Ibandronato mensile versus Alendronato settimanale per osteoporosi nei pazienti con cirrosi biliare primaria


L'osteoporosi con conseguente fratture ossee è una complicanza nei pazienti con cirrosi biliare primaria.
Alendronato una volta alla settimana migliora la massa ossea ed è ben tollerato in questi pazienti, ma la scarsa aderenza alla terapia ( compliance ) rappresenta un problema.

Pertanto, è stata confrontata l'efficacia, l'aderenza e la sicurezza di Ibandronato mensile ( 150 mg; Boniva ) con quelle di Alendronato settimanale ( 70 mg; Fosamax ) in uno studio randomizzato di 2 anni in 42 donne in postmenopausa con cirrosi biliare primaria e osteoporosi.

La densità minerale ossea ( BMD ) della colonna lombare e del femore prossimale ( mediante DXA, assorbimetria a raggi X a doppia energia ), la funzione epatica e i marcatori ossei sono stati misurati all'inizio dello studio e ogni 6 mesi in 2 anni.

L'aderenza alla terapia è stata valutata mediante il punteggio Morisky-Green.

Al momento dell'arruolamento, i due gruppi erano simili per quanto riguarda età, densità minerale ossea, gravità della colestasi, fratture precedenti e marcatori ossei.

Hanno completato lo studio 33 pazienti, 14 nel gruppo Ibandronato e 19 nel gruppo Alendronato.

A 2 anni entrambi i trattamenti hanno prodotto un aumento significativo della densità minerale ossea del rachide lombare ( da 0.875 a 0.913 g/cm2, P minore di 0.001 con Alendronato, e da 0.898 a 0.949 g/cm2, P minore di 0.001 con Ibandronato ).
La variazione percentuale media è stata, rispettivamente, del 4.5% e 5.7% (P non significativo ).

La densità minerale ossea a livello dell'anca è aumentata complessivamente del 2.0% e dell’1.2%, rispettivamente.

I cambiamenti nei marcatori ossei sono stati simili in entrambi i gruppi e un paziente con Alendronato ha sviluppato una nuova frattura vertebrale.

L'aderenza alla terapia è stata più alta con Ibandronato ( P=0.009 ).

Nessun dei due trattamenti ha alterato la funzione epatica o la colestasi.

In conclusione, entrambi i regimi, Alendronato settimanale e Ibandronato mensile, migliorano la massa ossea e sono comparabili in sicurezza per la terapia della osteoporosi nei pazienti con cirrosi biliare primaria, anche se l'aderenza è maggiore con il regime mensile.
Sono necessari ulteriori studi più ampi per valutare la prevenzione delle fratture. ( Xagena2013 )

Guañabens N et al, Hepatology 2013; 58: 6: 2070-2078

Endo2013 Gastro2013 Farma2013


Indietro

Altri articoli

Romosozumab è un anticorpo monoclonale che lega e inibisce la sclerostina, aumenta la formazione ossea e diminuisce il riassorbimento osseo. Sono...


Denosumab ( Prolia ) ha dimostrato di ridurre le nuove fratture vertebrali, non-vertebrali e dell'anca nelle donne in postmenopausa con...


L’osso corticale, l'elemento dominante dello scheletro umano per volume, svolge un ruolo chiave nella protezione delle ossa dalle fratture. Un...


Per le donne con osteoporosi, il tasso di fratture vertebrali a livelli adiacenti è relativamente basso, con ridotta probabilità con...


La terapia di deprivazione androgenica ( ADT ) induce la perdita di densità minerale ossea ( BMD ) e aumenta...


Uno studio osservazionale ha mostrato che dopo 2 anni, sia Risedronato ( Actonel ) sia Alendronato ( Fosamax ) hanno...


Merck, nota come MSD al di fuori degli Stati Uniti e del Canada, ha annunciato i risultati di uno studio...


Alendronato ( Fosamax ) è un potente bifosfonato con una prolungata durata d’azione. Recenti report hanno trovato che nei...


I bifosfonati diminuiscono il riassorbimento osseo e sono comunemente utilizzati per trattare o prevenire l’osteoporosi.Tuttavia, l’effetto dei bifosfonati sulle loro...