Effetto del trattamento con Sacubitril / Valsartan nei pazienti con insufficienza cardiaca avanzata e frazione di eiezione ridotta


L'uso di Sacubitril / Valsartan ( Entresto ) non è approvato dalle lineeguida pratiche per l'uso in pazienti con insufficienza cardiaca di classe IV NYHA con una frazione di eiezione ridotta a causa della limitata esperienza clinica in questa popolazione.

È stato confrontato il trattamento con Sacubitril / Valsartan con Valsartan nei pazienti con insufficienza cardiaca avanzata e frazione di eiezione ridotta e sintomi recenti di classe IV NYHA

È stato condotto uno studio clinico randomizzato in doppio cieco; sono stati inclusi in totale 335 pazienti con insufficienza cardiaca avanzata.
Lo studio è iniziato nel 2017 ed è stato interrotto anticipatamente nel marzo 2020, a causa del rischio di COVID-19.

I pazienti sono stati randomizzati a ricevere Sacubitril / Valsartan ( dose target, 200 mg due volte al giorno ) oppure Valsartan ( dose target, 160 mg due volte al giorno ) in aggiunta alla terapia raccomandata.

L’esito principale era l'area sotto la curva ( AUC ) per il rapporto del frammento N-terminale del propeptide natriuretico cerebrale ( NT-proBNP ), rispetto al basale misurato durante 24 settimane di terapia.

Dei 335 pazienti inclusi nell'analisi, 245 erano uomini ( 73% ); l’età media era di 59.4 anni. 72 pazienti idonei ( 18% ) non sono stati in grado di tollerare Sacubitril / Valsartan 100 mg/die durante il breve periodo di run-in, e 49 pazienti ( 29% ) hanno interrotto Sacubitril / Valsartan durante le 24 settimane dello studio.

L'AUC mediana di NT-proBNP per il braccio di trattamento con Valsartan ( n=168 ) è stata pari a 1.19, mentre l'AUC per il braccio di trattamento con Sacubitril / Valsartan ( n=167 ) è stata 1.08.
Il rapporto stimato di variazione dell'AUC di NT-proBNP è stato 0.95 ( P=0.45 ).

Rispetto al Valsartan, il trattamento con Sacubitril / Valsartan non ha migliorato il composito clinico del numero di giorni in vita, fuori dall'ospedale e senza eventi di insufficienza cardiaca.
A parte un aumento statisticamente significativo dell'iperkaliemia non-pericolosa per la vita nel braccio Sacubitril / Valsartan ( 28, 17%, vs 15, 9%; P=0.04 ), non sono stati osservati problemi di sicurezza.

I risultati di questo studio hanno mostrato che, nei pazienti con insufficienza cardiaca cronica avanzata con una frazione di eiezione ridotta, non vi è stata alcuna differenza statisticamente significativa tra Sacubitril / Valsartan e Valsartan rispetto alla riduzione dei livelli di NT-proBNP. ( Xagena2022 )

Mann DL et al, JAMA Cardiol 2022; 7: 17-25

Cardio2022 Farma2022


Indietro

Altri articoli

Nei pazienti con insufficienza cardiaca sintomatica, è stato riscontrato che Sacubitril-Valsartan ( Entresto ) riduce il rischio di ospedalizzazione e...



Una analisi dello studio PARAGON-HF ha mostrato che il frammento N-terminale del propeptide natriuretico di tipo B, al basale, nei...


Rispetto ad Enalapril ( Enapren ), la combinazione Sacubitril e Valsartan ( Entresto ) riduce la mortalità cardiovascolare e il...



In una coorte prospettica del mondo reale ( Registro CHAMP-HF ), i pazienti con insufficienza cardiaca e frazione di eiezione...


La maggioranza dei pazienti con ipertensione non riesce a raggiungere il controllo della pressione arteriosa nonostante il trattamento con farmaci...


Il fattore di differenziazione della crescita-15 ( GDF-15 ) è associato a prognosi sfavorevole nelle malattie cardiovascolari e nella malattie...


La combinazione Sacubitril e Valsartan ( Entresto ) riduce il rischio di mortalità cardiovascolare tra i pazienti con insufficienza cardiaca...