La terapia antifungina per os produce benefici nell’asma grave con sensibilizzazione fungina e aspergillosi broncopolmonare allergica


C’è pochissima conoscenza riguardo al tasso di risposta al trattamento, o alla sua adeguatezza, nei pazienti con malattie fungine allergiche del polmone.

Ricercatori dell’University of Manchester hanno valutato l’effetto della terapia antifungina nei pazienti con forma grave di asma e sensibilizzazione fungina e aspergillosi broncopolmonare allergica.

E’ stata studiata in modo retrospettivo una coorte di 33 pazienti adulti che hanno incontrato i criteri di asma grave con sensibilizzazione fungina ( n=22 ) o aspergillosi broncopolmonare allergica ( n=11 ).

Tutti i pazienti avevano ricevuto terapia antifungina per almeno 6 mesi.

L’endpoint dello studio era l’effetto della terapia antifungina sulla funzione polmonare dei pazienti.

In generale, i valori di IgE totali e del test RAST ( test di riassorbimento ) per Aspergillus fumigatus sono risultati marcatamente ridotti dopo 6 mesi di terapia in entrambi i gruppi di pazienti ( p=0.004 per asma grave con sensibilizzazione fungina; p=0.005 per aspergillosi broncopolmonare allergica ).

La riduzione è stata vista nella conta degli eosinofili ( p=0.037 ), nel dosaggio degli steroidi per os ( o=0.043 ) e nei cicli di steroidi sistemici richiesti ( p=0.041 ).

E’ stato riscontrato anche un miglioramento della funzione polmonare ( p=0.016 ).

Quattro su 10 pazienti hanno interrotto l’assunzione di steroidi per bocca dopo 6 mesi di terapia.

E’ stata anche osservata la riduzione dei livelli IgE ( p=0.015 ) e del RAST per Aspergillus fumigatus ( p=0.006 ) per quei pazienti trattati per almeno 1 anno con farmaci antifungini.

In conclusione, sia i pazienti con aspergillosi broncopolmonare allergica sia quelli con asma grave con sensibilizzazione fungina hanno beneficiato del trattamento con antifungini per os.
La terapia antifungina può agire riducendo il carico antigenico, interagendo con i corticosteroidi o mediante un diretto effetto immunologico. ( Xagena2009 )

Pasqualotto AC et al, Respiratory 2009; 14: 1121-1127


Inf2009 Farma2009 Pneumo2009


Indietro

Altri articoli

L'aspergillosi polmonare invasiva si verifica in genere in un ospite immunocompromesso. Da quasi un secolo è stato accertato che l'influenza...


L’aspergillosi polmonare ha decorsi variabili di malattia, gravità ed esiti a seconda delle condizioni di base. Ci sono dati limitati...


Cresemba è un medicinale antimicotico, il cui il principio attivo è Isavuconazolo, che trova impiego nel trattamento degli adulti affetti...


Cancidas è un antifungino usato per trattare le seguenti infezioni fungine in pazienti adulti o pediatrici: • candidiasi invasiva ( una...


Il recettore noto come Pentraxina 3 lunga ( PTX3 ) ha un ruolo non-ridondante nella immunità antifungina. Il contributo dei...


L’epatite alcolica grave ha una prognosi sfavorevole a breve termine. Anche se le infezioni sono complicazioni frequenti della epatite alcolica,...


Il trattamento della leucemia linfatica cronica è in rapida evoluzione, con nuovi farmaci emergenti. Alemtuzumab ( Campath; MabCampath ) è...


I fattori prognostici di aspergillosi polmonare necrotizzante cronica rimangono non ben definiti. Sono stati valutati i fattori prognostici di mortalità...


Il trattamento empirico con farmaci antifungini è spesso utilizzato in pazienti ematologici ad alto rischio di aspergillosi invasiva. Uno studio ha...


E’ raccomandata l’identificazione dell’organismo che causa la aspergillosi polmonare invasiva. Uno studio prospettico di 50 pazienti ha valutato se fosse possibile...