Ibrutinib e Rituximab più Ciclofosfamide, Doxorubicina, Vincristina e Prednisone nel linfoma diffuso a grandi cellule B, tipo non-GCB


Ibrutinib ( Imbruvica ) ha mostrato attività nel linfoma diffuso a grandi cellule B ( DLBCL ) con tipo non-GCB ( non-germinal-center B cell ).

Uno studio in doppio cieco di fase III ha valutato Ibrutinib e Rituximab ( MabThera ) più Ciclofosfamide, Doxorubicina, Vincristina e Prednisone ( R-CHOP ) in DLBCL non-GCB non-trattato.

I pazienti sono stati randomizzati a Ibrutinib ( 560 mg al giorno per via orale ) più R-CHOP oppure a placebo più R-CHOP.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da eventi ( EFS ) nella popolazione intent-to-treat ( ITT ) e il sottogruppo DLBCL a cellule B attivate ( ABC ).
Gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), la sopravvivenza globale ( OS ) e la sicurezza.

In totale 838 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Ibrutinib più R-CHOP ( n=419 ) o a placebo più R-CHOP ( n=419 ).
L'età media era di 62.0 anni; il 75.9% dei pazienti valutabili aveva una malattia del sottotipo ABC e le caratteristiche di base erano bilanciate.

Ibrutinib più R-CHOP non ha migliorato la sopravvivenza libera da eventi nella popolazione ITT ( hazard ratio, HR=0.934 ) o ABC ( HR=0.949 ).

Una analisi preliminare ha mostrato una significativa interazione tra trattamento ed età. Nei pazienti di età inferiore ai 60 anni, Ibrutinib più R-CHOP ha migliorato la sopravvivenza EFS ( HR=0.579 ), la sopravvivenza PFS ( HR=0.556 ) e la sopravvivenza OS ( HR=0.330 ) e ha leggermente aumentato gli eventi avversi gravi ( 35.7% vs 28.6% ), ma la proporzione di pazienti trattati con almeno sei cicli di R-CHOP è stata simile tra i bracci di trattamento ( 92.9% vs 93.0% ).

Nei pazienti di età pari o superiore a 60 anni, Ibrutinib più R-CHOP ha peggiorato le sopravvivenze EFS, PFS e OS, ha aumentato gli eventi avversi gravi ( 63.4% vs 38.2% ) e diminuito la percentuale di pazienti che hanno ricevuto almeno sei cicli di R-CHOP ( 73.7% vs 88.8% ).

Lo studio non ha raggiunto il suo endpoint primario nella popolazione ITT o ABC. Tuttavia, nei pazienti di età inferiore a 60 anni, Ibrutinib più R-CHOP ha migliorato le soravvivenze EFS, PFS e OS con sicurezza gestibile.
Nei pazienti di età pari o superiore a 60 anni, Ibrutinib più R-CHOP è risultato associato a un aumento della tossicità, con conseguente compromissione della somministrazione di R-CHOP ed esiti peggiori.
Sono necessari ulteriori studi. ( Xagena2019 )

Younes A et al, J Clin Oncol 2019; 37: 1285-1295

Emo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro

Altri articoli

In uno studio retrospettivo è stato dimostrato che la Doxiciclina ( Bassado ) è associata a una maggiore sopravvivenza nei...


L'obiettivo principale di uno studio randomizzato di fase III era verificare se l'aggiunta di Vincristina, Topotecan e Ciclofosfamide ( VTC...



I regimi contenenti Bortezomib ( Velcade ) e Lenalidomide ( Revlimid ) sono terapie ben consolidate nel mieloma multiplo. Tuttavia,...



La malattia di Castleman idiopatica multicentrica ( iMCD ) è una rara malattia linfoproliferativa. La terapia anti-interleuchina 6 ( IL-6...


Fludarabina, Ciclofosfamide e Rituximab ( FCR ) possono migliorare la sopravvivenza libera da malattia per i pazienti di età minore...


I regimi di induzione con Ciclofosfamide sono efficaci per la vasculite associata agli anticorpi anti-citoplasma dei neutrofili ( ANCA ),...


Il mieloma multiplo ha dimostrato di avere una sostanziale eterogeneità clonale, suggerendo che potrebbero essere necessari agenti con diversi meccanismi...