Dismenorrea primaria, efficacia e migliore tollerabilità dell’associazione Ibuprofene ed Arginina


La dismenorrea primaria è il più comune disturbo ginecologico nelle giovani donne.
Interessa il 40-70% delle donne durante gli anni riproduttivi ed è associata a considerevoli costi sociali ed economici.

La maggior parte dei sintomi che si presentano nella dismenorrea primaria sono dovuti all’azione delle prostaglandine ( PG ).
Alcuni farmaci che inibiscono la sintesi delle prostaglandine hanno mostrato di essere efficaci nel trattamento dei sintomi della dismenorrea.
L’Ibuprofene è un antinfiammatorio non steroideo ( FANS ), che inibisce la sintesi della prostaglandina.

Diversi studi clinici hanno mostrato che l’ossido nitrico ( NO ) svolge un ruolo di difesa della mucosa, in modo simile a quella svolta dalle prostaglandine.
L’aminoacido Arginina mediante conversione a citrullina produce NO, che ha mostrato di ridurre la gravità del danno a livello della mucosa gastrica.

Ricercatori dell’Università di Barcellona hanno compiuto uno studio ( Clin Drug Invest 2004 ) per valutare l’efficacia e la sicurezza dell’associazione Ibuprofene ed Arginina ( Faspic ) nel trattamento delle pazienti con dismenorrea primaria.

Le pazienti hanno ricevuto all’insorgenza del dolore una dose iniziale per os di Ibuprofene ed Arginina di 600 mg, seguita dalla stessa dose ogni 6 ore, se necessario, con una dose giornaliera massima di 2400 mg.

Lo studio ha valutato oltre all’efficacia e alla sicurezza dell’associazione, l’evoluzione dell’intensità del dolore, la rapidità d’azione, la necessità di analgesici supplementari, e la riduzione delle ore perdute a scuola o al lavoro.

Tra le 1093 pazienti arruolate, 854 donne sono risultate valutabili per la sicurezza e la tollerabilità ed 838 per l’efficacia.

Miglioramenti significativi nella riduzione del dolore sono stati osservati 15 minuti dopo assunzione del farmaco rispetto al basale ( p < 0,001 ).

A 15 e 30 minuti, la percentuale dei pazienti che ha riportato una marcata riduzione nell’intensità del dolore è stata dell’82,2% e del 97,6%, rispettivamente.

Inoltre, è stata osservata una significativa riduzione nell’assenteismo dal lavoro o dalla scuola ( p < 0,001 ).

Solo il 4,4% ( n = 38 ) delle pazienti ha presentato effetti indesiderati, soprattutto disturbi gastrointestinali.

Secondo gli Autori, l’associazione Ibuprofene ed Arginina sembra essere efficace, rapida nell’azione, sicura e ben tollerata nel trattamento delle pazienti con dismenorrea primaria. ( Xagena2005 )

Gyne2005 Farma2005


Indietro

Altri articoli

L'analgesia postoperatoria multimodale è ampiamente utilizzata ma mancano evidenze di beneficio. Sono stati esaminati gli effetti benefici e dannosi di...


Quando utilizzato a dosi moderate, l’inibitore selettivo di COX-2, Celecoxib ( Celebrex ), è risultato non-inferiore ai farmaci anti-infiammatori non-steroidei...


Celecoxib ( Celebrex ) è risultato essere non-inferiore a Ibuprofene o a Naproxene per quanto riguarda la sicurezza cardiovascolare. Rispetto...


Celecoxib ( Celebrex ), impiegato a dosaggi moderati nei pazienti con osteoartrosi o artrite reumatoide, presenta un profilo cardiovascolare simile...


L’Ibuprofene è un farmaco antinfiammatorio non-steroideo ( FANS ) utilizzato per trattare il dolore, abbassare la febbre, e alleviare l'infiammazione. Una...


Il Comitato di Valutazione dei rischi per la farmacovigilanza ( PRAC ) dell’EMA ( European Medicines Agency ) ha completato...


Il Comitato di valutazione dei rischi per la farmacovigilanza ( PRAC ) ha iniziato una revisione per valutare il rischio...


L'uso dell’Ibuprofene ( Brufen ), ma non di altri antinfiammatori-analgesici, è associato ad un minor rischio di malattia di Parkinson.I...


Una nuova ricerca ha indicato che l’antinfiammatorio Ibuprofene ( Brufen ) può offrire protezione contro lo sviluppo della malattia di...


La neuroinfiammazione può contribuire alla patogenesi della malattia di Parkinson. In precedenti studi epidemiologici, l’uso di farmaci antinfiammatori non-steroidei (...