Gli anticorpi preesistenti contro il Polietilenglicole riducono l'attività dell'asparaginasi alla prima somministrazione di Asparaginasi pegilata di Escherichia coli nei bambini con leucemia linfatica acuta


Gli anticorpi contro il polietilenglicole ( PEG ) in soggetti sani sollevano preoccupazioni sull'efficacia dei farmaci pegilati.
È stata valutata la prevalenza di anticorpi contro PEG tra i pazienti con leucemia linfoblastica acuta ( ALL ) prima e/o immediatamente dopo la loro prima dose di Asparaginasi pegilata di Escherichia coli ( PEG-ASNase; Oncaspar ).

Campioni di siero di 701 bambini, 673 con leucemia linfoblastica acuta primaria, 28 con leucemia ALL recidivante e 188 adulti con leucemia ALL primaria sono stati analizzati per IgG e IgM anti-PEG.
Le misurazioni in 58 neonati sani sono servite come riferimento per definire i cut-point per i campioni positivi e negativi agli anticorpi.

Anticorpi anti-PEG sono stati rilevati nei pazienti con leucemia ALL prima della prima somministrazione di PEG-ASNasi con una prevalenza del 13.9% ( IgG anti-PEG ) e del 29.1% ( IgM anti-PEG ).

Dopo la somministrazione di PEG-ASNase, la prevalenza di anticorpi anti-PEG è diminuita al 4.2% per le IgG anti-PEG e al 4.5% per le IgM anti-PEG.

Gli anticorpi anti-PEG preesistenti non hanno inibito l'attività della PEG-ASNase ma hanno ridotto significativamente i livelli di attività della PEG-ASNase in modo dipendente dalla concentrazione.
Sebbene gli anticorpi anti-PEG preesistenti non aumentassero, le IgG anti-PEG preesistenti sono risultate significativamente associate a reazioni di ipersensibilità alla prima esposizione ( grado CTCAE 2 ) ( P minore di 0.01; test esatto di Fisher ).

In tutto 2 dei 4 pazienti con IgG anti-PEG preesistenti e reazioni di ipersensibilità alla prima esposizione non sono passati a Erwinia ASNase e hanno continuato con PEG-ASNase con attività sufficienti ( maggiore o uguale a 100 U/l ).

Anticorpi anti-PEG preesistenti sono stati rilevati in una proporzione considerevole di pazienti con leucemia linfoblastica acura, non hanno inibito l'attività della PEG-ASNase ma sono stati associati a livelli sierici di attività della PEGASNase inferiori.
I pazienti con anticorpi preesistenti possono mostrare segni da lievi a moderati di reazione di ipersensibilità dopo la loro prima assunzione di PEG-ASNase, che possono essere affrontati con successo mediante re-challenge. ( Xagena2022 )

Khalil A et al, Haematologica 2022; 107: 49-57

Emo2022 Onco2022 Pedia2022 Farma2022


Indietro

Altri articoli

La sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini ( MIS-C ) è una rara ma grave complicanza dell'infezione da SARS-CoV-2. È stato...


La miopatia associata agli anticorpi anti-idrossi-metil-glutaril-coenzima A reduttasi ( HMGCR ) è stata riconosciuta come una nuova forma di miopatia...


I pazienti con arresto cardiaco extraospedaliero che rimangono in coma dopo la rianimazione iniziale sono ad alto rischio di morbilità...


Sono in corso studi su numerosi anticorpi monoclonali aventi prevalentemente come target di azione la proteina spike del virus SARS-CoV-2. Tra...


La relazione tra la presenza di anticorpi contro il virus SARS-CoV-2 e il rischio di una successiva reinfezione rimane non...


I dati sull'immunogenicità dei vaccini COVID-19 nei pazienti con malattie autoimmuni, che sono spesso trattati con farmaci immunosoppressori, sono scarsi....


La presenza di autoanticorpi LRPAP1 predice una migliore sopravvivenza libera da fallimento e sopravvivenza globale nei pazienti con linfoma mantellare...


I pazienti con anticorpi anti-SARS-CoV-2 sembrano essere protetti contro la reinfezione per almeno alcuni mesi. Nello studio, i ricercatori hanno osservato...


Secondo una ricerca, i pazienti con linfoma non-Hodgkin a cellule B ( B-NHL ) che sono attivamente sottoposti a trattamento...