Il trattamento dell'ipertensione cronica lieve in gravidanza sembra apportare benefici, e risulta sicuro per la madre e il bambino


Da uno studio è emerso che il trattamento dell'ipertensione cronica lieve durante la gravidanza con un obiettivo pressorio inferiore a 140/90 mmHg ha ridotto gli esiti avversi della gravidanza e non ha compromesso la crescita fetale.

Le donne incinte con ipertensione cronica lieve trattate con farmaci anti-ipertensivi hanno presentato tassi significativamente ridotti di grave preeclampsia, parto pretermine prima della 35a settimana di gestazione, distacco della placenta e morte fetale o neonatale, rispetto alla strategia di riservare il trattamento solo alle donne che hanno sviluppato grave ipertensione durante la gravidanza.

Inoltre, non vi è stato alcun aumento del rischio di peso alla nascita piccolo per l'età gestazionale quando è stata seguita la strategia di trattamento attivo.

Attualmente, le terapie antipertensive sono raccomandate per la popolazione generale, non-incinta; tuttavia, i benefici e la sicurezza in gravidanza non sono ben definiti.

Il CHAP ( Chronic Hypertension and Pregnancy ) Trial Consortium aveva come obiettivo quello di valutare se la prescrizione di farmaci per la pressione arteriosa a donne in gravidanza con ipertensione cronica lieve, definita come pressione arteriosa inferiore a 160/100 mm Hg, fosse di beneficio e sicura.

Hanno preso parte allo studio 2.408 donne incinte con feti singoli che avevano meno di 23 settimane di gestazione in 61 siti nel periodo 2015-2021.
Le donne sono state assegnate in modo casuale a ricevere per prime farmaci antipertensivi di prima linea raccomandati per l'uso in gravidanza con una pressione arteriosa target inferiore a 140/90 mmHg o nessun trattamento a meno di sviluppare una grave ipertensione. L'ipertensione grave è stata definita come 160/105 mm Hg o valore superiore.

Più della metà ( 56% ) delle donne stava già ricevendo farmaci antipertensivi al basale. Alle donne nel gruppo di trattamento attivo sono stati prescritti Labetalolo o Nifedipina o altri farmaci come Amlodipina o Metildopa in base alle preferenze del paziente.
I farmaci più frequentemente utilizzati sono stati Labetalolo ( 61.7% ) e Nifedipina ( 35.6% ).

Le donne che hanno ricevuto farmaci antipertensivi durante la gravidanza hanno avuto una ridotta incidenza dell'outcome primario ( composito di grave preeclampsia, parto pretermine prima di 35 settimane, distacco della placenta e morte fetale o neonatale ), che si è verificato nel 30.2% del gruppo trattamento attivo rispetto al 37% del gruppo controllo ( rapporto di rischio aggiustato, aRR= 0.82; IC 95%, 0.74-0.92; P inferiore a 0.001 ).
Il numero necessario da trattare ( NNT ) per prevenire uno di questi esiti è stato di 14.7.

Per l'esito primario di sicurezza, peso alla nascita piccolo per l'età gestazionale al di sotto del 10° percentile, l'incidenza è stata dell'11.2% nel gruppo trattamento attivo rispetto al 10.4% nel gruppo controllo ( aRR= 1.04; IC 95%, 0.82-1.31; P = 0.76 ).

L'incidenza di gravi complicanze materne è stata del 2.1% nel gruppo trattamento attivo contro 2.8% nel gruppo controllo ( RR=0.77; IC 95%, 0.45-1.3 ), qualsiasi preeclampsia è stata del 24.4% vs 31.1%, rispettivamente ( RR = 0.79; IC 95%, 0.69-0.89 ) e la nascita pretermine è stata del 27.5% vs 31.4%, rispettivamente ( RR = 0.87; IC 95%, 0.77-0.99 ).
La mortalità materna è stata nel complesso simile tra i gruppi e rara.
In generale, gli esiti cardiovascolari materni sono apparsi più favorevoli, anche se non significativamente migliori, tra le donne la cui ipertensione è stata trattata, soprattutto per morte materna, edema polmonare, insufficienza renale e ricoveri in terapia intensiva.
Lo stesso è valso per le gravi complicazioni neonatali.

Si stima che il 2% delle donne negli Stati Uniti presentino durante la gravidanza alti valori pressori, e fino all'80% ha una lieve ipertensione cronica.
I tassi stanno aumentando a causa dell'età avanzata al parto e dell'obesità. ( Xagena2022 )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2022

Cardio2022 Gyne2022 Pedia2022 Farma2022


Indietro

Altri articoli

I benefici e la sicurezza del trattamento dell'ipertensione cronica lieve ( pressione arteriosa inferiore a 160/100 mm Hg ) durante...


I disturbi ipertensivi della gravidanza sono associati a future malattie cardiovascolari, forse a causa di una disfunzione cardiaca subclinica prima...


L'EMA ( European Medicines Agency ) ha raccomandato agli operatori sanitari di posticipare l'impiego dei vaccini vivi nei neonati che...


La Teriflunomide ( Aubagio ) è un farmaco orale utilizzato per il trattamento della sclerosi multipla ( SM ). A...


Sebbene l'ipertensione indotta dalla gravidanza ( PIH ) sia associata a un rischio cardiovascolare elevato, gli studi a lungo termine...


È stata studiata l'attività della malattia correlata alla gravidanza in una coorte di sclerosi multipla contemporanea. Utilizzando i dati dell’MSBase...


I corticosteroidi topici sono spesso usati durante la gravidanza. Dati limitati hanno sollevato preoccupazioni circa un aumento del rischio che...


La consulenza preconcezionale per le donne con sindrome di Marfan è importante e richiede un'attenta valutazione delle dimensioni aortiche. La sindrome...


Un precedente ampio studio randomizzato ha indicato che la terapia con Aspirina ( Acido Acetilsalicilico; ASA ) a basse dosi...