De-escalation di Pertuzumab neoadiuvante più Trastuzumab con o senza Paclitaxel settimanale nel tumore alla mammella in fase iniziale HER2-positivo, HR-negativo: studio WSG-ADAPT-HER2+/HR-


Sono state studiate diverse strategie neoadiuvanti di de-escalation per ridurre l'uso della chemioterapia nel tumore mammario in fase iniziale HER2-positivo, utilizzando una risposta patologica completa come endpoint surrogato; ci sono pochi dati di sopravvivenza da questi studi.

Sono stati riportati i dati di sopravvivenza a 5 anni nello studio WSG-ADAPT-HER2+/HR- ed è affrontato l'effetto della risposta patologica completa, della risposta precoce alla terapia e del sottotipo molecolare.

WSG-ASAPT-HER2+/HR-, una parte dello studio ombrello ADAPT condotto in pazienti con diversi sottotipi di carcinoma mammario in fase iniziale, era uno studio di fase 2, multicentrico, in aperto, randomizzato, avviato dallo sperimentatore condotto in 40 Centri per il cancro al seno in Germania.

I pazienti eleggibili erano di età pari o superiore a 18 anni con tumore alla mammella in fase iniziale, non-infiammatorio, unilaterale, invasivo primario, istologicamente confermato, negativo ai recettori ormonali e HER2-positivo e con ECOG performance status di 0 o 1 o un Karnofsky performance status almeno dell'80%.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale, stratificando per Centro e stato clinico dei linfonodi, a 12 settimane di Trastuzumab [ Herceptin ] ( dose di carico 8 mg/kg, poi 6 mg/kg ogni 3 settimane ) più Pertuzumab [ Perjeta ] ( dose di carico 840 mg, poi 420 mg ogni 3 settimane ) o Trastuzumab più Pertuzumab più Paclitaxel ( 80 mg/m2 alla settimana ); tutti i farmaci sono stati somministrati per via endovenosa.

L'obiettivo principale dello studio era confrontare il numero di pazienti con una risposta patologica completa all'intervento chirurgico ( assenza di cellule tumorali invasive nella mammella e nei linfonodi, ypT0/is ypN0, l'endpoint primario ) in pazienti con risposta precoce ( bassa cellularità o diminuzione del Ki67 maggiore o uguale al 30% dopo 3 settimane ) nel gruppo Trastuzumab più Pertuzumab rispetto a tutti i pazienti ( indipendentemente da una risposta precoce ) nel gruppo Trastuzumab più Pertuzumab più Paclitaxel.

La non-inferiorità è stata definita come una risposta patologica completa non-peggiore del 23% inferiore nella percentuale di pazienti che hanno risposto precocemente nel gruppo Trastuzumab più Pertuzumab rispetto all'intero gruppo Trastuzumab più Pertuzumab più Paclitaxel.

L'endpoint primario è stato segnalato in precedenza. Inoltre, l'obiettivo principale dello studio ombrello ADAPT era la valutazione dell'effetto della risposta patologica completa sulla sopravvivenza libera da malattia invasiva. A discrezione dello sperimentatore, un'ulteriore chemioterapia poteva essere omessa nei pazienti con una risposta patologica completa.

Gli endpoint secondari di sopravvivenza erano la sopravvivenza libera da malattia invasiva a 5 anni, la sopravvivenza libera da recidiva, la sopravvivenza libera da recidiva locoregionale, la sopravvivenza libera da malattia a distanza e la sopravvivenza globale.

L'effetto della risposta patologica completa sulla sopravvivenza è stato stimato mediante l'analisi di regressione di Cox.
Tutte le analisi sono state riportate nella popolazione intention-to-treat ( ITT ).

Tra il 2014 e il 2015, 134 pazienti sono stati reclutati e assegnati in modo casuale al trattamento, 92 a Trastuzumab più Pertuzumab e 42 a Trastuzumab più Pertuzumab più Paclitaxel.
Il follow-up mediano nei sopravvissuti è stato di 59.9 mesi.

Non ci sono state differenze significative tra i gruppi di trattamento in termini di sopravvivenza libera da malattia invasiva, sopravvivenza libera da recidiva, sopravvivenza libera da recidiva locoregionale, sopravvivenza libera da malattia a distanza e sopravvivenza globale.

Nel gruppo Trastuzumab più Pertuzumab più Paclitaxel e nel gruppo Trastuzumab più Pertuzumab, le percentuali di pazienti che hanno raggiunto la sopravvivenza a 5 anni rispettivamente sono state del 98% e dell'87% per la sopravvivenza libera da malattia invasiva ( hazard ratio, HR=0.32; P=0.15 ); 98% e 89% per la sopravvivenza libera da recidive ( HR=0.41; P=0.25 ); 100% e 95% per la sopravvivenza libera da recidiva locoregionale ( HR=0.41; P=0.43 ); 98% e 92% per la sopravvivenza libera da malattia a distanza ( HR=0.35; P=0.36 ) e 98% e 94% per la sopravvivenza globale ( HR=0.41; P=0.43 ).

La risposta patologica completa è stata associata a una migliore sopravvivenza libera da malattia invasiva ( HR=0.14; P=0.011 ).
Due eventi di sopravvivenza libera da malattia invasiva si sono verificati dopo una risposta patologica completa ( uno in ciascun gruppo di trattamento ).

Lo studio WSG-ADAPT-HER2+/HR- ha mostrato buoni tassi di sopravvivenza nei pazienti con una risposta patologica completa dopo de-escalation di Trastuzumab di 12 settimane più Pertuzumab con o senza Paclitaxel settimanale.
L'omissione di ulteriore chemioterapia non ha influenzato la sopravvivenza libera da malattia invasiva nei pazienti con una risposta patologica completa.

In conclusione, 12 settimane di Paclitaxel settimanale più doppio blocco HER2 potrebbero rappresentare un efficace regime neoadiuvante di de-escalation nei pazienti con carcinoma mammario in fase iniziale HR-negativo, HER2-positivo con alti tassi di risposta patologica completa e buoni esiti a 5 anni. Sono in corso ulteriori studi su questo approccio. ( Xagena2022 )

Nitz U et al, Lancet Oncology 2022; 23: 625-635

Gyne2022 Onco2022 Farma2022


Indietro

Altri articoli

Denosumab ( Xgeva ) adiuvante potrebbe migliorare la sopravvivenza libera da malattia ( PFS ) nel tumore mammario primario positivo...


I regimi di trattamento antitumorale in genere causano spiacevoli effetti collaterali. È stato studiato il beneficio del cambiamento di terapia...


La chemioterapia di induzione aggiunta alla chemioradioterapia concomitante migliora significativamente la sopravvivenza per i pazienti con carcinoma nasofaringeo locoregionale avanzato,...


Nello studio globale di fase 3 RAINBOW, Ramucirumab ( Cyramza ) più Paclitaxel ha migliorato significativamente la sopravvivenza globale (...


Nello studio di fase 3 KEYNOTE-407, l'aggiunta di Pembrolizumab ( Keytruda ) a Carboplatino + Paclitaxel / nab-Paclitaxel ha migliorato...


I risultati di una recente meta-analisi hanno destato preoccupazione per un aumento del rischio di morte associato all'uso di palloncini...


Lo studio GeparSepto ha dimostrato che Paclitaxel legato all'albumina formulato in nanoparticelle ( NAB; Abraxane ), somministrato settimanalmente, migliora significativamente...


Esiste una necessità medica insoddisfatta per il trattamento del tumore ovarico ricorrente e sono necessari nuovi approcci per migliorare la...


L'obiettivo primario era determinare se la brachiterapia della cuffia vaginale e la chemioterapia ( VCB/C ) aumentino la sopravvivenza libera...