Trattamento anti-infiammatorio con Colchicina nell’infarto miocardico acuto


I processi infiammatori sono stati identificati come mediatori chiave degli effetti deleteri di ischemia / riperfusione nell’infarto miocardico con sopraslivellamento del segmento ST ( infarto STEMI ).
La Colchicina è una sostanza con proprietà anti-infiammatorie, adatta per un uso sicuro in pazienti con malattia cardiovascolare.
Lo scopo di uno studio è stato quello di verificare l'ipotesi se un breve ciclo di trattamento con Colchicina fosse in grado di ridurre le dimensione dell'infarto miocardico.

I pazienti presentatisi con infarto miocardico con sopraslivellamento del segmento ST a 12 ore o meno dalla insorgenza del dolore ( trattati con intervento coronarico percutaneo [ PCI ] primario ) sono stati assegnati in modo casuale a Colchicina oppure placebo per 5 giorni.

Il parametro di esito primario era l'area sotto la curva della concentrazione della frazione MB della creatinchinasi.

Un sottogruppo di pazienti è stato sottoposto a risonanza magnetica cardiaca con captazione del Gadolinio tardiva da 6 a 9 giorni dopo l’infarto miocardico con sopraslivellamento del segmento ST indice.
Sono stati inclusi 150 pazienti ( 60 nel sottostudio risonanza magnetica ).

L'area sotto la curva della frazione MB di creatinchinasi è stata pari a 3.144 ng x h-1 x ml-1 nel gruppo Colchicina rispetto a 6.184 ng x h-1 x ml-1 nei controlli ( P minore di 0.001 ).

La dimensione dell'infarto indicizzato definita da captazione tardiva del Gadolinio alla risonanza magnetica per immagini è stata pari a 18.3 ml/1.73 m2 nel gruppo Colchicina rispetto a 23.2 ml/1.73 m2 nei controlli ( P=0.019 ).
La dimensione relativa dell'infarto ( come proporzione al volume di infarto del ventricolo sinistro ) è stata pari a 13.0% e 19.8%, rispettivamente ( P=0.034 ).

In conclusione, questi risultati suggeriscono un potenziale beneficio della Colchicina nell’infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST, ma sono necessari ulteriori studi clinici per trarre conclusioni certe, soprattutto considerando il fatto che il presente studio non è stato abbastanza potente per valutare endpoint clinici. ( Xagena2015 )

Deftereos S et al, Circulation 2015; 132: 1395-1403

Cardio2015 Farma2015


Indietro

Altri articoli

Tra i pazienti con una riacutizzazione dell'insufficienza cardiaca, il trattamento con Colchicina per una riacutizzazione della gotta è associato a...


La gotta è una comune comorbidità nei pazienti con insufficienza cardiaca ed è spesso associata ad esacerbazioni acute durante il...


I pazienti con una storia di sindrome coronarica acuta ( ACS ) molto remota rimangono ad alto rischio ricorrente di...


L'evidenza suggerisce un ruolo per l'eccessiva infiammazione nelle complicanze di COVID-19. La Colchicina è un farmaco antinfiammatorio orale utile nella...


L'infiammazione è un fattore chiave del danno miocardico nell'infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST ( STEMI ) riperfuso. Si...


La Colchicina è stata proposta come trattamento per COVID-19 sulla base delle sue azioni antinfiammatorie. Sono state valutate l'efficacia e...


Prove sperimentali e cliniche supportano il ruolo dell'infiammazione nell'aterosclerosi e le sue complicanze. La Colchicina è un potente farmaco antinfiammatorio...


Si è determinato se Febuxostat ( Adenuric ) con aumento graduale della dose sia utile quanto la profilassi con Colchicina nel ridurre le riacutizzazioni della gotta durante l'introduzione iniziale della terapia di riduzione dell'urato nei pazienti con gotta rispetto...


La Colchicina è un agente antinfiammatorio utilizzato nel trattamento di diverse condizioni reumatologiche. L'uso della Colchicina in gravidanza è controverso. Sono stati...


L'obiettivo di questo sotto-studio è stato quello di valutare l'uso della Colchicina per il trattamento degli attacchi acuti di gotta...