Mieloma multiplo recidivante o refrattario: analisi finale della sopravvivenza globale dello studio di fase III TOURMALINE-MM1 con Ixazomib, Lenalidomide e Desametasone


Lo studio di fase III TOURMALINE-MM1 in doppio cieco, controllato con placebo, ha dimostrato un miglioramento statisticamente significativo della sopravvivenza libera da progressione con Ixazomib [ Ninlaro ] - Lenalidomide - Desametasone ( Ixazomib-Rd ) rispetto al placebo-Rd in pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario.
Sono state riportate le analisi finali per la sopravvivenza globale ( OS ).

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Ixazomib-Rd ( n=360 ) oppure placebo-Rd ( n=362 ), stratificati per numero di precedenti terapie ( 1 versus 2 o 3 ), precedente esposizione a inibitori del proteasoma ( PI; sì vs no ), e stadio di malattia dell'International Staging System ( I o II v III ).

La sopravvivenza globale( popolazione intent-to-treat ) era un endpoint secondario chiave.

Con un follow-up mediano di 85 mesi, la sopravvivenza globale mediana con Ixazomib-Rd rispetto al placebo-Rd è stata di 53.6 versus 51.6 mesi ( hazard ratio, HR=0.939; P=0.495 ).

Hazard ratio più bassi ad indicare una maggiore entità del beneficio in termini di sopravvivenza globale con Ixazomib-Rd rispetto a placebo-Rd, sono stati osservati in sottogruppi predefiniti: refrattari a qualsiasi linea di trattamento ( 0.794 ) o all'ultima ( 0.742 ); età maggiore di 65-75 anni ( 0.757 ); stadio III International Staging System ( 0.779 ); 2/3 precedenti terapie ( 0.845 ); citogenetica ad alto rischio ( 0.870 ); e citogenetica ad alto rischio e/o amplificazione 1q21 ( 0.862 ).

Dopo Ixazomib-Rd versus placebo-Rd, il 71.7% rispetto al 69.9% dei pazienti ha ricevuto 1 o più terapie antitumorali, di cui il 24.7% contro il 33.9% ha ricevuto Daratumumab e il 71.8% contro il 76.9% ha ricevuto un inibitore del proteasoma ( terapia di prossima linea: 47.5% vs 55.8% ).

I tassi di nuovi tumori maligni primari sono stati simili con Ixazomib-Rd ( 10.3% ) e con placebo-Rd ( 11.9% ).

Non ci sono stati problemi di sicurezza nuovi o aggiuntivi.

I valori mediani di sopravvivenza globale in entrambi i bracci erano i più lunghi riportati negli studi di fase III su triplette basate sul regime Rd nel mieloma multiplo recidivante o refrattario al momento di questa analisi; il beneficio di sopravvivenza libera da progressione con Ixazomib-Rd rispetto al placebo-Rd non si è tradotto in un beneficio di sopravvivenza globale statisticamente significativo nell'analisi intent-to-treat.

Il beneficio in termini di sopravvivenza globale è stato maggiore nei sottogruppi con fattori prognostici avversi.
L'interpretazione della sopravvivenza globale è stata confusa da squilibri nelle terapie successive ricevute, in particolare inibitore del proteasoma e Daratumumab. ( Xagena2021 )

Richardson PG et al, J Clin Oncol 2021; 39: 2430-2442

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

La mancanza di uno studio randomizzato di confronto tra Carfilzomib ( K; Kyprolis ) ed Elotuzumab ( Elo; Empliciti )...


Melfalan flufenamide ( Melflufen; Pepaxto ), un coniugato alchilante farmaco-peptide, più Desametasone ha mostrato attività clinica e sicurezza gestibile nello...


In uno studio retrospettivo è stato dimostrato che la Doxiciclina ( Bassado ) è associata a una maggiore sopravvivenza nei...



Un'analisi ad interim dello studio di fase 3 IKEMA ha dimostrato che l'associazione Isatuximab [ Sarclisa ] - Carfilzomib [...


La malattia da coronavirus 2019 ( Covid-19 ) è associata a danno polmonare diffuso. I glucocorticoidi possono modulare il danno...


Nell'analisi primaria dello studio di fase 3 MAIA ( follow-up mediano 28.0 mesi ), è stato osservato un miglioramento significativo...


In uno studio di fase 1b, Daratumumab ( Darzalex ) per via endovenosa più Pomalidomide ( Imnovid ) e Desametasone...