Stafilochinasi ricombinante non-immunogenica versus Alteplase per i pazienti con ictus ischemico acuto 4-5 ore dopo l'insorgenza dei sintomi: studio FRIDA


La Stafilochinasi non-immunogenica è una Stafilochinasi ricombinante modificata con bassa immunogenicità, elevata attività trombolitica e selettività alla fibrina.
Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia di un singolo bolo endovenoso di Stafilochinasi non-immunogenica rispetto ad Alteplase neipazienti con ictus ischemico acuto entro 4.5 ore dall'insorgenza dei sintomi.

È stato condotto uno studio randomizzato, in aperto, multicentrico, a gruppi paralleli, di non-inferiorità in 18 centri clinici in Russia.
Sono stati inclusi pazienti di età pari o superiore a 18 anni con una diagnosi di ictus ischemico acuto ( fino a 25 punti sulla scala NIHSS [ National Institutes of Health Stroke Scale ] ).

Il farmaco in studio doveva essere somministrato entro 4.5 ore dall'inizio dei sintomi. I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Stafilochinasi non-immunogenica ( 10 mg ) o Alteplase ( 0.9 mg/kg, massimo 90 mg ), entrambi somministrati per via endovenosa.

I pazienti non erano a conoscenza del trattamento assegnato e sono stati valutati dagli sperimentatori dello studio che non erano a conoscenza dell'assegnazione del trattamento in tutti i giorni di studio.

L'endpoint primario di efficacia era un esito favorevole, definito come un punteggio della scala Rankin modificato ( mRS ) di 0-1 al giorno 90.
Il margine di non-inferiorità è stato stabilito come 16% per la differenza nel punteggio mRS di 0-1 al giorno 90. La non-inferiorità è stata testata utilizzando il test t di Welch solo per l'esito primario.
Gli endpoint sono stati analizzati nella popolazione per protocollo, che comprendeva tutti i pazienti assegnati in modo casuale che hanno completato il trattamento senza alcuna violazione del protocollo; questa popolazione era identica alla popolazione intent-to-treat ( ITT ).

Dei 385 pazienti reclutati dal 2017 al 2019, 336 ( 87% ) sono stati inclusi nello studio. 168 pazienti ( 50% ) sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Stafilochinasi non-immunogenica e 168 ( 50% ) a ricevere Alteplase.

La durata mediana del follow-up è stata di 89 giorni. 84 pazienti su 168 ( 50% ) nel gruppo Stafilochinasi non-immunogenica hanno avuto un esito favorevole al giorno 90 rispetto a 68 pazienti su 168 ( 40% ) nel gruppo Alteplase ( odds ratio, OR=1.47; P=0.10 ).

La differenza nel tasso di esito favorevole al giorno 90 è stata del 9.5% e il limite inferiore non ha superato il margine di non-inferiorità ( P per non-inferiorità inferiore a 0.0001 ).

Emorragia intracranica sintomatica si è verificata in 5 pazienti ( 3% ) nel gruppo Stafilochinasi non-immunogenica e in 13 pazienti ( 8% ) nel gruppo Alteplase ( P=0.087 ).

Al giorno 90, 17 pazienti ( 10% ) nel gruppo Stafilochinasi non-immunogenica e 24 pazienti ( 14% ) nel gruppo Alteplase erano deceduti ( P=0.32 ).
22 pazienti ( 13% ) nel gruppo Stafilochinasi non-immunogenica hanno avuto eventi avversi gravi, rispetto a 37 pazienti ( 22% ) nel gruppo Alteplase ( P=0.044 ).

La Stafilochinasi non-immunogenica è risultata non-inferiore ad Alteplase nei pazienti con ictus ischemico acuto.
La mortalità, l'emorragia intracranica sintomatica e gli eventi avversi gravi non sono risultate variate significativamente tra i gruppi.

Sono necessari studi futuri per continuare a valutare la sicurezza e l'efficacia della Stafilochinasi non-immunogenica nei pazienti con ictus ischemico acuto entro la finestra temporale di 4.5 ore e per valutare il farmaco nei pazienti con ictus ischemico acuto al di fuori di questa finestra temporale con tomografia computerizzata ( CT ) di riperfusione o angiografia con risonanza magnetica seguita da trombectomia, se necessario. ( Xagena2021 )

Gusev EI et al, Lancet Neurology 2021; 20: 721-728

Neuro2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

Le Unità mobili per l’ictus ( MSU ) dotate di uno scanner CT ( tomografia computerizzata ) riducono i tempi...


Tenecteplase ( Metalyse ) è un attivatore del plasminogeno tissutale modificato con vantaggi farmacologici e pratici rispetto ad Alteplase (...


Le attuali lineeguida sconsigliano l'uso di Alteplase ( Actilyse ) per via endovenosa nei pazienti con ictus ischemico acuto che...


Il valore della somministrazione endovenosa di Alteplase ( Actilyse ) prima del trattamento endovascolare per l'ictus ischemico acuto non è...


Si è determinato se Alteplase ( Actilyse ) sia in grado di alterare lo sviluppo di lesioni ischemiche a livello...


Il trattamento con Alteplase ( Activase, Actilyse ) in pazienti con ictus ischemico acuto con deficit minori non-invalidanti non è...


I risultati di uno studio hanno mostrato che il trattamento con Alteplase ( Activase, Actilyse ) in pazienti con...


L'intervento coronarico percutaneo primario ( PPCI ) tempestivo non può essere offerto a tutti i pazienti con infarto miocardico con...


Tenecteplase ( Metalyse ) è un nuovo agente trombolitico con alcuni vantaggi farmacologici rispetto ad Alteplase ( Actilyse ). I precedenti...