Ridotta efficacia degli antibiotici beta-lattamici: uno studio di coorte di popolazione nelle cure primarie in Italia


Ci sono pochi dati riguardo all'efficacia relativa dei singoli beta-lattamici.

L'obiettivo di uno studio è stato quello di quantificare la ridotta efficacia, definita come il passaggio a un diverso antibiotico prescritto per la stessa indicazione, tra i nuovi utilizzatori di antibiotici beta-lattamici nelle cure primarie.

Uno studio di coorte retrospettivo è stato condotto utilizzando l'Health Search Database, una fonte di dati italiani sulle cure primarie.
Sono stati identificati i pazienti con nuova prescrizione di beta-lattamici per una specifica indicazione tra il 1 gennaio 2013 e il 31 dicembre 2017.
L'esito dello studio è stato il passaggio a un diverso antibiotico per la stessa indicazione che si è verificato durante un follow-up di 30 giorni.

Tra 178.256 pazienti appena trattati con antibiotici beta-lattamici, 1172 ( 0.65% ) sono passati a un altro antibiotico.

Amoxicillina / Clavulanato ( co-AmoxiClav, Augmentin: n = 104.891 ) e Amoxicillina ( n = 21.699 ) erano i beta-lattamici più frequentemente prescritti.

Gli altri antibiotici hanno mostrato un rischio di passaggio significativamente più elevato rispetto a co-AmoxiClav per il tratto respiratorio inferiore [ ad es. Ceftriaxone, hazard ratio ( HR ): 1.6, IC 95%: 1.2-2.0 ], dentale [ es. Amoxicillina, HR: 4.2, IC 95%: 2.9-5.9 ] e infezioni dell'orecchio medio [ ad es. Amoxicillina, HR: 1.8, IC 95%: 1.1-2.7 ].

Gli stessi risultati sono stati ottenuti escludendo le formulazioni parenterali.

In conclusione, la prevalenza della ridotta efficacia degli antibiotici beta-lattamici di nuova prescrizione è risultata inferiore all'1%.
In particolare, il tasso di passaggio a un altro antibiotico, quando è stato prescritto per il trattamento delle infezioni del tratto respiratorio basso, dei denti e dell'orecchio medio, era inferiore tra gli utilizzatori di Amoxicillina / Clavulanato rispetto a quelli prescritti con altri beta-lattamici. ( Xagena2021 )

Lapi F et al, J Antimicrob Chemother 2021;76:2186-2194

Inf2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

L'impiego degli antibiotici era comune in alcuni Paesi durante la fase iniziale della pandemia del coronavirus 2019 ( COVID-19 ),...


La somministrazione di antibiotici prima del parto cesareo non ha aumentato i rischi di asma, eczema o altre condizioni allergiche...


L'uso di antibiotici perioperatori, profilattici ed endovenosi è una pratica standard per ridurre il rischio di infezione del sito chirurgico...


I probiotici sono spesso utilizzati dai residenti nelle case di cura ( case di riposo o case di cura che...


La terapia antibiotica è stata proposta come alternativa alla chirurgia per il trattamento dell'appendicite. È stato condotto uno studio pragmatico, non-in-cieco,...


L'infezione polmonare cronica da Pseudomonas aeruginosa è una delle cause più importanti di mortalità e morbilità nella fibrosi cistica. Se...


I fluorochinoloni sono antibiotici autorizzati per il trattamento di infezioni batteriche gravi che mettono in pericolo di vita il paziente. La...


A seguito della revisione dei dati di sicurezza sui fluorochinolonici condotta a livello europeo, l’Agenzia Europea per i Medicinali (...


La gestione delle infezioni ortopediche complesse di solito include un ciclo prolungato di antibiotici per via endovenosa. Si è...