Sicurezza ed efficacia di CVT-301, polvere per inalazione di Levodopa, sulla funzione motoria durante periodi di sospensione dei farmaci nei pazienti con malattia di Parkinson


I pazienti con malattia di Parkinson trattati cronicamente con Levodopa hanno comunemente un inizio ritardato o imprevedibile dei benefici dopo l'assunzione orale.
Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia di CVT-301, una versione di Levodopa in polvere per inalazione orale auto-somministrata, per il trattamento dei pazienti con malattia di Parkinson durante i periodi di sospensione dei farmaci.

In uno studio di fase 3, randomizzato e controllato con placebo, in doppio cieco, i pazienti sono stati reclutati in 65 siti in Canada, Polonia, Spagna e Stati Uniti.
I partecipanti eleggibili erano pazienti con malattia di Parkinson di età compresa tra 30 e 85 anni, che avevano periodi di sospensione dei farmaci giornalieri di 2 o più ore e che avevano mostrato un miglioramento del 25% o maggiore nel punteggio motorio alla scala UPDRS ( Unified Parkinson's Disease Rating Scale ) dal periodo senza farmaci al periodo con farmaci dopo l’uso di Levodopa orale più una combinazione di inibitori della dopa-decarbossilasi.

I pazienti sono stati assegnati a CVT-301 60 mg, CVT-301 84 mg oppure a placebo.

I risultati della spirometria e lo stadio della malattia secondo Hoehn e Yahr ( modificato ) allo screening sono stati utilizzati per la stratificazione dei gruppi di trattamento.

Ogni dose di studio consisteva in due capsule somministrate con un inalatore.
I pazienti sono stati istruiti a utilizzare il farmaco di studio quando necessario nei periodi di sospensione dei farmaci e potevano autosomministrarsi fino a 5 dosi al giorno.

L'endpoint primario era la variazione del punteggio motorio alla scala UPDRS da pre-dose a 30 minuti post-dose, valutata alla settimana 12 durante un periodo di sospensione dei farmaci in clinica, nel gruppo CVT-301 84 mg rispetto al gruppo placebo.
L'analisi era per intention-to-treat.
La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del trattamento sperimentale.

Tra il 2014 e il 2016, 351 pazienti sono stati arruolati e assegnati in modo casuale a ricevere CVT-301 60 mg ( n=115 ), CVT-301 84 mg ( n=120 ) o placebo ( n=116 ).
Di questi, 339 hanno ricevuto il trattamento di studio assegnato ( CVT-301 60 mg, n=113; CVT-301 84 mg, n=114; placebo, n=112 ) e 290 hanno completato lo studio ( CVT-301 60 mg, n=96; CVT-301 84 mg, n=97; placebo, n=97 ).

La differenza media dei minimi quadrati nel cambiamento del punteggio motorio UPDRS da pre-dose a 30 minuti post-dose è stata pari a -5.91 per il gruppo placebo e a -9.83 per il gruppo CVT-301 84 mg ( differenza tra i gruppi -3.92; P=0.0088 ).

I trattamenti sono risultati sicuri e ben tollerati. Gravi eventi avversi sono stati riportati da 2 ( 2% ) su 112 pazienti nel gruppo placebo, 7 ( 6% ) su 113 nel gruppo CVT-301 60 mg e 5 ( 4% ) su 114 nel gruppo CVT-301 84 mg, senza eventi avversi gravi che si sono verificati in più di un paziente in qualsiasi gruppo di trattamento.
11 pazienti su 339 ( 3% ) hanno presentato 19 eventi avversi gravi ( 3 su 112 pazienti trattati con placebo, 3%, 6 su 113 con CVT-301 60 mg, 5%, e due su 114 con CVT- 301 84 mg, 2% ).
Di questi, l'ipotensione e la fibrillazione atriale erano probabilmente correlati al farmaco in studio.

CVT-301 può migliorare i punteggi motori UPDRS dei pazienti con malattia di Parkinson durante i periodi di sospensione dei farmaci in clinica, con pochi gravi eventi avversi.
La sicurezza e l'efficacia a lungo termine di CVT-301 devono essere studiate in studi futuri. ( Xagena2019 )

LeWitt PA et al, Lancet Neurology 2019; 18: 145-154

Neuro2019 Farma2019


Indietro

Altri articoli

La Levodopa è il trattamento principale per i sintomi della malattia di Parkinson. Determinare se la Levodopa abbia anche un...


È stata valutata la relazione tra lo sviluppo della discinesia indotta da Levodopa ( LID ) e i cambiamenti longitudinali...


Si è determinato se aumentare le dosi fisse di Carbidopa di 65 o 105 mg ( ODM-101/65 e ODM-101/105 )...


È stata valutata la frequenza della discinesia in una coorte di pazienti con malattia di Parkinson basata sulla popolazione. La...


Il trattamento con Levodopa nella malattia di Parkinson può contribuire a diminuire la pressione aortica centrale ( CAP ), che...


Sono stati riportati i risultati di una indagine, effettuata in Italia, volta a quantificare l'attuale livello di diffusione del...


Sono stati pubblicati i risultati di uno studio di fase 2 riguardanti Dipraglurant, un candidato farmaco per i pazienti con...


È stato valutato l'effetto del gel intestinale Levodopa-Carbidopa ( sospensione enterale Carbidopa-Levodopa; Duopa; Duodopa ) nei pazienti con malattia di...


Diversi studi sul gel intestinale Levodopa-Carbidopa ( LCIG; Duodopa ) hanno mostrato una riduzione significativa del tempo OFF e un...