Valutazione dell'uso topico di corticosteroidi in gravidanza e rischio che i neonati siano piccoli per l'età gestazionale e abbiano un basso peso alla nascita


I corticosteroidi topici sono spesso usati durante la gravidanza. Dati limitati hanno sollevato preoccupazioni circa un aumento del rischio che il neonato sia piccolo per l'età gestazionale ( SGA ) e abbia un basso peso alla nascita, in particolare con l'uso di agenti da potenti a molto potenti durante la gravidanza.

Si è valutato se l'uso topico di corticosteroidi in gravidanza sia associato a maggiori rischi di bambino nato piccolo per l'età gestazionale e basso peso alla nascita.
Da una coorte di 1.1 milioni di gravidanze con dati a livello individuale provenienti da vari registri, uno studio di coorte nazionale ha identificato gravidanze esposte a corticosteroidi topici in Danimarca dal 1997 al 2016, per un totale di 60.497, che sono state abbinate a 241.986 gravidanze non-esposte sulla base dei punteggi di propensione, incluso un ampio set di caratteristiche di base.

Gli esiti primari erano bambini nati piccoli per l'età gestazionale e basso peso alla nascita.
L'associazione tra esiti ed esposizione è stata valutata mediante rapporti di rischio relativo ( RR ) e differenze di rischio assoluto ( ARD ).

Tra le 60.497 gravidanze abbinate esposte a corticosteroidi topici, 5.678 ( 9.4% ) dei neonati partoriti sono nati bambini piccoli per la età gestazionale, rispetto a 22.634 neonati ( 9.4% ) tra le gravidanze non-esposte abbinate ( RR, 1.00; ARD, 0.3 ).
Il basso peso alla nascita si è verificato in 2006 delle gravidanze esposte ( 3.3% ) rispetto a 8.675 ( 3.6% ) delle gravidanze non-esposte ( RR, 0.92; ARD, -2.7 ).

L'esposizione a corticosteroidi topici potenti o molto potenti a qualsiasi quantità non è stata associata a un aumento del rischio di bambini nati piccoli per l'età gestazionale ( RR, 1.03 ) o basso peso alla nascita ( RR, 0.94 ).

Le analisi post hoc non hanno riscontrato un aumento significativo del rischio tra coloro che hanno ricevuto grandi quantità di corticosteroidi topici da potenti a molto potenti ( cioè superiori a 200 g durante la gravidanza ) rispetto alle gravidanze non-esposte ( RR, 1.17 per piccolo per età gestazionale e RR 1.14 per basso peso alla nascita ).

Questo ampio studio di coorte non ha trovato alcuna associazione tra l'uso topico di corticosteroidi in gravidanza e un aumento del rischio di bambini piccoli per la età gestazionale o basso peso alla nascita.
Questi risultati hanno indicato che un aumento del rischio da moderato a grande è improbabile, anche quando vengono utilizzate grandi quantità di corticosteroidi topici da potenti a molto potenti in gravidanza. ( Xagena2021 )

Andersson NW et al, JAMA Dermatol 2021; 157: 788-795

Dermo2021 Pedia2021 Gyne2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

Si è valutato se i bambini nati da donne che usano antidepressivi serotoninergici durante la gravidanza hanno un rischio maggiore...


I benefici e la sicurezza del trattamento dell'ipertensione cronica lieve ( pressione arteriosa inferiore a 160/100 mm Hg ) durante...


I disturbi ipertensivi della gravidanza sono associati a future malattie cardiovascolari, forse a causa di una disfunzione cardiaca subclinica prima...


Da uno studio è emerso che il trattamento dell'ipertensione cronica lieve durante la gravidanza con un obiettivo pressorio inferiore a...


L'uso prenatale di Cannabis continua ad aumentare, ma gli studi sulle caratteristiche demografiche, psichiatriche e mediche associate all'uso di Cannabis...


L'EMA ( European Medicines Agency ) ha raccomandato agli operatori sanitari di posticipare l'impiego dei vaccini vivi nei neonati che...


Il cancro del colon-retto è una delle principali cause di morte per tumore in tutto il mondo. L'obesità è...


Il tromboembolismo venoso correlato alla gravidanza è una delle principali cause di morbilità e mortalità materna e la tromboprofilassi è...


È stata studiata l'associazione tra diabete mellito gestazionale ed esiti avversi della gravidanza dopo aggiustamento per almeno fattori confondenti minimi...


La Teriflunomide ( Aubagio ) è un farmaco orale utilizzato per il trattamento della sclerosi multipla ( SM ). A...