Effetto della Acadesina, un agente regolatore dell’adenosina, su morbilità e mortalità associate a bypass aorto-coronarico


Il danno ischemico / di riperfusione resta un’importante causa di morbilità e mortalità dopo bypass aorto-coronarico ( CABG ).

In una meta-analisi di studi randomizzati e controllati, l’infusione perioperatoria e postoperatoria di Acadesina, un farmaco regolatore dell’adenosina, è risultata associata a una riduzione del decesso cardiaco precoce, infarto del miocardio ed esiti avversi cardiaci combinati in partecipanti sottoposti a chirurgia di bypass on-pump.

È stato condotto uno studio per valutare efficacia e sicurezza nel periodo peri-operatorio nel ridurre la mortalità per tutte le cause, ictus non-fatale e disfunzione ventricolare sinistra grave nel corso di 28 giorni.

Lo studio randomizzato, in doppio cieco, placebo-controllato e a gruppi paralleli RED-CABG ( Reduction in Cardiovascular Events by Acadesine in Patients Undergoing CABG ), ha valutato pazienti con rischio da intermedio ad alto ( età mediana: 66 anni ) sottoposti a interventi chirurgici di bypass non-di-emergenza e on-pump in 300 Centri in 7 Paesi.

L’arruolamento ha avuto luogo nel periodo 2009-2010.

I partecipanti idonei all’arruolamento sono stati randomizzati in un rapporto 1:1 a ricevere Acadesina ( 0.1 mg/kg per minuto per 7 ore ) o placebo ( entrambi aggiunti a soluzioni cardioplegiche ) con inizio subito prima della induzione della anestesia.

La principale misura di esito era un composito di mortalità per tutte le cause, ictus non-fatale o bisogno di supporto meccanico per disfunzione ventricolare sinistra grave durante e in seguito all’intervento di bypass e fino al giorno 28 del post-operatorio.

Poiché i risultati di una pre-specificata analisi di futilità hanno indicato una probabilità molto bassa di esito efficace statisticamente significativo, lo studio è stato interrotto dopo la randomizzazione di 3.080 pazienti sui 7.500 originariamente previsti.

L’esito primario si è manifestato in 75 di 1.493 partecipanti ( 5.0% ) nel gruppo placebo e 76 di 1.493 ( 5.1% ) nel gruppo Acadesina ( odds ratio, OR=1.01 ).

Non sono emerse differenze negli endpoint chiave secondari misurati.

In conclusione, in questa popolazione di pazienti a rischio da intermedio a elevato sottoposti a chirurgia di bypass, Acadesina non ha ridotto l’esito composito di mortalità per tutte le cause, ictus non-fatale o disfunzione ventricolare sinistra grave. ( Xagena2012 )

Newman MF et al, JAMA 2012; 308: 157-164

Cardio2012 Farma2012


Indietro

Altri articoli

L’EMA ( European Medicines Agency ) ha raccomandato la concessione dell’autorizzazione all’immissione in commercio per una nuova terapia genica, denominata...


Clinicamente, l’aumentato livello nel liquido cerebrospinale ( CSF ) di adenosina deaminasi ( ADA ) è un importante indizio diagnostico...


La Food and Drug Administration ( FDA ) ha informato gli operatori sanitari riguardo al rischio, raro, ma grave per...


Uno studio ha valutato se la fosfodiesterasi ( PDE ), PDE4, che degrada l'adenosina monofosfato ciclico ( cAMP ), sia...


La dispnea e la congestione polmonare e/o periferica sono le manifestazioni più frequenti di insufficienza cardiaca acuta e sono obiettivi...


Nei pazienti con insufficienza cardiaca acuta spesso si manifesta un peggioramento della funzione renale che risulta associato a esiti avversi...


Un gruppo di Ricercatori del TIGET di Milano ha valutato l’esito a lungo termine della terapia genica per l’immunodeficienza grave...


L’Adenosina è un nucleoside purinico endogeno dotato di potente azione bloccante il nodo atrio-ventricolare ( AV).E’ prodotto dai miociti cardiaci...


Il nucleoside purinico 2-Clorodeossiadenosina è impiegato come antileucemico. La sua efficacia tuttavia è limitata dall’insorgenza di resistenza cellulare....