Paclitaxel come trattamento di prima o seconda linea per il sarcoma di Kaposi HIV-negativo


Il Paclitaxel è stato recentemente approvato per il sarcoma di Kaposi correlato all'AIDS, e c'è molto interesse anche per il sarcoma di Kaposi HIV-negativo.

Uno studio ha valutato la sicurezza e l'efficacia di Paclitaxel per via endovenosa nel trattamento del sarcoma di Kaposi non-associato all'HIV ( virus dell'immunodeficienza umana ).

Un'analisi retrospettiva del database del Dipartimento di Fisiopatologia Medico-Chirurgica e dei Trapianti dell'Università degli Studi di Milano nei sarcomi di Kaposi, dimostrati istologicamente e HIV-negativi.

Sono stati identificati 58 pazienti trattati con Paclitaxel per via endovenosa 100 mg alla settimana.

Tra questi pazienti, 11 pazienti sono stati sottoposti a Paclitaxel come trattamento di prima linea, mentre 47 hanno ricevuto Paclitaxel dopo altri tipi di chemioterapia sistemica.

Cinquantatré pazienti ( 94.6% ) avevano ottenuto una remissione parziale o completa dopo una media di 13.5 infusioni.

La progressione della malattia è stata osservata in due pazienti e un paziente ha avuto una malattia stabile.

Trentun pazienti su 53 ( 58.5% ) responder sono ancora stabili dopo una media di 19.1 mesi di follow-up, mentre 22 pazienti ( 41.5% ) sono recidivati dopo una media di 14 mesi.

Paclitaxel è stato ripetuto nei pazienti recidivati che avevano ottenuto risposta parziale / risposta completa.

La tollerabilità è stata buona ad eccezione di un paziente che ha interrotto il trattamento a causa di una grave reazione allergica.

Dallo studio è emerso che Paclitaxel è efficace per il trattamento del sarcoma di Kaposi non-correlato all'infezione da HIV, sia come trattamento di prima o seconda linea.
Inoltre, il trattamento è ben tollerato, e può essere ripetuto senza perdita di efficacia. ( Xagena2019 )

Tourlaki A et al, J Dermatolog Treat 2019; Epub ahead of print

Onco2019 Dermo2019 Farma2019 MalRar2019 Med2019


Indietro

Altri articoli

Denosumab ( Xgeva ) adiuvante potrebbe migliorare la sopravvivenza libera da malattia ( PFS ) nel tumore mammario primario positivo...


Sono state studiate diverse strategie neoadiuvanti di de-escalation per ridurre l'uso della chemioterapia nel tumore mammario in fase iniziale HER2-positivo,...


I regimi di trattamento antitumorale in genere causano spiacevoli effetti collaterali. È stato studiato il beneficio del cambiamento di terapia...


La chemioterapia di induzione aggiunta alla chemioradioterapia concomitante migliora significativamente la sopravvivenza per i pazienti con carcinoma nasofaringeo locoregionale avanzato,...


Nello studio globale di fase 3 RAINBOW, Ramucirumab ( Cyramza ) più Paclitaxel ha migliorato significativamente la sopravvivenza globale (...


Nello studio di fase 3 KEYNOTE-407, l'aggiunta di Pembrolizumab ( Keytruda ) a Carboplatino + Paclitaxel / nab-Paclitaxel ha migliorato...


I risultati di una recente meta-analisi hanno destato preoccupazione per un aumento del rischio di morte associato all'uso di palloncini...


Lo studio GeparSepto ha dimostrato che Paclitaxel legato all'albumina formulato in nanoparticelle ( NAB; Abraxane ), somministrato settimanalmente, migliora significativamente...


Esiste una necessità medica insoddisfatta per il trattamento del tumore ovarico ricorrente e sono necessari nuovi approcci per migliorare la...


L'obiettivo primario era determinare se la brachiterapia della cuffia vaginale e la chemioterapia ( VCB/C ) aumentino la sopravvivenza libera...