Dapagliflozin e anemia nei pazienti con malattia renale cronica


Nello studio DAPA-CKD ( Dapagliflozin in Patients with Chronic Kidney Disease ), Dapagliflozin ( Forxiga ) ha migliorato gli esiti renali e cardiovascolari nei pazienti con malattia renale cronica ( CKD ) con o senza diabete di tipo 2 ( T2D ).
In questa analisi post hoc di DAPA-CKD, sono stati valutati gli effetti di Dapagliflozin sulla correzione e prevenzione dell'anemia.

Lo studio DAPA-CKD ha randomizzato i pazienti con una velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ) compresa tra 25 e 75 ml/min/1.73 m2 e un rapporto albumina / creatinina urinaria compreso tra 200 e 5.000 mg/g a ricevere Dapagliflozin 10 mg oppure placebo ogni giorno.

L'ematocrito è stato misurato al basale, dopo 2 settimane, 2 e 4 mesi e successivamente ogni 4 mesi.

L’anemia è stata definita come un ematocrito inferiore al 39% negli uomini e inferiore al 36% nelle donne.

La correzione e l'incidenza dell'anemia sono state definite come due misurazioni consecutive rispettivamente al di sopra o al di sotto di queste soglie rispetto al basale, durante il follow-up.
Sono stati classificati gli eventi avversi correlati all'anemia utilizzando i dati provenienti dalle relazioni degli investigatori del sito di studio.

L’età media dei 4.304 partecipanti era di 61.8 anni e il 67.5% soffriva di diabete di tipo 2. Tra i 4.292 partecipanti ( 99.7% ) con dati di ematocrito al basale, 1.716 ( 40.0% ) avevano anemia.

Durante il follow-up mediano di 2.4 anni, i pazienti assegnati a Dapagliflozin hanno avuto un aumento dell’ematocrito di 2.3 punti percentuali maggiore rispetto a quelli assegnati al placebo.

Tra i pazienti con anemia al basale, l'anemia è stata corretta in 443 pazienti ( 53.3% ) randomizzati a ricevere Dapagliflozin e 247 pazienti ( 29.4% ) randomizzati a ricevere placebo ( hazard ratio, HR=2.29 ).

Tra i pazienti senza anemia al basale, il 10.4% dei pazienti assegnati a Dapagliflozin ha sviluppato anemia incidente rispetto al 23.7% del gruppo placebo ( HR=0.39 ).

Eventi avversi correlati all'anemia si sono verificati nel 2.2% dei pazienti assegnati a Dapagliflozin rispetto al 3.8% di quelli assegnati al placebo.

Gli effetti di Dapagliflozin sulla correzione e prevenzione dell’anemia sono stati coerenti nei pazienti con e senza diabete di tipo 2.
Il profilo degli eventi avversi è stato simile a quello noto per Dapagliflozin.

Questa analisi esplorativa suggerisce che Dapagliflozin è associato alla prevenzione o alla correzione dell’anemia nei pazienti con insufficienza renale cronica con e senza diabete di tipo 2. ( Xagena2023 )

Koshino A et al, NEJM Evid 2023; 2 ( 6 )

Nefro2023 Endo2023 Farma2023



Indietro

Altri articoli

L’immunosoppressione basata sulla Globulina antitimocitaria ( ATG ) è standard nel trattamento di prima linea per le persone con anemia...


I dati di un piccolo studio condotto su pazienti affetti da cancro suggeriscono che il trattamento con Isoquercetina ( IQ...


Gli inibitori della Janus chinasi ( JAK ) approvati per la mielofibrosi forniscono miglioramenti della milza e dei sintomi, ma...


Dati provenienti da piccoli studi clinici negli Stati Uniti e in India suggeriscono che l’integrazione di Zinco riduce l’infezione negli...


Omjjara, il cui principio attivo è Momelotinib è un medicinale che trova impiego nel trattamento della splenomegalia ( ingrossamento della...


La Commissione Europea ha approvato Omjjara, il cui principio attivo è Momelotinib, per il trattamento dei pazienti con splenomegalia o...


I dati di sicurezza ed efficacia a lungo termine del chelante del ferro Deferiprone ( Ferriprox ) nell'anemia falciforme...


L'emolisi è un fenomeno ben noto ma scarsamente caratterizzato in un sottogruppo di pazienti con sindromi mielodisplastiche ( MDS )....


L’anemia falciforme è causata da un difetto nella subunità beta-globina dell’emoglobina adulta. L'emoglobina falciforme polimerizza in condizioni ipossiche, producendo globuli...