ( Ivosidenib ) in combinazione con Azacitidina per il trattamento dei...


La malattia residua misurabile ( MRD ) nei pazienti con leucemia mieloide acuta ( AML ) in remissione dopo chemioterapia...


Enasidenib è un inibitore orale delle proteine ​​mutanti dell'isocitrato deidrogenasi-2 ( IDH2 ). Sono state valutate la sicurezza e l'attività...


Gilteritinib ( Xospata ) più Azacitidina ha conferito tassi di remissione completa significativamente più elevati, ma sopravvivenza globale ( OS...


Circa il 20% dei pazienti con sindromi mielodisplastiche ( SMD ) con mutazione diTP53 raggiunge la remissione completa ( CR...


Le terapie di combinazione che utilizzano Quizartinib ( Vanflyta ) con Citarabina o Azacitidina sono sicure ed efficaci sia nel...


Le opzioni di trattamento sono limitate per i pazienti con sindromi mielodisplastiche a basso rischio ( LR-MDS ). Uno studio...


L'aggiunta di Venetoclax ( Venclyxto ) all'Azacitidina ( Vidaza ) ha portato beneficio ai pazienti non-trattati con mutazioni dell'isocitrato deidrogenasi...


Sebbene la chemioterapia di induzione porti alla remissione in molti pazienti anziani con leucemia mieloide acuta ( AML ), la...


Le sindromi mielodisplastiche e la leucemia mieloide acuta con mutazioni di TP53 sono caratterizzate da recidive frequenti, risposte scarse o...