Zoster dopo Ciclofosfamide per lupus eritematoso sistemico o vasculite: incidenza, fattori di rischio ed effetto della profilassi antivirale


Sono stati valutati l'incidenza e i fattori di rischio per zoster in pazienti esposti a Ciclofosfamide endovenosa per vasculite sistemica o lupus eritematoso sistemico, nonché l'effetto protettivo della profilassi con Valacyclovir ( Zelitrex ).

Uno studio retrospettivo ha incluso tutti gli adulti trattati con Ciclofosfamide per via endovenosa per lupus eritematoso sistemico o vasculite sistemica tra il 2011 e il 2015 presso l'Ospedale universitario di Tolosa, in Francia.
L'occorrenza di zoster è stata registrata utilizzando la revisione delle cartelle mediche, i dati di laboratorio e le interviste ai pazienti.
Sono stati valutati i fattori di rischio per zoster e l'effetto protettivo della profilassi mediante VCV.

La coorte consisteva di 110 pazienti ( 81 vasculite sistemica e 29 lupus eritematoso sistemico ).

Durante un follow-up medio di 3.4 anni dopo l'inizio della somministrazione di Ciclofosfamide, si sono verificati 10 casi di zoster, con una incidenza complessiva di 27.9 per 1.000 anni-paziente; era 59.4 per 1.000 pazienti durante l'anno successivo all’inizio della Ciclofosfamide.

4 pazienti hanno manifestato nevralgia post-erpetica persistente.

Probabili fattori di rischio erano linfopenia inferiore a 500/microl all'inizio di Ciclofosfamide ( hazard ratio, HR 5.11 ) e il sesso femminile ( HR 4.36 ).
L'incidenza era più alta nei pazienti con lupus eritematoso sistemico ( HR rispetto ai pazienti con vasculite sistemica=2.68 ).

Nessuno dei 19 pazienti esposti a Valacyclovir durante il follow-up ha sviluppato zoster.

In conclusione, l'incidenza di zoster è risultata elevata nella vasculite sistemica e nei pazienti con lupus eritematoso sistemico esposti a Ciclofosfamide per via endovenosa.
La Ciclofosfamide può favorire la nevralgia post-erpetica.
La profilassi mediante Valacyclovir deve essere presa in considerazione, in particolare nei casi di linfopenia inferiore a 500/microl all'inizio della somministrazione di Ciclofosfamide e durante l'anno successivo. ( Xagena2018 )

Garnier C et al, Journal of Rheumatology 2018, 45: 1541-1548

Reuma2018 Inf2018 Farma2018


Indietro

Altri articoli

In uno studio retrospettivo è stato dimostrato che la Doxiciclina ( Bassado ) è associata a una maggiore sopravvivenza nei...


L'obiettivo principale di uno studio randomizzato di fase III era verificare se l'aggiunta di Vincristina, Topotecan e Ciclofosfamide ( VTC...



I regimi contenenti Bortezomib ( Velcade ) e Lenalidomide ( Revlimid ) sono terapie ben consolidate nel mieloma multiplo. Tuttavia,...



Ibrutinib ( Imbruvica ) ha mostrato attività nel linfoma diffuso a grandi cellule B ( DLBCL ) con tipo non-GCB...


La malattia di Castleman idiopatica multicentrica ( iMCD ) è una rara malattia linfoproliferativa. La terapia anti-interleuchina 6 ( IL-6...


Fludarabina, Ciclofosfamide e Rituximab ( FCR ) possono migliorare la sopravvivenza libera da malattia per i pazienti di età minore...


I regimi di induzione con Ciclofosfamide sono efficaci per la vasculite associata agli anticorpi anti-citoplasma dei neutrofili ( ANCA ),...


Il mieloma multiplo ha dimostrato di avere una sostanziale eterogeneità clonale, suggerendo che potrebbero essere necessari agenti con diversi meccanismi...