Enoxaparina ev più efficace della Eparina non-frazionata nel ridurre le complicanze del intervento coronarico percutaneo


I risultati dello studio ATOLL hanno evidenziato che l’Eparina a basso peso molecolare, Enoxaparina ( Clexane, ) è più efficace dell’Eparina non-frazionata nel ridurre i gravi eventi ischemici.

L’Enoxaparina e l’Eparina non-frazionata sono state somministrate per via endovenosa nei pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo ( PCI ) per infarto miocardico con sopraslivellamento ST ( STEMI ).

Lo studio ha riguardato 910 pazienti, che sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Enoxaparina ev ( 0.5 mg/kg con o senza un inibitore della glicoproteina IIb/IIIa ) oppure Eparina non-frazionata ev ( 50-70 UI con inibitore GP IIb/IIIa, 70-100 UI senza inibitore GP IIb/IIIa ).
Due terzi dei pazienti nello studio hanno avuto accesso radiale per l’intervento PCI primario.

I risultati a 30 giorni hanno mostrato che l’endpoint primario ( un composito di morte, complicazioni da infarto miocardico, fallimento della procedura o sanguinamenti maggiori ) si è presentato nel 33.7% di coloro che erano stati trattati con l’Eparina non-frazionata e nel 28% dei pazienti nel gruppo Enoxaparina ( p=0.07 ).

Il principale endpoint secondario ( mortalità, ricorrente infarto miocardico / sindrome coronarica acuta, o rivascolarizzazione urgente ) si è presentato nell’11.3% tra coloro che avevano ricevuto Eparina non-frazionata e nel 7.8% di quelli che avevano ricevuto Enoxaparina ( p=0.02 ), mentre il triplo endpoint ischemico ( mortalità, re-infarto, o rivascolarizzazione urgente ) si è presentato nell’8.5% dei pazienti del gruppo Eparina non-frazionata e nel 5.1% nel gruppo Enoxaparina ( p=0.04 ).

Inoltre, lo studio, ha mostrato un rischio del 4.9% di sanguinamento maggiore non-CABG nel braccio Eparina non-frazionata versus il 4.5% nel braccio Enoxaparina; una differenza non-significativa ma probabilmente correlata alla proporzione di pazienti con PCI ad accesso radiale. ( Xagena2010 )

Fonte: European Society of Cardiology Meeting, 2010


Cardio2010 Farma2010


Indietro

Altri articoli

Lo studio ENSURE-AF ( EdoxabaN versus warfarin in subjectS UndeRgoing cardiovErsion of Atrial Fibrillation ) sulla anticoagulazione per cardioversione elettrica...


Edoxaban ( Lixiana ), un inibitore orale del fattore Xa, è non-inferiore per la prevenzione di ictus e embolia sistemica...



Il trattamento combinato di Lenalidomide ( Revlimid ) e Desametasone ( Decadron ) è efficace nel trattamento del mieloma multiplo,...


Il trattamento dell’embolia polmonare con Eparina a basso peso molecolare e antagonisti della vitamina K, come Warfarin, non rappresenta l’ideale.È...


Nell’intervento coronarico percutaneo ( PCI ) primario per infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST ( STEMI ) viene in...


Lo studio ADOPT ( Apixaban Dosing to Optimize Protection from Thrombosis ) valutata l'efficacia e la sicurezza di Apixaban, somministrato...


L’efficacia e la sicurezza della profilassi prolungata per il tromboembolismo venoso nei pazienti dopo la dimissione dall’ospedale restano incerte.È stato...


Nei pazienti con mieloma, la Talidomide ( Thalomid ) migliora in modo significativo gli esiti, ma aumenta il rischio di...