Studio TARGET: rischio cardiovascolare del Lumiracoxib simile a quello dell’Ibuprofene e del Naprossene nei pazienti con osteoartrosi


Lo studio TARGET ( Therapeutic Arthritis Research and Gastrointestinal Event Trial ) ha valutatao anche la sicurezza cardiovascolare dell’inibitore COX-2 Lumiracoxib ( Prexige ) rispetto a due farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ), Naprossene ed Ibuprofene.

Un totale di 11.205 pazienti ha completato lo studio, sui 18.325 arruolati inizialmente.

I pazienti che avevano più di 50 anni di età ed erano affetti da osteoartrosi sono stati assegnati in modo random a Lumiracoxib ( 400mg, una volta al giorno ), a Naprossene ( 500mg, due volte al giorno ) o ad Ibuprofene ( 800mg, tre volte al giorno ).

L’end point primario cardiovascolare era rappresentato da infarto miocardico non fatale e silente, ictus o morte cardiovascolare.

Dopo 1 anno di follow-up, l’incidenza dell’end point primario è risultata bassa, sia per il Lumiracoxib ( 59 eventi ) che per i FANS ( 50 eventi ).
L’incidenza di infarto miocardico nella popolazione generale nei due sottostudi è stata dello 0.38% con Lumiracoxib ( 18 eventi ) contro lo 0.21% con il Naprossene ( 10 eventi ) e dello 0.11% con Lumiracoxib contro lo 0.16% con Ibuprofene ( 7 eventi ).

Nel sottostudio Naprossene, la percentuale di infarto miocardico non ha presentato differenze significative rispetto a quella del Lumiracoxib nella popolazione che non stava assumendo Aspirina a basso dosaggio ( hazard ratio, HR = 2.37 ), nella popolazione generale ( HR = 1.77 ) e nei pazienti che stavano assumendo Aspirina ( HR = 1.36 ).

Nel sottostudio Ibuprofene, la percentuale di infarto miocardico non differiva tra il Lumiracoxib e l’Ibuprofene nella popolazione che non stava assumendo Aspirina a basso dosaggio ( HR = 0.75 ), nella popolazione generale ( HR = 0.66 ) e nei pazienti che stavano assumendo Aspirina ( HR = 0.47 ). ( Xagena2004 )

Farkouh M E et al, Lancet 2004 ; 364 : 675-684

Reuma2004 Farma2004


Indietro

Altri articoli

L'analgesia postoperatoria multimodale è ampiamente utilizzata ma mancano evidenze di beneficio. Sono stati esaminati gli effetti benefici e dannosi di...


Quando utilizzato a dosi moderate, l’inibitore selettivo di COX-2, Celecoxib ( Celebrex ), è risultato non-inferiore ai farmaci anti-infiammatori non-steroidei...


Celecoxib ( Celebrex ) è risultato essere non-inferiore a Ibuprofene o a Naproxene per quanto riguarda la sicurezza cardiovascolare. Rispetto...


Celecoxib ( Celebrex ), impiegato a dosaggi moderati nei pazienti con osteoartrosi o artrite reumatoide, presenta un profilo cardiovascolare simile...


L’Ibuprofene è un farmaco antinfiammatorio non-steroideo ( FANS ) utilizzato per trattare il dolore, abbassare la febbre, e alleviare l'infiammazione. Una...


Il Comitato di Valutazione dei rischi per la farmacovigilanza ( PRAC ) dell’EMA ( European Medicines Agency ) ha completato...


Il Comitato di valutazione dei rischi per la farmacovigilanza ( PRAC ) ha iniziato una revisione per valutare il rischio...


L'uso dell’Ibuprofene ( Brufen ), ma non di altri antinfiammatori-analgesici, è associato ad un minor rischio di malattia di Parkinson.I...


Una nuova ricerca ha indicato che l’antinfiammatorio Ibuprofene ( Brufen ) può offrire protezione contro lo sviluppo della malattia di...


La neuroinfiammazione può contribuire alla patogenesi della malattia di Parkinson. In precedenti studi epidemiologici, l’uso di farmaci antinfiammatori non-steroidei (...