Effetto dell'associazione a dose fissa di Acido Bempedoico più Ezetimibe rispetto al solo Ezetimibe sul colesterolo LDL nei pazienti con diabete di tipo 2 e ipercolesterolemia non-trattati con statine


Uno studio ha valutato l’impiego diell'associazione Acido Bempedoico ed Ezetimibe ( Nustendi ) in una coorte di pazienti dislipidemici con diabete mellito di tipo II, non-trattati con statine.

Le statine possono essere talvolta associate a un peggioramento del controllo glicemico ed alcune tipologie di pazienti con dislipidemia e con diabete mellito di tipo 2 potrebbero giovarsi di terapie non-statiniche per raggiungere gli obiettivi di riduzione del colesterolo LDL, e quindi ridurre il rischio cardiovascolare, che è elevato per la presenza della patologia diabetica di base.

Uno studio, di fase 2, in doppio cieco, ha esaminato l’efficacia e la sicurezza dell’Acido Bempedoico al dosaggio di 180 mg in aggiunta ad Ezetimibe al dosaggio di 10 mg ( combinazione a dose fissa ) nei pazienti con diabete di tipo 2 e ipercolesterolemia non-in-trattamento con statine o altre terapie ipolipemizzanti.

I principali criteri di arruolamento nello studio erano i seguenti: diabete di tipo 2 da almeno 6 mesi; regolare assunzione di farmaci antidiabetici da almeno 3 mesi; emoglobina glicata [ HbA1c ] compresa tra 7 e 10%; livelli di colesterolo LDL superiori a 70 mg/dL.

I pazienti arruolati sono stati sottoposti a un periodo di wash-out di 5 settimane. I pazienti sono stati seccessivamente assegnati in modo casuale a ricevere ( rapporto 1:1:1 ) Acido Bempedoico 180 mg più Ezetimibe 10 mg, oppure Ezetimibe 10 mg oppure placebo una volta al giorno per 12 settimane.

Tra i 179 pazienti randomizzati, le caratteristiche basali dopo il periodo di wash-out erano simili tra i gruppi di trattamento, con livelli medi di colesterolo LDL di 142.6 mg/dL ed emoglobina glicata media dell’8.0%.

Alla 12° settimana, la terapia con Acido Bempedoico più Ezetimibe aveva ridotto i livelli medi di colesterolo LDL del 38.8%, in misura maggiore rispetto al solo Ezetimibe ( 19.2%; differenza 19.5% [ intervallo di confidenza ( IC ) 95%, 13.4-25.7%]; p inferiore a 0.001 ) o del placebo ( incremento dello 0.9%; differenza, 39.6% [ IC 95%, 33.4-45.8% ]; p inferiore a 0.001 ).

Inoltre la combinazione Acido Bempedoico ed Ezetimibe ha ridotto significativamente i livelli di proteina c-reattiva ( PCR ) rispetto ad Ezetimibe ( 29.2%; p = 0.005 ) e rispetto al placebo ( 36.7%; p inferiore a 0.001 ).

L’incidenza di eventi avversi è risultata bassa in tutti i gruppi di trattamento e non sono emersi elementi indicativi di un peggioramento del controllo glicemico.

Lo studio ha mostrato che, nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e ipercolesterolemia che non stavano ricevendo statine o altri farmaci ipolipemizzanti, la combinazione Acido Bempedoico più Ezetimibe ha significativamente ridotto i livelli di colesterolo LDL, con un buon profilo di tollerabilità. ( Xagena2021 )

Bays He et al, Am J Prev Cardiol 2021; 8:100278. doi: 10.1016/j.ajpc.2021.100278. eCollection 2021

Cardio2021 Endo2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

L'Ezetimibe, disponibile da due decenni, e l'Acido Bempedoico, un nuovo farmaco che inibisce la stessa via biosintetica mirata dalle statine...


Nustendi è un medicinale utilizzato per abbassare i livelli di colesterolo nel sangue. Trova impiego nei pazienti con ipercolesterolemia primaria o...


Ezetimibe ( Zetia ), quando è aggiunto a Simvastatina ( Vytorin ), riduce gli eventi cardiovascolari dopo la sindrome coronarica...


Ezetimibe ( Zetia ) migliora gli esiti cardiovascolari nei pazienti stabilizzati dopo sindrome coronarica acuta ( ACS ) quando è...


La terapia intensiva per il colesterolo LDL con Ezetimibe / Simvastatina ( Vytorin ) nello studio IMPROVE-IT ( IMProved Reduction...


La terapia con statine riduce i livelli di colesterolo LDL e il rischio di eventi cardiovascolari, ma non è chiaro...


Ezetimibe ( Ezetrol, Zetia ) inibisce l'assorbimento intestinale di colesterolo e abbassa il colesterolo LDL. Studi non-controllati hanno suggerito che...


Uno studio ha confrontato l'efficacia e la sicurezza di Alirocumab ( Praluent ), un anticorpo monoclonale, completamente umano, diretto...


Le recenti sperimentazioni hanno mostrato una riduzione del rischio di eventi cardiaci avversi maggiori ( MACE ) con la terapia...