Studio TRA•CER: Vorapaxar non si è dimostrato superiore alla terapia standard nei pazienti con sindrome coronarica acuta


Vorapaxar, l’antagonista PAR-1 ( recettori attivati da proteasi ) non è in grado di ridurre in modo significativo il rischio di malattia o di mortalità cardiovascolare quando aggiunto alla terapia standard, rispetto alla sola terapia standard, nei pazienti con sindrome coronarica acuta.

Lo studio TRA•CER ( Thrombin Receptor Antagonist for Clinical Event Reduction ) ha incluso 12.944 pazienti da 818 Centri di 37 Paesi.

Tutti i pazienti avevano ricevuto il trattamento standard [ Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ) più Clopidogrel ( Plavix ), oltre a procedure per la malattia cardiovascolare, come ad esempio il cateterismo quando necessario ] più Vorapaxar ( 40 mg, seguito da 2.5 mg/die ) per una mediana di 502 giorni.

Durante questo periodo, 1031 pazienti del gruppo Voraxapar più 1102 pazienti trattati con placebo hanno raggiunto l'endpoint primario ( assenza di significatività statistica tra i gruppi ).

E’ stato, tuttavia, riscontrato, un esito combinato di morte cardiovascolare, infarto miocardico, e ictus più basso nel gruppo Voraxapar rispetto al gruppo placebo ( 14.7% e 16.4 %, rispettivamente ).

I tassi di sanguinamento sono risultati significativamente più alti nel gruppo Voraxapar rispetto al gruppo placebo, ( 7.2% vs 5.2% ) con un aumento del 35% del rischio di sanguinamento nel gruppo Voraxapar.
In particolare, i tassi di emorragia intracranica sono stati, rispettivamente, pari a 1.1% e 0.2%; una differenza significativa tra i gruppi.
Gli eventi avversi non-emorragici sono risultati simili nei due gruppi.

La minore incidenza di morte cardiovascolare, infarto miocardico o ictus con Vorapaxar, seppur non-significativa, è promettente e dovrà essere confermata dai risultati dello studio TRA 2P TIMI 50. ( Xagena2011 )

Fonte: American Heart Association ( AHA ) Scientific Sessions, 2011


Cardio2011 Farma2011


Indietro

Altri articoli

Vorapaxar, un antagonista del recettore 1 attivato dalla proteasi, è approvato per la prevenzione secondaria di eventi cardiovascolari, ma è...


Vorapaxar ( Zontivity ) riduce la morte cardiovascolare, l’infarto del miocardio, o l’ictus nei pazienti con precedente infarto miocardico, aumentando...


I nuovi dati dello studio TRA 2P-TIMI 50 hanno mostrato che la terapia a lungo termine con Vorapaxar ( Zontivity...


L'obiettivo di uno studio è stato quello di caratterizzare una popolazione gestita medicalmente in una coorte con sindrome coronarica...


Un Comitato consultivo della FDA ( Food and Drug Administration ) ha votato 10 a 1 a favore della approvazione...


Una sottoanalisi ha mostrato che nei pazienti con una storia recente di ictus ischemico, l’aggiunta dell’antiaggregante sperimentale Vorapaxar alla...


Vorapaxar è un nuovo antagonista di PAR-1 ( recettore attivato da proteasi di tipo 1 ), il recettore primario per...


Vorapaxar inibisce l’attivazione piastrinica antagonizzando l’attivazione mediata da trombina del recettore PAR-1 ( recettore attivato da proteasi ) sulle piastrine...


Merck ha annunciato l’intenzione di presentare domanda per l'approvazione di Vorapaxar in una indicazione più ristretta di quanto originariamente previsto,...


Uno studio randomizzato ha mostrato che l’antagonista PAR-1, Vorapaxar ( Zontivity ), riduce gli eventi ischemici nei pazienti con...