Efficacia e sicurezza di Rivaroxaban e Warfarin in pazienti con tromboembolismo venoso non-provocato


La trombosi venosa profonda e l’embolia polmonare sono note collettivamente come tromboembolismo venoso ( VTE ), una malattia vascolare comune e una delle principali cause di morbilità e mortalità in tutto il mondo.

E' stata confrontata l'efficacia e la sicurezza di Rivaroxaban ( Xarelto ) rispetto a Warfarin ( Coumadin ) in una coorte prospettica di pazienti con tromboembolismo venoso non-provocato, in terapia di routine.

In uno studio di coorte con abbinamento per propensione, sono stati utilizzati i registri sanitari danesi per identificare tutti i pazienti con una prima diagnosi ospedaliera di tromboembolismo venoso non-provocato che erano nuovi utilizzatori di Rivaroxaban o Warfarin.

I pazienti esclusi comprendevano coloro che non erano residenti in Danimarca per almeno 1 anno prima della diagnosi di tromboembolismo venoso, pazienti con diagnosi di tromboembolismo venoso non-ospedaliera, pazienti con altre indicazioni per il trattamento anticoagulante orale, pazienti con precedente esperienza di terapia anticoagulante orale, pazienti che non avevano una prescrizione di Rivaroxaban o di Warfarin entro 7 giorni dal tromboembolismo venoso, e pazienti che hanno mantenuto le prescrizioni per Rivaroxaban e Warfarin o altri anticoagulanti orali.

L'esito primario di efficacia era il tromboembolismo venoso ricorrente, mentre l'esito di sicurezza primaria era il sanguinamento maggiore.

Dal 2011 al 2016, sono stati identificati 29.963 pazienti con tromboembolismo venoso incidente.

Dopo l'esclusione, sono stati identificati 1.734 pazienti abbinati per propensione a Rivaroxaban ( 1.751 prima dell’abbinamento di propensione ) e 2.945 pazienti abbinati per propensione trattati con Warfarin.

Il tasso di tromboembolismo venoso ricorrente al follow-up a 6 mesi è stato di 9.9 casi incidenti per 100 anni-persona con Rivaroxaban rispetto a 13.1 casi incidenti per 100 anni-persona con Warfarin, ottenendo un hazard ratio ( HR ) pari a 0.74.

Il tasso di sanguinamento maggiore è stato di 2.4 per 100 anni-persona a 6 mesi negli utilizzatori di Rivaroxaban rispetto a 2.0 negli utilizzatori di Warfarin ( hazard ratio, HR=1.19 ).

In questo ambito clinico, Rivaroxaban nei pazienti con tromboembolismo venoso non-provocato è risultato associato a un ridotto rischio di tromboembolismo venoso ricorrente rispetto al trattamento standard, senza compromettere la sicurezza. ( Xagena2017 )

Larsen TB et al, Lancet Haematology 2017; 4: 237-244

Emo2017 Farma2017


Indietro

Altri articoli

Gli anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) sono preferiti rispetto al Warfarin ( Coumadin ) per la prevenzione dell'ictus nella...


Rispetto alla popolazione generale, i pazienti con malattia renale cronica avanzata hanno un carico di fibrillazione atriale di 10 volte...


Da una meta-analisi è emerso che i pazienti con fibrillazione atriale con malattia renale allo stadio terminale ( ESRD )...


Le lineeguida mettono in guardia contro l'uso di anticoagulanti orali non-antagonisti della vitamina K in pazienti con peso corporeo estremamente...


Poiché gli studi sugli anticoagulanti orali diretti nei pazienti con tromboembolismo venoso e fibrillazione atriale non-valvolare hanno avuto una rappresentazione...


Sono stati valutati l'uso e gli esiti della terapia antipiastrinica in pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo ( PCI )...


Gli anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) stanno superando il Warfarin ( Coumadin ) come anticoagulanti di scelta per la...


L'uso di terapia ponte a base di Eparina a basso peso molecolare durante l'interruzione dell’assunzione di Warfarin ( Coumadin )...


Uno studio osservazionale, effettuato in Norvegia, ha mostrato che l'anticoagulante orale Warfarin ( Coumadin ) può proteggere le persone di...


Lo studio ENSURE-AF ( EdoxabaN versus warfarin in subjectS UndeRgoing cardiovErsion of Atrial Fibrillation ) sulla anticoagulazione per cardioversione elettrica...