Aumento dell'aritmia cardiaca dopo ipertensione indotta dalla gravidanza


Sebbene l'ipertensione indotta dalla gravidanza ( PIH ) sia associata a un rischio cardiovascolare elevato, gli studi a lungo termine o i dati di base sulla pre-gravidanza sono scarsi.

Pertanto, utilizzando un'ampia coorte nazionale con dati di screening sanitario periodico pre-gravidanza, si è determinato se l'incidenza di aritmia clinicamente significativa aumenti dopo ipertensione indotta dalla gravidanza.

I dati sono stati estratti dal database Korea National Health Insurance e combinati con il database National Health Screening Examination; le donne che hanno partorito tra il 2007 e il 2015 e che sono state sottoposte al test di screening sanitario nazionale entro 1 anno prima della gravidanza sono state seguite fino al 2016.
Sono state escluse le donne che avevano una diagnosi di aritmia entro 1 anno prima della gravidanza.

L'esito primario era un'aritmia significativa durante l'anno successivo al parto. L'analisi secondaria includeva solo codici diagnostici specifici di aritmia con significato clinico. Inoltre, il rischio di aritmia è stato stratificato mediante l'uso di Solfato di Magnesio.

Su 2.035.684 donne ( PIH; n=37.297 rispetto alla gravidanza normotensiva; n=1.998.387 ), il gruppo ipertensione indotta dalla gravidanza ha mostrato un profilo di rischio pre-gravidanza più elevato e una maggiore incidenza di aritmia rispetto alle donne con gravidanze normotensive entro 1 anno.

Le donne con ipertensione indotta dalla gravidanza hanno avuto un rischio significativamente più elevato di flutter atriale / fibrillazione atriale e blocco atrioventricolare, ma non di aritmie letali.
Altri fattori predittivi dello sviluppo dell'aritmia hanno incluso l'età materna avanzata e il taglio cesareo.
L'analisi stratificata ha mostrato un rischio maggiore di aritmia con l'uso di Solfato di Magnesio.

La ipertensione indotta dalla gravidanza è risultata significativamente associata allo sviluppo di aritmia entro 1 anno dal parto.
Tuttavia, l'incidenza di aritmie letali non è stata aumentata dalla ipertensione indotta dalla gravidanza.
L'aritmia, in particolare la fibrillazione atriale, può ampiamente contribuire ad aumentare il futuro rischio cardiovascolare nelle donne con una storia di ipertensione indotta dalla gravidanza. ( Xagena2022 )

Park Y et al, J Am Heart Assoc 2022; 11: e023013

Cardio2022 Gyne2022



Indietro

Altri articoli

Si è valutato se i bambini nati da donne che usano antidepressivi serotoninergici durante la gravidanza hanno un rischio maggiore...


I benefici e la sicurezza del trattamento dell'ipertensione cronica lieve ( pressione arteriosa inferiore a 160/100 mm Hg ) durante...


I disturbi ipertensivi della gravidanza sono associati a future malattie cardiovascolari, forse a causa di una disfunzione cardiaca subclinica prima...


Da uno studio è emerso che il trattamento dell'ipertensione cronica lieve durante la gravidanza con un obiettivo pressorio inferiore a...


L'uso prenatale di Cannabis continua ad aumentare, ma gli studi sulle caratteristiche demografiche, psichiatriche e mediche associate all'uso di Cannabis...


L'EMA ( European Medicines Agency ) ha raccomandato agli operatori sanitari di posticipare l'impiego dei vaccini vivi nei neonati che...


Il cancro del colon-retto è una delle principali cause di morte per tumore in tutto il mondo. L'obesità è...


Il tromboembolismo venoso correlato alla gravidanza è una delle principali cause di morbilità e mortalità materna e la tromboprofilassi è...


È stata studiata l'associazione tra diabete mellito gestazionale ed esiti avversi della gravidanza dopo aggiustamento per almeno fattori confondenti minimi...


La Teriflunomide ( Aubagio ) è un farmaco orale utilizzato per il trattamento della sclerosi multipla ( SM ). A...