Antibiotici profilattici nella prevenzione dell'infezione dopo parto vaginale operativo: studio ANODE


I fattori di rischio per l'infezione materna sono chiaramente riconosciuti, incluso il taglio cesareo e la nascita vaginale operativa.
La profilassi antibiotica al taglio cesareo è ampiamente raccomandata perché ci sono evidenti prove di revisioni sistematiche che dimostrano la riduzione dell'incidenza di infezione materna.

Le attuali linee guida dell'OMS ( Organizzazione Mondiale della Sanità ) non raccomandano la profilassi antibiotica di routine per le donne sottoposte a parto vaginale operativo a causa di prove di efficacia insufficienti.

L'obiettivo di uno studio è stato quello di determinare se la profilassi antibiotica prevenga l'infezione materna dopo il parto vaginale operativo.

Nello studio randomizzato, controllato, ANODE, condotto in 27 reparti ostetrici del Regno Unito, donne di età a partire da 16 anni sono state assegnate a ricevere una singola dose di Amoxicillina e Acido Clavulanico ( Augmentin ) per via endovenosa oppure placebo ( soluzione salina ) dopo la nascita vaginale operativa a 36 settimane di gestazione o più tardi.

L'esito primario era l'infezione materna confermata o sospetta entro 6 settimane dal parto definita da una nuova prescrizione di antibiotici per indicazioni specifiche, infezione sistemica confermata in coltura o endometrite.

Tra il 2016 e il 2018, 3.427 donne sono state assegnate in modo casuale al trattamento: 1.719 ad Amoxicillina e Acido Clavulanico e 1.708 al placebo.
7 donne si sono ritirate, lasciandone 1.715 nel gruppo Amoxicillina e Acido Clavulanico e 1.705 nel gruppo placebo.
I dati sugli esiti primari per 195 donne ( 6% ) erano mancanti.

Un numero significativamente inferiore di donne assegnate all'Amoxicillina e all'Acido Clavulanico ha presentato una infezione confermata o sospetta ( 180 su 1.619, 11% ) rispetto alle donne assegnate al placebo ( 306 su 1.606, 19%; risk ratio, RR 0.58, P minore di 0.0001 ).
Una donna nel gruppo placebo ha riportato una eruzione cutanea e due donne nel gruppo Amoxicillina e Acido Clavulanico hanno riportato altre reazioni allergiche, una delle quali è stata segnalata come evento avverso grave.
Sono stati segnalati altri due eventi avversi gravi e nessuno dei due è stato considerato correlato al trattamento.

Lo studio ha dimostrato il beneficio di una singola dose di antibiotico profilattico dopo la nascita vaginale operativa e le indicazioni dell'OMS e di altre organizzazioni dovrebbero essere cambiate in base a questi dati. ( Xagena2019 )

Knight M et al, Lancet 2019; 393: 2395-2403

Inf2019 Gyne2019 Farma2019


Indietro

Altri articoli

L'impiego degli antibiotici era comune in alcuni Paesi durante la fase iniziale della pandemia del coronavirus 2019 ( COVID-19 ),...


La somministrazione di antibiotici prima del parto cesareo non ha aumentato i rischi di asma, eczema o altre condizioni allergiche...


L'uso di antibiotici perioperatori, profilattici ed endovenosi è una pratica standard per ridurre il rischio di infezione del sito chirurgico...


Ci sono pochi dati riguardo all'efficacia relativa dei singoli beta-lattamici. L'obiettivo di uno studio è stato quello di quantificare la ridotta...


I probiotici sono spesso utilizzati dai residenti nelle case di cura ( case di riposo o case di cura che...


La terapia antibiotica è stata proposta come alternativa alla chirurgia per il trattamento dell'appendicite. È stato condotto uno studio pragmatico, non-in-cieco,...


L'infezione polmonare cronica da Pseudomonas aeruginosa è una delle cause più importanti di mortalità e morbilità nella fibrosi cistica. Se...


I fluorochinoloni sono antibiotici autorizzati per il trattamento di infezioni batteriche gravi che mettono in pericolo di vita il paziente. La...


A seguito della revisione dei dati di sicurezza sui fluorochinolonici condotta a livello europeo, l’Agenzia Europea per i Medicinali (...


La gestione delle infezioni ortopediche complesse di solito include un ciclo prolungato di antibiotici per via endovenosa. Si è...