Alectinib versus Crizotinib nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ALK-positivo: studio J-ALEX


Alectinib ( Alecensa ), un potente inibitore della chinasi del linfoma anaplastico ( ALK ) CNS-attivo, altamente selettivo, ha mostrato una efficacia e una tollerabilità promettenti nello studio di fase 1-2 a braccio singolo AF-001JP in pazienti giapponesi con cancro ai polmoni non-a-piccole cellule ALK-positivo.
Dati i risultati promettenti, è stato condotto uno studio di fase 3 per confrontare direttamente l'efficacia e la sicurezza di Alectinib con quella di Crizotinib ( Xalkori ).

J-ALEX era uno studio randomizzato, in aperto, di fase 3 che ha reclutato pazienti giapponesi naive agli inibitori di ALK con tumore al polmone non-a-piccole cellule ALK-positivo, naive alla chemioterapia, o che avevano ricevuto un precedente regime chemioterapico, da 41 Centri di studio in Giappone.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale stratificando per ECOG performance status, linea di trattamento e stadio patologico a ricevere Alectinib per os 300 mg due volte al giorno o Crizotinib 250 mg due volte al giorno fino a malattia progressiva, tossicità inaccettabile, decesso o ritiro.

L'endpoint primario era rappresentato dalla sopravvivenza libera da progressione valutata da una struttura di revisione indipendente.

L'analisi di efficacia è stata effettuata nella popolazione intention-to-treat e le analisi di sicurezza sono state eseguite in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio.
Lo studio è in corso e il reclutamento dei pazienti è chiuso.

Tra il 2013 e il 2015, 207 pazienti sono stati reclutati e assegnati ai gruppi Alectinib ( n=103 ) o Crizotinib ( n=104 ).

Al cutoff dei dati per la seconda analisi ad interim, 24 pazienti nel gruppo Alectinib hanno interrotto il trattamento rispetto a 61 nel gruppo trattato con Crizotinib, principalmente a causa della mancanza di efficacia o di eventi avversi.

Alla seconda analisi intermedia un Comitato indipendente di monitoraggio dei dati ha determinato che l'endpoint primario dello studio era stato raggiunto ( hazard ratio, HR=0.34, log-rank P stratificato minore di 0.0001 ) e raccomandato una immediata diffusione dei dati.

La sopravvivenza libera da progressione mediana non era stata ancora raggiunta con Alectinib ed era di 10.2 mesi con Crizotinib.

Eventi avversi di grado 3 o 4 si sono verificati con maggiore frequenza con Crizotinib ( 54 su 104, 52% ) rispetto ad Alectinib ( 27 su 103, 26% ).

Anche le interruzioni della dose dovute a eventi avversi sono state più prevalenti con Crizotinib ( 77 su 104, 74% ) che con Alectinib ( 30 su 103, 29% ) e più pazienti trattati con Crizotinib ( 21, 20% ) rispetto ad Alectinib ( 9, 9% ) hanno interrotto il farmaco in studio a causa di un evento avverso.
Non si sono verificati eventi avversi a esito fatale in entrambi i gruppi di trattamento.

Questi risultati forniscono il primo confronto testa-a-testa tra Alectinib e Crizotinib e hanno il potenziale per cambiare lo standard di cura nel trattamento di prima linea del tumore del polmone non-a-piccole cellule ALK-positivo.
La dose di Alectinib ( 300 mg due volte al giorno ) utilizzata in questo studio era inferiore alla dose approvata in Paesi diversi dal Giappone; tuttavia, questa limitazione viene affrontata nello studio ALEX in corso. ( Xagena2017 )

Hida T et al, Lancet 2017; 390: 29-39

Onco2017 Pneumo2017 Farma2017


Indietro

Altri articoli

Ensartinib, un inibitore orale della tirosin-chinasi della chinasi ALK, ha mostrato efficacia sistemica e sul sistema nervoso centrale per i...


La segnalazione MET ( nota anche come recettore del fattore di crescita degli epatociti; HGFR ) è un fattore chiave...


I dati di una analisi ad interim di uno studio di fase 3, CROWN, hanno mostrato che la sopravvivenza...


Ensartinib è un potente inibitore ALK di nuova generazione con elevata attività contro un'ampia gamma di mutazioni ALK resistenti a...


Una analisi ad interim dello studio di fase 3, in aperto, eXalt3, ha mostrato che Ensartinib ha aumentato in modo...


Lorlatinib ( Lorviqua ), un inibitore di terza generazione della chinasi del linfoma anaplastico ( ALK ), ha attività antitumorale...



Brigatinib ( Alunbrig ), un inibitore di ALK, ha dimostrato una sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) superiore e...


La malattia positiva alla chinasi del linfoma anaplastico ( ALK-positiva ) si verifica in circa il 5% di tutti i...


Crizotinib ( Xalkori ), un inibitore della chinasi del linfoma anaplastico ( ALK ), MET e ROS1, è approvato per...