Simvastatina come terapia aggiuntiva a Interferone beta-1a per la sclerosi multipla recidivante remittente


Il trattamento della sclerosi multipla recidivante-remittente con Interferone-beta è solo parzialmente attivo.

È stato condotto lo studio SIMCOMBIN con l'obiettivo di stabilire se l'aggiunta di Simvastatina ( Sinvacor ), una statina con proprietà antinfiammatorie, ne possa migliorare l'efficacia.

Nello studio multicentrico, placebo-controllato, in doppio cieco, randomizzato e a gruppi paralleli su Simvastatina ( 80 mg al giorno ) come trattamento aggiuntivo a Interferone beta-1a intramuscolare ( 30 microg a settimana; Avonex ) sono stati arruolati pazienti naive al trattamento con sclerosi multipla recidivante-remittente.

Dopo l'inizio del trattamento con Interferone beta, i pazienti sono stati assegnati in maniera casuale a Simvastatina 80 mg al giorno o placebo per 1-3 anni.

La misura di esito primaria era il tasso annuale di recidive documentate e le analisi sono state condotte per intention-to-treat.

In totale, 307 pazienti sono stati assegnati a Interferone-beta più Simvastatina ( n=151 ) oppure placebo ( n=156 ).

Il tasso annuale di recidiva documentata è stato pari a 0.19 nel gruppo Simvastatina e 0.14 nel gruppo placebo ( differenza assoluta 0.059; p=0.35 ).

Il tempo alla prima recidiva documentata ( 20esimo percentile ) è stato di 18.1 mesi nel gruppo Simvastatina e 21.5 mesi nel gruppo placebo ( hazard ratio, HR=1.21; p=0•51 ).

Il numero medio di lesioni T2 nuove o in crescita è stato pari a 2.96 nel gruppo Simvastatina e 2.52 in quello placebo ( tasso di nuove lesioni, 117; p=0.25 ).

Il 6% ( n=8 ) dei pazienti del gruppo Simvastatina e il 13% ( n=17 ) in quello placebo non ha mostrato alcuna attività di malattia ( odds ratio, OR=0.42; p=0.05 ) e non sono stati osservati eventi avversi inattesi.

In genere, gli eventi avversi sono risultati lievi e non sono emerse differenze tra i gruppi per quanto riguarda infezioni o disturbi muscolo-scheletrici, inclusa la mialgia ( 3% nel gruppo Simvastatina e 6% in quello placebo ).

Rabdomiolisi e mioglobinuria non sono state osservate e non sono emerse differenze nella creatin-fosfochinasi sierica.

In conclusione, non sono stati osservati effetti benefici della Simvastatina come terapia aggiuntiva a Interferone beta-1a.
Anche se improbabile, non si può escludere che la combinazione di altre statine con altri farmaci che modificano al malattia possa portare beneficio. ( Xagena2011 )

Sorensen PS et al, Lancet Neurol 2011; 10: 691-701



Neuro2011 Farma2011


Indietro

Altri articoli

Le statine hanno effetti benefici sulla circolazione intraepatica e riducono l'ipertensione portale e la Rifaximina ( Normix ) modula il...


Gli approcci di medicina di precisione mirati ai pazienti sulla base del sottotipo di malattia hanno trasformato gli approcci terapeutici...


Nello studio di fase 2 di MS-STAT 24 mesi, è stato dimostrato che la Simvastatina ad alto dosaggio riduce significativamente...


La terapia intensiva per il colesterolo LDL con Ezetimibe / Simvastatina ( Vytorin ) nello studio IMPROVE-IT ( IMProved Reduction...


Le recenti sperimentazioni hanno mostrato una riduzione del rischio di eventi cardiaci avversi maggiori ( MACE ) con la terapia...


Non era stato ancora dimostrato che ridurre i livelli di colesterolo LDL al di sotto degli obiettivi stabiliti dalle lineeguida...


Aggiungendo il farmaco Ezetimibe al trattamento con Simvastatina si ottiene una riduzione del rischio di futuri eventi cardiovascolari, tra cui...


Il beneficio delle statine nei pazienti con emorragia subaracnoidea aneurismatica acuta non è chiaro. Si è voluto verificare se la...


La Simvastatina KRKA è un farmaco generico a base di Simvastatina, un ipocolesterolemizzante. La Simvastatina KRKA trova indicazione nel trattamento della...


Cholib è un medicinale impiegato per migliorare i livelli di grassi nel sangue. Contiene due principi attivi, Fenofibrato e Simvastatina,...