Vulvovaginiti: Ibuprofene isobutalammonio


L’Ibuprofene isobutalammonio ( Edenil ) è una molecola provvista di attività antiflogistica e analgesica, indicato nella terapia delle vulvaginiti e delle cervicovaginiti di qualunque origine e natura.E' disponibile in soluzione ginecologica allo 0,1% per uso topico ( irrigazioni vaginali ).L'Ibuprofene isobutalammonio esplica la sua azione terapeutica attraverso l'inibizione delle cicloossigenasi con conseguente riduzione della sintesi di prostaglandine e trombossani.Uno studio multicentrico ( Facchinetti F. et al., Rivista di Ostetricia Ginecologica Pratica e Medicina Perinatale, 1999 ) ha valutato l'efficacia e la tollerabilità della terapia topica per mezzo di irrigazioni vaginali con Ibuprofene isobutalammonio (1 irrigazione/die per 5 giorni consecutivi) in 139 pazienti affette da vulvovaginiti.
Tutte le pazienti sono state sottoposte a esame colposcopico, fluorcoltura ed esame citomicrobiologico a fresco. Nelle 38 pazienti trattate con il solo Ibuprofene isobutalammonio è stato rilevato un miglioramento statisticamente significativo della sintomatologia ( prurito, bruciore e leucorrea ) (p< 0,01 ).
La tollerabilità locale e generale del preparato è risultata ottima, non avendo provocato inconvenienti di alcun genere nelle pazienti studiate.La terapia topica con Ibuprofene isobutalammonio non è soltanto sintomatica, ma in qualche modo può essere anche causale, intervenendo sui meccanismi patogenetici dell'infiammazione. La potente azione antiflogistica del farmaco consente all'ecosistema vaginale di tendere alla normalità, con il ripristino della flora vaginale e con l'abbassamento del pH ambientale, creando condizioni favorevoli all'inibizione della crescita dei batteri patogeni.Drago et al ( Farmaci e Terapia, 1999; Journal of Chemotherapy, 2000 ) hanno dimostrato un'attività antimicotica e antimicrobica in vitro specifica dell’Ibuprofene isobutalammonio. Tale attività si esplica soprattutto nei confronti dei germi Gram positivi e negativi e in maniera più considerevole nei confronti di Candida albicans e Gardnerella vaginalis. ( Xagena2002 )


Indietro

Altri articoli

L'analgesia postoperatoria multimodale è ampiamente utilizzata ma mancano evidenze di beneficio. Sono stati esaminati gli effetti benefici e dannosi di...


Quando utilizzato a dosi moderate, l’inibitore selettivo di COX-2, Celecoxib ( Celebrex ), è risultato non-inferiore ai farmaci anti-infiammatori non-steroidei...


Celecoxib ( Celebrex ) è risultato essere non-inferiore a Ibuprofene o a Naproxene per quanto riguarda la sicurezza cardiovascolare. Rispetto...


Celecoxib ( Celebrex ), impiegato a dosaggi moderati nei pazienti con osteoartrosi o artrite reumatoide, presenta un profilo cardiovascolare simile...


L’Ibuprofene è un farmaco antinfiammatorio non-steroideo ( FANS ) utilizzato per trattare il dolore, abbassare la febbre, e alleviare l'infiammazione. Una...


Il Comitato di Valutazione dei rischi per la farmacovigilanza ( PRAC ) dell’EMA ( European Medicines Agency ) ha completato...


Il Comitato di valutazione dei rischi per la farmacovigilanza ( PRAC ) ha iniziato una revisione per valutare il rischio...


L'uso dell’Ibuprofene ( Brufen ), ma non di altri antinfiammatori-analgesici, è associato ad un minor rischio di malattia di Parkinson.I...


Una nuova ricerca ha indicato che l’antinfiammatorio Ibuprofene ( Brufen ) può offrire protezione contro lo sviluppo della malattia di...


La neuroinfiammazione può contribuire alla patogenesi della malattia di Parkinson. In precedenti studi epidemiologici, l’uso di farmaci antinfiammatori non-steroidei (...