Effetto di Anakinra,un antagonista del recettore dell'interleuchina 1, sulla mortalità nei pazienti con COVID-19


Anakinra ( Kineret ) potrebbe migliorare la prognosi dei pazienti con COVID-19 da moderata a grave ( cioè, pazienti che richiedono un'integrazione di Ossigeno ma non ricevono ancora supporto d'organo ).
È stato valutato l'effetto del trattamento con Anakinra sulla mortalità nei pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19.

Per questa revisione sistematica e meta-analisi a livello di singolo paziente, il 28 dicembre 2020 è stata effettuata una ricerca sistematica della letteratura per studi randomizzati, studi comparativi e studi osservazionali su pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19, confrontando la somministrazione di Anakinra con lo standard di cura, o placebo, o entrambi.
La ricerca è stata ripetuta il 22 gennaio 2021.

L'endpoint primario era la mortalità dopo 28 giorni e l'endpoint secondario era la sicurezza ( rischio di infezioni secondarie ).

Sono stati identificati 209 articoli, di cui 178 soddisfacevano i criteri di screening. Sono stati analizzati dati aggregati su 1.185 pazienti provenienti da 9 studi e sono stati forniti dati a livello di singolo paziente su 895 pazienti da 6 di questi studi. 8 studi erano osservazionali e 1 era uno studio randomizzato e controllato.

La maggior parte degli studi ha utilizzato controlli storici. Nella meta-analisi a livello di singolo paziente, dopo aggiustamento per età, comorbilità, rapporto basale della pressione parziale di ossigeno diviso per la frazione di ossigeno inspirato ( PaO2/FiO2 ), concentrazioni di proteina C-reattiva ( CRP ) e linfopenia, la mortalità è stata significativamente più bassa nei pazienti trattati con Anakinra ( 38 su 342, 11% ) rispetto a quelli trattati con la terapia standard con o senza placebo ( 137 su 553, 25%; odds ratio aggiustato, aOR=0.32 ).

Il beneficio di mortalità è stato simile per sottogruppi indipendentemente da comorbilità ( diabete ), concentrazioni di ferritina, o PaO2/FiO2 basale.

In un'analisi di sottogruppi, Anakinra è risultato più efficace nel ridurre la mortalità nei pazienti con concentrazioni di CRP superiori a 100 mg/l ( OR=0.28 ).

Anakinra ha mostrato un significativo beneficio in termini di sopravvivenza quando è stato somministrato senza Desametasone ( OR=0.23 ), ma non con la co-somministrazione di Desametasone ( OR=0.72 ).

Anakinra non è stato associato a un rischio significativamente aumentato di infezioni secondarie rispetto allo standard di cura ( OR=1.35 ).

Anakinra potrebbe rappresentare un'opzione sicura di trattamento antinfiammatorio per ridurre il rischio di mortalità nei pazienti ricoverati in ospedale con polmonite da COVID-19 da moderata a grave, specialmente in presenza di segni di iperinfiammazione come concentrazioni di CRP superiori a 100 mg/l. ( Xagena2021 )

Kyriazopoulou E et al, Lancet Rheumatology 2021; 3: 690-697

Inf2021 Reuma2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

I pazienti con polmonite COVID-19 hanno un eccesso di infiammazione e aumentate concentrazioni di citochine inclusa l'interleuchina-1 ( IL-1 )....


La mortalità dei pazienti con malattia da coronavirus 2019 ( COVID-19 ), sindrome da distress respiratorio acuto ( ARDS )...


I coronavirus possono indurre la produzione di interleuchina-1beta ( IL-1beta ), interleuchina-6 ( IL-6 ), fattore di necrosi tumorale (...


Le terapie cellulari che impiegano la tecnologia CAR-T rappresentano una rivoluzione nella lotta ai tumori ematologi: questa tecnologia consiste nell’ingegnerizzare...


La pericardite idiopatica ricorrente è una condizione ad eziologia sconosciuta che si caratterizza per episodi ricorrenti di infiammazione del pericardio....


Sono state riportate l’efficacia e la sicurezza di Anakinra ( Kineret ) per il trattamento della artrite gottosa acuta nei...


La reticoloistiocitosi multicentrica ( MRH ) è una rara istiocitosi multisistemica non-Langerhans caratterizzata da noduli cutanei e grave poliartrite distruttiva,...


Due studi pilota, VCU-ART e VCU-ART2, sul blocco di interleuchina-1 ( IL-1 ) nell’infarto miocardico con sopraslivellamento ST ( STEMI...


L’idrosadenite suppurativa è una malattia infiammatoria cronica caratterizzata da ascessi sterili e fistole che colpisce prevalentemente le ascelle e l'inguine....