Associazione di Sulindac ed Erlotinib versus placebo con neoplasia colorettale nella poliposi adenomatosa familiare


I pazienti con poliposi adenomatosa familiare ( FAP ) presentano un rischio notevolmente aumentato di polipi e cancro del colon-retto.
Una combinazione di Sulindac ed Erlotinib ha portato a una riduzione del 71% del carico del polipo duodenale in uno studio di fase 2.

È stato valutato l'effetto di Sulindac ed Erlotinib sulla regressione dell'adenoma colorettale in pazienti con poliposi adenomatosa familiare.

L'analisi secondaria prespecificata per la regressione dell'adenoma colorettale è stata effettuata utilizzando i dati di uno studio in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo, che ha arruolato 92 pazienti con poliposi adenomatosa familiare, condotto nel periodo 2010-2014 a Salt Lake City, Utah ( Stati Uniti ).

I pazienti sono stati randomizzati a Sulindac 150 mg due volte al giorno ed Erlotinib ( Tarceva ) 75 mg al giorno ( n=46 ), vs placebo ( n=46 ) per 6 mesi.
Il numero totale di polipi nel colon-retto intatto, l’anastomosi anale della sacca ileale, o ileo-rettale sono stati registrati al basale e a 6 mesi.

Gli esiti primari erano il cambiamento nella conta totale dei polipi colorettali e la variazione percentuale nei polipi colorettali dopo 6 mesi di trattamento.

82 pazienti randomizzati ( età media 40 anni e 49 donne, 60% ) avevano dati di conta dei polipi colorettali disponibili per questa analisi secondaria: 22 con colon intatto, 44 ​​con anastomosi anale della sacca ileale e 16 con anastomosi ileo-rettale; 41 pazienti hanno ricevuto Sulindac / Erlotinib e 41 placebo.

La conta totale dei polipi colorettali è risultata significativamente differente tra il gruppo placebo e il gruppo Sulindac-Erlotinib a 6 mesi, con variazione percentuale netta del 69.4% nei pazienti con colon-retto intatto rispetto al placebo ( P=0.009 ).

In conclusione, è stato dimostrato che il trattamento di associazione con Sulindac ed Erlotinib rispetto al placebo ha comportato un carico di polipi colorettali significativamente più basso dopo 6 mesi di trattamento.
C'è stata una riduzione del carico di polipi sia nei pazienti con colon-retto intero sia in quelli con solo una tasca rettale o retto. ( Xagena2018 )

Samadder NJ et al, JAMA Oncol 2018; 4: 671-677

Onco2018 Gastro2018 Farma2018


Indietro

Altri articoli

La sindrome di Olmsted è una genodermatosi caratterizzata da cheratoderma palmoplantare ( PPK ) doloroso e mutilante che progredisce dall'infanzia...


Dato il ruolo centrale degli inibitori del recettore del fattore di crescita epidermico ( EGFR ) nel tumore al polmone...


La leiomiomatosi ereditaria con carcinoma a cellule renali ( HLRCC ) è una rara sindrome genetica derivante da mutazioni della...


La resistenza alla monoterapia di prima o seconda generazione con inibitore della tirosin-chinasi di EGFR si sviluppa in quasi la...


La resistenza alla monoterapia con inibitore della tirosin-chinasi ( TKI ) dell'EGFR di prima generazione o di seconda generazione si...


Il doppio blocco delle vie EGFR e VEGF nel carcinoma polmonare metastatico non-a-piccole cellule ( NSCLC ) EGFR-mutato è supportato...


La scelta del trattamento per il carcinoma polmonare a cellule squamose potrebbe essere aiutata identificando i biomarcatori predittivi. E' stato...


Uno studio ha mostrato che Fulvestrant ( Faslodex ) associato a Erlotinib ( Tarceva ) può prolungare la sopravvivenza libera...


Lo studio di fase III METLung ha esaminato l'efficacia e la sicurezza di Onartuzumab più Erlotinib nei pazienti con cancro...