Attività e sicurezza di Cetuximab più FOLFOXIRI modificato seguito da mantenimento con Cetuximab o Bevacizumab per tumore colorettale metastatico RAS e BRAF wild-type


La combinazione di un regime di chemioterapia a triplo farmaco con un agente anti-recettore del fattore di crescita epidermico ( EGFR ) come trattamento di prima linea del cancro del colon-retto metastatico ( mCRC ) ha mostrato una attività promettente insieme a preoccupazioni di sicurezza in studi di fase 2 a braccio singolo.
Il ruolo del mantenimento dopo la chemioterapia e anti-EGFR e il regime ottimale da adottare non sono stabiliti.

Sono state valutate l'attività e la sicurezza di Cetuximab più FOLFOXIRI modificato ( mFOLFOXIRI ) ed è stato esaminato il ruolo del mantenimento con Cetuximab o Bevacizumab in mRC RAS e BRAF wild-type.

In uno studio di fase 2, prospettico, non-comparativo, in aperto, multicentrico, randomizzato, pazienti di età compresa tra 18 e 75 anni con carcinoma colorettale metastatico RAS e BRAF wild-type, non-resecabile, precedentemente non-trattati ( prima dell'emendamento, KRAS wild-type ) sono stati reclutati da 21 unità oncologiche in Italia tra il 2011 e il 2015 e seguiti fino al 2017.

In totale, 323 pazienti sono stati sottoposti a screening e 143 sono stati randomizzati a due bracci di trattamento per ricevere come prima linea un regime di FOLFOXIRI modificato più Cetuximab seguito da Cetuximab ( braccio A ) o Bevacizumab ( braccio B ) fino a progressione della malattia.
Le analisi primarie sono state condotte in una popolazione modificata intention-to-treat.

Sono stati somministrati mFOLFOXIRI e Cetuximab ogni 2 settimane per un massimo di 8 cicli, seguiti da mantenimento con Cetuximab o Bevacizumab fino a progressione della malattia.

L'endpoint primario era il tasso senza progressione ( PFR ) a 10 mesi; gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza globale, il tasso di risposta, il tasso di resezione delle metastasi e gli eventi avversi.

Su 143 pazienti randomizzati, 116 ( 81.1% ) ( età mediana 59.5 anni, 34 donne, 29.3% ) presentavano tumore del colon-retto  RAS e BRAF wild-type, metastatico.

A un follow-up mediano di 44.0 mesi, il tasso senza progressione a 10 mesi è stato pari al 50.8% nel braccio A e pari al 40.4% nel braccio B.
Il tasso di risposta globale è stato del 71.6%.

I principali eventi avversi di grado 3-4 sono stati neutropenia ( che si è verificata in 36 pazienti, 31% ), diarrea ( in 21 pazienti, 18% ), effetti tossici sulla pelle ( in 18 pazienti, 16% ), astenia ( in 11 pazienti, 9% ), stomatite ( in 7 pazienti, 6% ) e neutropenia febbrile ( in 3 pazienti, 3% ).

In conclusione, sebbene nessuna dei due bracci ha raggiunto l'endpoint primario, i risultati hanno indicato che un regime di induzione di 4 mesi di mFOLFOXIRI più Cetuximab è fattibile e fornisce esiti di attività rilevanti, portando a un alto tasso di resezione chirurgica. ( Xagena2018 )

Cremolini C et al, JAMA Oncol 2018; 4: 529-536

Onco2018 Gastro2018 Farma2018


Indietro

Altri articoli

Le mutazioni di BRAF V600E sono raramente associate a risposte oggettive all'inibitore di BRAF Vemurafenib ( Zelboraf ) nei pazienti...


BEACON CRC ha valutato Encorafenib ( Braftovi ) più Cetuximab ( Erbitux ) con o senza Binimetinib ( Mektovi )...



Pembrolizumab ( Keytruda ), un inibitore di PD-1, e Cetuximab ( Erbitux ), un inibitore di EGFR, sono attivi come...


La terapia di rechallenge con farmaci anti-EGFR ( recettori del fattore di crescita epidermico ) è stata suggerita nei pazienti...


In precedenza era stato dimostrato che l'inibitore irreversibile dei recettori tirosin-chinasici ( TKI ) della famiglia ErbB, Afatinib ( Giotrif...


Il trattamento di seconda linea con chemioterapia più Bevacizumab ( Avastin ) o Cetuximab ( Erbitux ) è una...


La maggior parte dei carcinomi a cellule squamose della testa e del collo ( HNSCC ) sono guidati da inattivazione...


Sulla base di un piccolo studio retrospettivo, il rechallenge con terapia a base di Cetuximab ( Erbitux ) per i...


L'incidenza del tumore orofaringeo positivo al papillomavirus umano ( HPV ), una malattia che colpisce i pazienti più giovani, è...