Inibizione del recettore dell'angiotensina-neprilisina con la combinazione Sacubitril - Valsartan nell'infarto miocardico acuto


Nei pazienti con insufficienza cardiaca sintomatica, è stato riscontrato che Sacubitril-Valsartan ( Entresto ) riduce il rischio di ospedalizzazione e morte per cause cardiovascolari in modo più efficace rispetto a un inibitore dell'enzima di conversione dell'angiotensina.
Mancano studi che confrontino gli effetti di questi farmaci nei pazienti con infarto miocardico acuto.

Sono stati assegnati in modo casuale pazienti con infarto miocardico complicato da frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) ridotta, congestione polmonare o entrambi a ricevere in aggiunta Sacubitril - Valsartan ( 97 mg di Sacubitril e 103 mg di Valsartan due volte al giorno ) o Ramipril ( 5 mg due volte al giorno ) in aggiunta alla terapia consigliata.

L'esito primario era la morte per cause cardiovascolari o insufficienza cardiaca incidente ( insufficienza cardiaca sintomatica ambulatoriale o insufficienza cardiaca che ha portato al ricovero in ospedale ), a seconda di quale evento si fosse verificato per primo.

In totale 5.661 pazienti sono stati sottoposti a randomizzazione; 2.830 sono stati assegnati a ricevere la combinazione Sacubitril e Valsartan e 2.831 a ricevere Ramipril ( Triatec ).
In una mediana di 22 mesi, si è verificato un evento di esito primario in 338 pazienti ( 11.9% ) nel gruppo Sacubitril-Valsartan e in 373 pazienti ( 13.2% ) nel gruppo Ramipril ( hazard ratio, HR=0.90; P=0.17 ).

La morte per cause cardiovascolari o il ricovero per insufficienza cardiaca si sono verificati in 308 pazienti ( 10.9% ) nel gruppo Sacubitril-Valsartan e in 335 pazienti ( 11.8% ) nel gruppo Ramipril ( HR=0.91 ); morte per cause cardiovascolari in 168 ( 5.9% ) e 191 ( 6.7% ), rispettivamente ( HR=0.87 ); e morte per qualsiasi causa rispettivamente in 213 ( 7.5% ) e 242 ( 8.5% ), ( HR=0.88 ).

Il trattamento è stato interrotto a causa di un evento avverso in 357 pazienti ( 12.6% ) nel gruppo Sacubitril-Valsartan e in 379 pazienti ( 13.4% ) nel gruppo Ramipril.

Sacubitril-Valsartan non è stato associato a una incidenza significativamente più bassa di morte per cause cardiovascolari o insufficienza cardiaca incidente rispetto a Ramipril tra i pazienti con infarto miocardico acuto. ( Xagena2021 )

Pfeffer MA et al, N Engl J Med 2021; 385: 1845-1855

Cardio2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

L'uso di Sacubitril / Valsartan ( Entresto ) non è approvato dalle lineeguida pratiche per l'uso in pazienti con insufficienza...



Una analisi dello studio PARAGON-HF ha mostrato che il frammento N-terminale del propeptide natriuretico di tipo B, al basale, nei...


Rispetto ad Enalapril ( Enapren ), la combinazione Sacubitril e Valsartan ( Entresto ) riduce la mortalità cardiovascolare e il...



In una coorte prospettica del mondo reale ( Registro CHAMP-HF ), i pazienti con insufficienza cardiaca e frazione di eiezione...


La maggioranza dei pazienti con ipertensione non riesce a raggiungere il controllo della pressione arteriosa nonostante il trattamento con farmaci...


Il fattore di differenziazione della crescita-15 ( GDF-15 ) è associato a prognosi sfavorevole nelle malattie cardiovascolari e nella malattie...


La combinazione Sacubitril e Valsartan ( Entresto ) riduce il rischio di mortalità cardiovascolare tra i pazienti con insufficienza cardiaca...