Anastrozolo per la prevenzione del tumore al seno: studio IBIS-II


Due grandi studi clinici hanno mostrato un tasso ridotto di sviluppo del tumore mammario in donne ad alto rischio nei primi 5 anni di follow-up dopo l'uso di inibitori dell'aromatasi: MAP.3 e International Breast Cancer Intervention Study II ( IBIS-II ).

Sono stati riportati gli esiti di follow-up a lungo termine in cieco per lo studio IBIS-II, che ha confrontato l'Anastrozolo ( Arimidex ) con placebo, con l'obiettivo di determinare l'efficacia dell'Anastrozolo per prevenire il tumore al seno ( carcinoma duttale sia in situ sia invasivo ) nel post periodo di trattamento.

IBIS-II è uno studio internazionale, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo. Le donne in postmenopausa ad aumentato rischio di sviluppare il tumore mammario sono state assegnate casualmente all'Anastrozolo ( 1 mg al giorno, per via orale ) oppure a placebo corrispondente ogni giorno per 5 anni.

Dopo il completamento del trattamento, le donne sono state seguite su base annuale per raccogliere dati sull'incidenza del tumore al seno, morte, altri tumori e principali eventi avversi ( eventi cardiovascolari e fratture ).

L'esito primario era il tumore mammario.

Sono state reclutate 3.864 donne tra il 2003 e il 2012. 1.920 donne sono state assegnate casualmente a 5 anni di Anastrozolo e 1.944 a placebo.

Dopo un follow-up mediano di 131 mesi, è stata osservata una riduzione del 49% del tumore alla mammella con Anastrozolo ( 85 vs 165 casi; hazard ratio: HR=0.51, P minore di 0.0001 ).

La riduzione è stata maggiore nei primi 5 anni ( 35 vs 89, HR=0.39, P minore di 0.0001 ), ma ancora significativa dopo 5 anni ( 50 vs 76 nuovi casi, HR=0.64, P=0.014 ), e non significativamente diversa dai primi 5 anni ( P=0.087 ).

Il carcinoma alla mammella invasivo positivo al recettore degli estrogeni è stato ridotto del 54% ( HR=0.46, P minore di 0.0001 ), con un continuo effetto significativo nel periodo successivo al trattamento.

È stata osservata una riduzione del 59% del carcinoma duttale in situ ( 0.41, P=0.0081 ), in particolare nelle partecipanti positive al recettore degli estrogeni ( 0.22, P minore di 0.0001 ).

Nessuna differenza significativa nei decessi è stata osservata in generale ( 69 vs 70, HR=0.96, P=0.82 ) o per tumore mammario ( 2 con Anastrozolo versus 3 con placebo ).

Con l'Anastrozolo è stata osservata una riduzione significativa dei tumori non-al-seno ( 147 vs 200; odds ratio: HR=0.72, P=0.0042 ), principalmente relativa al tumore cutaneo non-melanoma.
Non è stato osservato alcun eccesso di fratture o malattie cardiovascolari.

L’analisi ha identificato una significativa riduzione continua del tumore mammario con Anastrozolo nel periodo di follow-up post-trattamento, senza evidenza di nuovi effetti collaterali tardivi.
È necessario un ulteriore follow-up per valutare l'effetto sulla mortalità per tumore al seno. ( Xagena2020 )

Cuzick J et al, Lancet 2020; 395: 117-122

Gyne2020 Onco2020 Farma2020


Indietro

Altri articoli

Il cancro dell'endometrio è spesso ormono-dipendente e viene trattato con inibitori dell'aromatasi. La deregolazione del percorso PI3K-AKT-mTOR osservata nel tumore...


Vi è incertezza sul programma ottimale di trattamento adiuvante del carcinoma mammario con inibitori dell'aromatasi e nessuno studio ha confrontato direttamente i tre inibitori dell'aromatasi Anastrozolo ( Arimidex...


Lo studio FACE ( Letrozole, Femara, Versus Anastrozole Clinical Evaluation ) ha confrontato l'efficacia e la sicurezza di Letrozolo adiuvante...


Il carcinoma duttale in situ è attualmente gestito con escissione, radioterapia e terapia ormonale adiuvante, di solito Tamoxifene. Si è...


Lo studio NSABP B-35 ha confrontato 5 anni di trattamento con Anastrozolo ( Arimidex ) rispetto a Tamoxifene nella riduzione...


Gli inibitori dell'aromatasi di terza generazione sono più efficaci del Tamoxifene per prevenire le recidive nelle donne in postmenopausa con...


Dati preclinici sostengono un ruolo chiave per il percorso PI3K nel cancro della mammella positivo al recettore degli estrogeni (...


La sindrome del tunnel carpale si verifica quando il nervo mediano è compresso al polso nel tunnel carpale. È stato...


La somministrazione di Acido Zoledronico ( Zometa ) in combinazione con terapia endocrina adiuvante è risultata associata a un significativo...