Associazione tra Sirolimus e minore rischio di cancro della pelle nei pazienti sottoposti a trapianto di organi solidi e con una storia di cancro


I destinatari di trapianto di organi solidi sono ad aumentato rischio di tumore della pelle. Studi precedenti hanno dimostrato una ridotta incidenza di cancro della pelle nei soggetti con trapianto di organi solidi ( rene ) trattati con Sirolimus ( Rapamune ).
Tuttavia, esistono poche informazioni sull'uso di Sirolimus per la prevenzione del tumore cutaneo nelle persone con trapianto di organo solidi non-renali o in quelli già diagnosticati con un tumore dopo il trapianto.

È stata confrontata la successiva formazione di cancro della pelle in una coorte di trapiantati di organi misti che erano o non erano stati trattati con Sirolimus dopo aver sviluppato un cancro indice di qualsiasi tipo successivo al trapianto.

È stato effettuato uno studio di coorte retrospettivo di 9 anni presso 2 Centri di cura accademici.
Sono state riviste le cartelle cliniche elettroniche per trapianti di organi solidi diagnosticati con un tumore di qualsiasi tipo dopo il trapianto per determinare il tipo di organo trapiantato, il cancro prima del trapianto e dopo il trapianto, e i farmaci immunosoppressori.

I pazienti sono stati sottoposti a trapianto dal 2000 al 2008.

I principali esiti erano i fattori associati al successivo sviluppo di cancro della pelle.

Su 329 soggetti sottoposti a trapianto di organi solidi e con un cancro indice dopo il trapianto ( 100 donne e 229 uomini; età media, 56 anni ), 177 ( 53.8% ) sono stati sottoposti a trapianto di rene; 58 ( 17.6% ) a trapianto di cuore; 54 ( 16.4% ) a trapianto di polmone; 34 ( 10.3% ) a trapianto di fegato; e 6 ( 1.8% ) a trapianto di organi misto.

97 trapiantati ( 29.5% ) sono stati sottoposti a conversione alla terapia con Sirolimus dopo la diagnosi.

130 trapiantati ( 39.5% ) hanno sviluppato un secondo tumore post-trapianto, di cui 115 casi ( 88.5% ) erano tumori della pelle.

Una riduzione dell’11.6% del rischio del tumore cutaneo è stato osservato nei gruppi trattati con Sirolimus rispetto ai non-trattati con Sirolimus complessivamente ( 26 su 97, 26.8%, vs 89 su 232, 38.4%; P=0.045 ) e tra trapiantati non-renali da soli ( 8 su 34, 23.5%, vs 44 su 112, 39.3%, rispettivamente ), anche se quest'ultima differenza non era significativa ( P=0.09 ).

Predittori indipendenti di formazione del cancro della pelle dopo il cancro indice post-trapianto erano: storia di cancro della pelle prima del trapianto ( subhazard ratio, sHR=2.1 ), cancro della pelle come cancro indice post-trapianto ( sHR=5.5 ) e trattamento con Sirolimus ( sHR=0.6 ).

Questi stessi fattori di rischio erano associati con la formazione di cancro della pelle quando l'analisi è stata limitata a trapiantati non-renali.

Nessuna differenza è stata trovata con rigetto di trapianto allogenico o morte tra i gruppi trattati con Sirolimus e non-trattati con Sirolimus.

In conclusione, in questa coorte di trapiantati di organi misti, i pazienti che hanno assunto Sirolimus dopo aver sviluppato cancro post-trapianto hanno avuto un minor rischio di sviluppare un successivo cancro della pelle, senza aumento del rischio di mortalità generale.
Quindi, la conversione alla terapia con Sirolimus può essere considerata nei soggetti sottoposti a trapianto di organi solidi che sviluppano cancro se il rischio di cancro della pelle è fonte di preoccupazione.
Sono necessari studi di maggiori dimensioni per quantificare la riduzione del rischio associato a Sirolimus per altri tipi di cancro. ( Xagena2016 )

Karia PS et al, JAMA Dermatol 2016; 152: 533-540

Dermo2016 Onco2016 Farma2016


Indietro

Altri articoli

La miosite da corpi inclusi è la miosite più frequente nei pazienti di età superiore a 50 anni. Gli immunosoppressori...


Il tumore maligno delle cellule epitelioidi perivascolari ( PEComa ) è un raro sarcoma aggressivo, senza trattamento approvato. Lo studio di...


L'uso di strutture in Acido Polilattico riassorbibili è limitata nella pratica clinica quotidiana per motivi di sicurezza e la mancanza...


Gli stent a rilascio di farmaco di nuova generazione con struttura metallica ultrasottile con polimero biodegradabile potrebbero facilitare la guarigione...



I pazienti con lupus eritematoso sistemico presentano una disfunzione delle cellule T che è stata attribuita all'attivazione del target della...


MiStent è uno stent a rilascio di farmaco con un rivestimento polimerico completamente assorbibile che contiene e incorpora una forma...


La maggior parte dei pazienti con complesso della sclerosi tuberosa ( TSC ), una malattia autosomica dominante causata dall'attivazione costitutiva...


Si è cercato di espandere i limitati dati a lungo termine sul trattamento con Sirolimus in pazienti con nefrite lupica....


Gli stent coronarici a rilascio prolungato di farmaci di prima generazione ( DES ) sono stati introdotti nel 2003-2004, e...