La paratiroidectomia influenza il punteggio della calcificazione dell'arteria coronaria nei pazienti in emodialisi asintomatica con iperparatiroidismo secondario


La riuscita paratiroidectomia ( PTX ) con livelli ormonali paratiroidei ( PTH ) postoperatori stabili è associata a stabilizzazione del punteggio di calcificazione dell'arteria coronaria ( CACS ) in pazienti con grave iperparatiroidismo secondario ( SHPT ) sottoposti a emodialisi.

E' stata utilizzata la tomografia computerizzata ( TC ) per valutare l'influenza della paratiroidectomia sulla calcificazione dell'arteria coronaria nei pazienti asintomatici.

Allo studio hanno preso parte 48 pazienti ( età media: 54.50 anni; intervallo 33-77 anni ) in emodialisi di mantenimento sottoposti a paratiroidectomia e 56 pazienti ( età media: 55.28 anni; intervallo 35-76 anni ) che non sono stati sottoposti a paratiroidectomia.

Il periodo di follow-up è stato di 2 anni.

Il punteggio di calcificazione dell'arteria coronaria è stato misurato in modo quantitativo usando il metodo di Agatston dopo la tomografia computerizzata.

Per i pazienti sottoposti a paratiroidectomia, la radice della media quadratica di CACS non è aumentata, in media, da 23.16 a 23.68 ( t = 1.846, p = 0.072 ) dal basale al follow-up.

Nei pazienti che non sono stati sottoposti a paratiroidectomia, la radice della media quadratica di CACS è aumentata, in media, da 20.21 a 28.72 ( t = 10.110, p inferiore a 0.001 ) dal basale al follow-up.

Inoltre, il tasso medio di progressione annuale del punteggio CAC è risultato inferiore tra i pazienti sottoposti a paratiroidectomia ( 4.89% ), rispetto al marcato tasso di progressione annuale di CACS nei pazienti non-PTX ( 52.81%; t = 11.264, p inferiore a 0.001 ).

In conclusione, la disregolazione del metabolismo del calcio e del fosfato causata da iperparatiroidismo secondario può determinare una progressione significativa della calcificazione dell'arteria coronaria nei pazienti in emodialisi asintomatica.
Lo stato di basso livello di ormone paratiroideo dopo paratiroidectomia può stabilizzare la progressione della calcificazione dell'arteria coronaria nei pazienti in emodialisi. ( Xagena2020 )

Ma Q et al, Am J Nephrol 2020; 51: 65–73

Nefro2020 Endo2020 Chiru2020 Cardio2020



Indietro

Altri articoli

I pazienti con malattia renale cronica hanno una ridotta attivazione della vitamina D e un elevato rischio cardiovascolare. Studi osservazionali...


Parsabiv è un medicinale usato per ridurre i livelli di ormone paratiroideo negli adulti che presentano livelli elevati di questo...


L’Agenzia regolatoria statunitense, FDA ( Food and Drug Administration ), ha approvato Natpara ( Ormone paratiroideo ) per controllare...


Parsabiv è un medicinale usato per ridurre i livelli di ormone paratiroideo negli adulti che presentano livelli elevati di questo...


L’FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato Natpara, il cui principio attivo è l’Ormone paratiroideo ricombinante, per il...


Nello studio di fase 4 IMPACT-SHPT è stata confrontata l'efficacia e la sicurezza della terapia a base di Paracalcitolo...


Sono state valutate le funzioni delle paratiroidi e la densità minerale ossea ( BMD ) nei pazienti con beta talassemia,...


L’iperparatiroidismo neonatale grave ( NSHPT ) è una grave forma di ipercalcemia familiare ipocalciurica caratterizzata da grave ipercalcemia e demineralizzazione...


La patogenesi del iperparatiroidismo primario ( PHPT ) è in gran parte sconosciuta. Uno studio ha accertato i livelli plasmatici...