Atezolizumab neoadiuvante in combinazione con chemioterapia sequenziale a base di nab-Paclitaxel e antracicline versus placebo e chemioterapia nei pazienti con cancro alla mammella triplo negativo in stadio iniziale: studio IMpassion031


I regimi neoadiuvanti preferiti per il tumore mammario triplo negativo ( TNBC ) allo stadio iniziale includono antraciclina - Ciclofosfamide e chemioterapia a base di taxani.
IMpassion031 ha confrontato l'efficacia e la sicurezza di Atezolizumab ( Tecentriq ) rispetto al placebo combinato con nab-Paclitaxel ( Abraxane ) seguito da Doxorubicina più Ciclofosfamide come trattamento neoadiuvante per il tumore TNBC in stadio iniziale.

Questo studio in doppio cieco, randomizzato, di fase 3 ha arruolato pazienti in 75 siti accademici e comunitari in 13 Paesi.
I pazienti di età pari o superiore a 18 anni con tumore TNBC di stadio II-III documentato istologicamente, non-trattato in precedenza, sono stati assegnati in modo casuale a ricevere chemioterapia più Atezolizumab per via endovenosa alla dose di 840 mg o placebo ogni 2 settimane.

La chemioterapia ha compreso nab-Paclitaxel a 125 mg/m2 ogni settimana per 12 settimane seguita da Doxorubicina a 60 mg/m2 e Ciclofosfamide a 600 mg/m2 ogni 2 settimane per 8 settimane, seguite poi da un intervento chirurgico.
La stratificazione è stata fatta in base allo stadio clinico del tumore al seno e allo stato del PD-L1.

Gli endpoint co-primari erano la risposta patologica completa in tutti i pazienti randomizzati ( tutti i pazienti assegnati in modo casuale nella popolazione intent-to-treat [ ITT ] ) e PD-L1-positivi ( pazienti con cellule immunitarie infiltranti il tumore con espressione di PD-L1 che coprono l’1% o più dell'area tumorale ).

Tra il 2017 e il 2019, sono stati reclutati e valutati per l'eleggibilità 455 pazienti. Dei 333 pazienti eleggibili, 165 sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Atezolizumab più chemioterapia e 168 a placebo più chemioterapia.
Al cutoff dei dati nel 2020, il follow-up mediano era di 20.6 mesi nel gruppo Atezolizumab più chemioterapia e 19.8 mesi nel gruppo placebo più chemioterapia.

La risposta patologica completa è stata documentata in 95 pazienti ( 58% ) nel gruppo Atezolizumab più chemioterapia e in 69 pazienti ( 41% ) nel gruppo placebo più chemioterapia ( differenza di tasso 17%, P=0.0044, limite di significatività 0.0184 ).

Nella popolazione PD-L1-positiva, la risposta patologica completa è stata documentata in 53 pazienti su 77 ( 69% ) nel gruppo Atezolizumab più chemioterapia rispetto a 37 su 75 pazienti ( 49% ) nel gruppo placebo più chemioterapia ( differenza di tasso 20%, P=0.021, limite di significatività 0.0184 ).

Nella fase neoadiuvante, gli eventi avversi di grado 3-4 erano bilanciati e gli eventi avversi gravi correlati al trattamento si sono verificati in 37 ( 23% ) e 26 ( 16% ) pazienti, con un paziente per gruppo che ha manifestato un evento avverso di grado 5 non-correlato ( incidente stradale nel gruppo Atezolizumab più chemioterapia e polmonite nel gruppo placebo più chemioterapia ).

Nei pazienti con carcinoma mammario triplo negativo in stadio iniziale, il trattamento neoadiuvante con Atezolizumab in combinazione con nab-Paclitaxel e chemioterapia a base di antracicline ha migliorato significativamente i tassi di risposta patologica completa con un profilo di sicurezza accettabile. ( Xagena2020 )

Mittendorf EA et al, Lancet 2020; 396: 1090-1100

Gyne2020 Onco2020 Farma2020



Indietro

Altri articoli

L'impiego di Paclitaxel per via endovenosa ( IVpac ) è associato a neuropatia e richiede una premedicazione per prevenire reazioni...


Il tumore tiroideo anaplastico è un tumore raro e aggressivo senza trattamento locale standard basato sulla radioterapia. Sulla base dei...


Denosumab ( Xgeva ) adiuvante potrebbe migliorare la sopravvivenza libera da malattia ( PFS ) nel tumore mammario primario positivo...


Sono state studiate diverse strategie neoadiuvanti di de-escalation per ridurre l'uso della chemioterapia nel tumore mammario in fase iniziale HER2-positivo,...


I regimi di trattamento antitumorale in genere causano spiacevoli effetti collaterali. È stato studiato il beneficio del cambiamento di terapia...


La chemioterapia di induzione aggiunta alla chemioradioterapia concomitante migliora significativamente la sopravvivenza per i pazienti con carcinoma nasofaringeo locoregionale avanzato,...


Nello studio globale di fase 3 RAINBOW, Ramucirumab ( Cyramza ) più Paclitaxel ha migliorato significativamente la sopravvivenza globale (...


Lo studio ATEMPT è stato progettato per determinare se il trattamento con Trastuzumab emtansine ( T-DM1; Kadcyla ) causi una...


I dispositivi contenenti Paclitaxel ( PTXD ) riducono significativamente il reintervento nei pazienti con malattia dell'arteria periferica femoropoplitea sintomatica. Una...


I tumori al seno con mutazione BRCA1 o BRCA2 sono sensibili agli inibitori PARP ( poli-ADP-ribosio polimerasi ) e agli...