Dabigatran nei pazienti con danno miocardico dopo chirurgia non-cardiaca: studio MANAGE


La lesione miocardica dopo chirurgia non-cardiaca ( MINS ) aumenta il rischio di eventi cardiovascolari e di decessi che la terapia anticoagulante potrebbe prevenire.
Dabigatran ( Prdaxa ) previene il tromboembolismo venoso perioperatorio, ma non è chiaro se questo farmaco possa prevenire una più ampia gamma di complicazioni vascolari nei pazienti con lesioni miocardiche dopo chirurgia non-cardiaca.

Lo studio MANAGE ha valutato il potenziale di Dabigatran nel prevenire le principali complicanze vascolari in questi pazienti.

Lo studio internazionale, randomizzato, controllato con placebo, ha reclutato pazienti provenienti da 84 ospedali in 19 Paesi.
I pazienti eleggibili avevano un'età minima di 45 anni, erano stati sottoposti a chirurgia non-cardiaca ed erano entro 35 giorni da un danno miocardico post-chirurgico.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Dabigatran 110 mg per via orale due volte al giorno oppure placebo per un massimo di 2 anni o fino alla conclusione dello studio e i pazienti che non assumevano un inibitore della pompa protonica sono stati assegnati in modo casuale a Omeprazolo 20 mg una volta al giorno, per i quali i risultati saranno riportati in seguito, o a placebo corrispondente per misurare il suo effetto sulle complicanze maggiori del tratto gastrointestinale superiore.

L'esito primario di efficacia era l'insorgenza di una grave complicazione vascolare, un composito di mortalità vascolare e infarto miocardico non-fatale, ictus non-emorragico, trombosi arteriosa periferica, amputazione e tromboembolismo venoso sintomatico.
L'esito primario di sicurezza era un composito di sanguinamento d'organo potenzialmente letale, maggiore e critico.

Tra il 2013 e il 2017 sono stati assegnati in modo casuale 1.754 pazienti a ricevere Dabigatran ( n=877 ) o placebo ( n=877 ); 556 pazienti sono stati randomizzati anche nella componente fattoriale parziale con Omeprazolo. 

Il farmaco in studio è stato sospeso definitivamente in 401 su 877 pazienti ( 46% ) assegnati a Dabigatran e in 380 su 877 pazienti ( 43% ) assegnati al placebo.

L'esito di efficacia primaria composita si è verificato in un numero inferiore di pazienti randomizzati a Dabigatran rispetto al placebo ( 97 pazienti su 877, 11%, assegnati a Dabigatran rispetto a 133 su 877 pazienti, 15%, assegnati al placebo ( hazard ratio, HR=0.72, P=0.0115 ).

L'esito composito di sicurezza primaria si è verificato in 29 pazienti ( 3% ) randomizzati a Dabigatran e in 31 pazienti ( 4% ) randomizzati a placebo ( HR=0.92, P=0.76 ).

Tra i pazienti che presentavano danno miocardico dopo intervento chirurgico non-cardiaco, Dabigatran 110 mg due volte al giorno ha ridotto il rischio di complicanze vascolari maggiori, senza un aumento significativo del sanguinamento maggiore.
I pazienti con lesione miocardica post-chirurgica hanno una prognosi sfavorevole; Dabigatran 110 mg due volte al giorno può aiutare molti degli 8 milioni di adulti a livello mondiale con danno miocardico post-chirurgico a ridurre il rischio di una grave complicanza vascolare. ( Xagena2018 )

Devereaux PJ et al, Lancet 2018; 391: 2325-2334

Cardio2018 Chiru2018 Farma2018


Indietro

Altri articoli

Islatravir è un inibitore nucleosidico della trascrittasi inversa in fase di sviluppo per il trattamento e la prevenzione dell'infezione da...


Dabigatran etexilato ( Pradaxa ) è un anticoagulante orale diretto in grado di superare i limiti dello standard di cura...


Satralizumab, un anticorpo monoclonale umanizzato che ha come bersaglio il recettore dell'interleuchina-6 ( IL-6 ), ha ridotto il rischio di...


CLEOPATRA è stato uno studio di fase 3 che ha confrontato l'efficacia e la sicurezza di Pertuzumab ( Perjeta ),...


Sebbene Dabigatran ( Pradaxa ) abbia un profilo rischio-beneficio favorevole rispetto alla terapia con antagonisti della vitamina K per tromboembolia...


Il disturbo dello spettro della neuromielite optica ( NMOSD ) è una malattia autoimmune del sistema nervoso centrale ed è...


I risultati finali dello studio di fase III SAkuraStar riguardante Satralizumab come monoterapia per il disturbo dello spettro della neuromielite...


Sono stati stimati i benefici e i danni assoluti derivanti dal trattamento con Dabigatran ( Pradaxa ) nei singoli pazienti...


Gli ictus criptogenici costituiscono dal 20% al 30% degli ictus ischemici e la maggior parte degli ictus criptogenici è considerata...


Il trattamento a breve termine per le persone con diabete mellito di tipo 2 che utilizzano una bassa dose dell'antagonista...