Pomalidomide, Ciclofosfamide e Desametasone per il mieloma multiplo recidivante


È importante avere una terapia efficace per i pazienti con mieloma multiplo alla prima recidiva, in particolare se in questo stadio viene preso in considerazione un trapianto autologo di cellule staminali ( ASCT ).

Uno studio multicentrico di fase 2 ha valutato l'efficacia e la sicurezza del regime a base i Pomalidomide [ Imnovid ] - Ciclofosfamide - Desametasone ( PCD ) settimanale orale in pazienti con mieloma multiplo in prima recidiva dopo trattamento con Lenalidomide - Bortezomib - Desametasone ( regime RVD ).

Tutti i pazienti avevano ricevuto il regime RVD come terapia di induzione e consolidamento, più mantenimento con Lenalidomide [ Revlimid ] per 1 anno ( braccio A ).
La metà di loro aveva anche ricevuto trapianto autologo ASCT dopo l'induzione ( braccio B ).

Alla recidiva di mieloma multiplo, tutti i pazienti hanno ricevuto 4 cicli orali di Pomalidomide 4 mg ( giorni 1-21 ), Ciclofosfamide 300 mg ( giorni 1, 8, 15 e 22 ) e Desametasone 40 mg ( giorni 1-4 e giorni 15-18 di un ciclo di 28 giorni; regime PCD ).

I pazienti che hanno risposto nel braccio A sono stati sottoposti a trapianto autologo ASCT e hanno ricevuto 2 cicli aggiuntivi di regime PCD, mentre quelli nel braccio B hanno ricevuto 5 cicli di regime PCD.
Tutti i pazienti hanno ricevuto il mantenimento con Pomalidomide - Desametasone fino a progressione della malattia.

L'endpoint primario era una remissione parziale o migliore dopo i 4 cicli iniziali del regime PCD.

Le risposte sono state ottenute in 82 pazienti valutati su 97 ( 85% ): remissione completa ( n=1; 1% ), remissione parziale molto buona ( n=32; 33% ) e remissione parziale ( n=49; 51% ).
3 pazienti ( 3% ) avevano malattia stabile e 6 ( 6% ) avevano progressione della malattia ( 6 fallimenti della risposta ).
45 dei 48 ( 94% ) pazienti nel braccio A sono stati sottoposti a trapianto autologo ASCT pianificato.

Il regime Pomalidomide - Ciclofosfamide - Desametasone ha rappresentato una terapia efficace dopo la prima recidiva con il regime RVD.
Dopo 4 cicli, la percentuale di remissione parziale o migliore è stata dell'85%; il 94% dei trapianti autologhi ASCT pianificati sono stati eseguiti.
La tossicità è stata per lo più ematologica e gestibile. ( Xagena2018 )

Garderet L et al, Blood 2018; 132: 2555-2563

Emo2018 Onco2018 Farma2018


Indietro

Altri articoli

In uno studio retrospettivo è stato dimostrato che la Doxiciclina ( Bassado ) è associata a una maggiore sopravvivenza nei...


L'obiettivo principale di uno studio randomizzato di fase III era verificare se l'aggiunta di Vincristina, Topotecan e Ciclofosfamide ( VTC...



I regimi contenenti Bortezomib ( Velcade ) e Lenalidomide ( Revlimid ) sono terapie ben consolidate nel mieloma multiplo. Tuttavia,...



Ibrutinib ( Imbruvica ) ha mostrato attività nel linfoma diffuso a grandi cellule B ( DLBCL ) con tipo non-GCB...


La malattia di Castleman idiopatica multicentrica ( iMCD ) è una rara malattia linfoproliferativa. La terapia anti-interleuchina 6 ( IL-6...


Fludarabina, Ciclofosfamide e Rituximab ( FCR ) possono migliorare la sopravvivenza libera da malattia per i pazienti di età minore...


I regimi di induzione con Ciclofosfamide sono efficaci per la vasculite associata agli anticorpi anti-citoplasma dei neutrofili ( ANCA ),...


Il mieloma multiplo ha dimostrato di avere una sostanziale eterogeneità clonale, suggerendo che potrebbero essere necessari agenti con diversi meccanismi...