Sicurezza ed efficacia degli stent a rilascio di Everolimus versus Sirolimus


La sicurezza e l’efficacia a lungo termine degli stent a eluizione di Everolimus ( EES ) rispetto agli stent a rilascio di Sirolimus ( SES ) non sono note.
Sono stati confrontati i risultati a 5 anni per gli stent a rilascio di Everolimus con quelli medicati con Sirolimus nello studio SORT OUT IV ( Scandinavian Organization scandinavo for Randomized Trials with Clinical Outcome ).

Il follow-up a 5 anni è stato completato per 2.771 pazienti ( 99.9% ).

L'endpoint primario era un composito di eventi avversi cardiaci maggiori ( MACE ), tra cui morte cardiaca, infarto del miocardio, rivascolarizzazione del vaso target, e trombosi dello stent.

A 5 anni, gli eventi avversi cardiaci maggiori si sono verificati nel 14.0% e nel 17.4% nei gruppi di stent a rilascio di Everolimus e a rilascio di Sirolimus, rispettivamente ( hazard ratio, HR=0.80, P=0.02 ).

Il tasso di MACE non differiva significativamente entro il primo anno ( HR=0.96, P=0.79 ), ma negli anni da 1 a 5, il tasso di MACE è stato inferiore con gli stent medicati con Everolimus ( HR=0.71, P=0.006; P interazione=0.12 ).

La trombosi dello stent è stata inferiore con gli stent a rilascio di Everolimus ( 0.4% ) che con gli stent con Sirolimus ( 2.0%; HR=0.18 ), con un minore rischio di trombosi dello stent molto tardivo nel gruppo stent a rilascio di Everolimus ( 0.2% vs 1.4%, rispettivamente; HR=0.16 ).

Quando i pazienti al momento della trombosi dello stent sono stati censurati, non sono state riscontrate differenze significative tra i due gruppi di stent per i tassi di MACE ( HR=0.89, P=0.23 ), rivascolarizzazione della lesione target ( HR=0.90, P=0.55 ), e infarto miocardico ( HR=0.93, P=0.72 ).

In conclusione, a 5 anni di follow-up, il tasso di eventi avversi cardiaci maggiori è risultato significativamente più basso con gli stent a eluizione di Everolimus rispetto ai pazienti trattati con gli stent a rilascio di Sirolimus, in gran parte a causa di un minor rischio di trombosi molto tardiva dello stent. ( Xagena2016 )

Jensen LO et al, J Am Coll Cardiol 2016; 67: 751-762

Cardio2016 Farma2016


Indietro

Altri articoli

La miosite da corpi inclusi è la miosite più frequente nei pazienti di età superiore a 50 anni. Gli immunosoppressori...


Il tumore maligno delle cellule epitelioidi perivascolari ( PEComa ) è un raro sarcoma aggressivo, senza trattamento approvato. Lo studio di...


L'uso di strutture in Acido Polilattico riassorbibili è limitata nella pratica clinica quotidiana per motivi di sicurezza e la mancanza...


Gli stent a rilascio di farmaco di nuova generazione con struttura metallica ultrasottile con polimero biodegradabile potrebbero facilitare la guarigione...



I pazienti con lupus eritematoso sistemico presentano una disfunzione delle cellule T che è stata attribuita all'attivazione del target della...


MiStent è uno stent a rilascio di farmaco con un rivestimento polimerico completamente assorbibile che contiene e incorpora una forma...


La maggior parte dei pazienti con complesso della sclerosi tuberosa ( TSC ), una malattia autosomica dominante causata dall'attivazione costitutiva...


Si è cercato di espandere i limitati dati a lungo termine sul trattamento con Sirolimus in pazienti con nefrite lupica....


Gli stent coronarici a rilascio prolungato di farmaci di prima generazione ( DES ) sono stati introdotti nel 2003-2004, e...