Brigatinib versus Crizotinib nel tumore polmonare non-a-piccole cellule ALK-positivo


Brigatinib ( Alunbrig ), un inibitore della chinasi del linfoma anaplatico ( ALK ) di nuova generazione, ha una robusta efficacia nei pazienti con cancro al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) ALK-positivo refrattario a Crizotinib.
L'efficacia di Brigatinib, rispetto a Crizotinib, nei pazienti con tumore NSCLC avanzato ALK-positivo che non hanno precedentemente ricevuto un inibitore ALK non è ben definita.

In uno studio di fase III in aperto, sono stati assegnati in modo casuale pazienti con tumore NSCLC avanzato ALK-positivo che non trattati in precedenza con inibitori ALK a ricevere Brigatinib alla dose di 180 mg una volta al giorno ( con un periodo di lead-in di 7 giorni a 90 mg ) oppure Crizotinib alla dose di 250 mg due volte al giorno.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione valutata mediante una revisione centrale indipendente in cieco.
Gli endpoint secondari includevano il tasso di risposta obiettiva e la risposta intracranica.

La prima analisi ad interim è stata pianificata quando si era verificato circa il 50% di 198 eventi attesi di progressione della malattia o decesso.

In totale 275 pazienti sono stati sottoposti a randomizzazione; 137 sono stati assegnati a Brigatinib e 138 a Crizotinib.

Alla prima analisi ad interim ( 99 eventi ), il follow-up mediano è stato di 11.0 mesi nel gruppo Brigatinib e di 9.3 mesi nel gruppo Crizotinib.

Il tasso di sopravvivenza libera da progressione è stato più alto con Brigatinib che con Crizotinib ( sopravvivenza stimata libera da progressione a 12 mesi, 67% vs 43%, hazard ratio per progressione della malattia o morte, HR=0.49, P minore di 0.001 per il test log rank ).

Il tasso di risposta obiettiva confermata è stato del 71% con Brigatinib e del 60% con Crizotinib; il tasso confermato di risposta intracranica tra i pazienti con lesioni misurabili è stato del 78% e del 29%, rispettivamente.

In conclusione, tra i pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule ALK+ che non avevano precedentemente ricevuto un inibitore ALK, la sopravvivenza libera da progressione è risultata significativamente più lunga tra i pazienti che hanno ricevuto Brigatinib rispetto a quelli che hanno ricevuto Crizotinib. ( Xagena2018 )

Camidge DR et al, N Engl J Med 2018; 379: 2027-2039

Onco2018 Pneumo2018 Farma2018


Indietro

Altri articoli

Ensartinib, un inibitore orale della tirosin-chinasi della chinasi ALK, ha mostrato efficacia sistemica e sul sistema nervoso centrale per i...


La segnalazione MET ( nota anche come recettore del fattore di crescita degli epatociti; HGFR ) è un fattore chiave...


I dati di una analisi ad interim di uno studio di fase 3, CROWN, hanno mostrato che la sopravvivenza...


Ensartinib è un potente inibitore ALK di nuova generazione con elevata attività contro un'ampia gamma di mutazioni ALK resistenti a...


Una analisi ad interim dello studio di fase 3, in aperto, eXalt3, ha mostrato che Ensartinib ha aumentato in modo...


Lorlatinib ( Lorviqua ), un inibitore di terza generazione della chinasi del linfoma anaplastico ( ALK ), ha attività antitumorale...



Brigatinib ( Alunbrig ), un inibitore di ALK, ha dimostrato una sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) superiore e...


La malattia positiva alla chinasi del linfoma anaplastico ( ALK-positiva ) si verifica in circa il 5% di tutti i...


Crizotinib ( Xalkori ), un inibitore della chinasi del linfoma anaplastico ( ALK ), MET e ROS1, è approvato per...