Gravidanza dopo il tumore al seno


Molti pazienti e medici avvertono preoccupazione per i potenziali effetti dannosi della gravidanza dopo il tumore al seno in termini di esiti riproduttivi e sicurezza materna.
Una revisione sistematica e meta-analisi ha fornito prove aggiornate su questi argomenti.

È stata condotta una revisione sistematica della letteratura per identificare gli studi che includevano pazienti con una gravidanza dopo cancro al seno.
Sono stati valutati la probabilità di gravidanza dopo tumore mammario, gli esiti riproduttivi e la sicurezza materna.
I rischi relativi aggregati, gli odds ratio ( OR ) e gli hazard ratio ( HR ) sono stati calcolati utilizzando modelli a effetti casuali.

Dei 6.462 studi identificati, ne sono stati inclusi 39 che hanno coinvolto 8.093.401 donne della popolazione generale e 112.840 pazienti con cancro al seno di cui 7.505 hanno avuto una gravidanza dopo la diagnosi.
Le sopravvissute al tumore mammario hanno avuto una probabilità significativamente inferiore di avere una gravidanza successiva rispetto alla popolazione generale ( rischio relativo, RR=0.40 ).

Rischi di taglio cesareo ( OR=1.14 ), basso peso alla nascita ( OR=1.50 ), parto pretermine ( OR=1.45 ) e neonati piccoli per l'età gestazionale ( OR=1.16 ) sono risultati significativamente più alti nelle sopravvissute a cancro alla mammella, in particolare in quelle con precedente esposizione alla chemioterapia, rispetto alla popolazione generale.
Non è stato osservato alcun aumento significativo del rischio di anomalie congenite o altre complicanze riproduttive.

Rispetto alle pazienti con cancro al seno senza successiva gravidanza, quelle con una gravidanza hanno avuto una migliore sopravvivenza libera da malattia ( HR=0.66 ) e sopravvivenza globale ( HR=0.56 ).

Risultati simili sono stati osservati dopo aver corretto i potenziali fattori confondenti e indipendentemente dal paziente, dal tumore e dalle caratteristiche del trattamento, dall'esito della gravidanza e dai tempi della gravidanza.

Questi risultati hanno fornito prove rassicuranti sulla sicurezza del concepimento nei sopravvissuti a cancro alla mammella.
Il desiderio di gravidanza delle pazienti dovrebbe essere considerato una componente cruciale del loro piano di assistenza per la sopravvivenza. ( Xagena2021 )

Lambertini M et al, J Clin Oncol 2021; 39: 3293-3305

Gyne2021 Onco2021



Indietro

Altri articoli

Si è valutato se i bambini nati da donne che usano antidepressivi serotoninergici durante la gravidanza hanno un rischio maggiore...


I benefici e la sicurezza del trattamento dell'ipertensione cronica lieve ( pressione arteriosa inferiore a 160/100 mm Hg ) durante...


I disturbi ipertensivi della gravidanza sono associati a future malattie cardiovascolari, forse a causa di una disfunzione cardiaca subclinica prima...


Da uno studio è emerso che il trattamento dell'ipertensione cronica lieve durante la gravidanza con un obiettivo pressorio inferiore a...


L'uso prenatale di Cannabis continua ad aumentare, ma gli studi sulle caratteristiche demografiche, psichiatriche e mediche associate all'uso di Cannabis...


L'EMA ( European Medicines Agency ) ha raccomandato agli operatori sanitari di posticipare l'impiego dei vaccini vivi nei neonati che...


Il cancro del colon-retto è una delle principali cause di morte per tumore in tutto il mondo. L'obesità è...


Il tromboembolismo venoso correlato alla gravidanza è una delle principali cause di morbilità e mortalità materna e la tromboprofilassi è...


È stata studiata l'associazione tra diabete mellito gestazionale ed esiti avversi della gravidanza dopo aggiustamento per almeno fattori confondenti minimi...


La Teriflunomide ( Aubagio ) è un farmaco orale utilizzato per il trattamento della sclerosi multipla ( SM ). A...