Terapia più lunga, amenorrea iatrogenica e sopravvivenza nel tumore alla mammella in fase precoce


I regimi chemioterapici che combinano antracicline e taxani portano a un miglioramento della sopravvivenza libera da malattia e della sopravvivenza generale tra le donne con tumore del seno, operabile, con linfonodi positivi.

L’efficacia di regimi concomitanti verso sequenziali non è nota.

Un gruppo di ricercatori statunitensi ha assegnato in maniera casuale 5.351 pazienti con tumore del seno in fase iniziale, operabile e con linfonodi positivi a ricevere 4 cicli di Doxorubicina e Ciclofosfamide seguiti da 4 cicli di Docetaxel ( terapia sequenziale ); 4 cicli di Doxorubicina e Docetaxel ( terapia Doxorubicina-Docetaxel ) o 4 cicli di Doxorubicina, Ciclofosfamide e Docetaxel ( terapia concomitante ).

Lo scopo primario è stato quello di esaminare se la terapia concomitante fosse più efficace di quella sequenziale, e se il regime Doxorubicina-Docetaxel fosse efficace quanto quello con terapia concomitante.
Gli obiettivi secondari erano la valutazione degli effetti tossici e la correlazione tra amenorrea ed esiti nelle donne in premenopausa.

A un follow-up mediano di 73 mesi, la sopravvivenza generale è risultata migliore nel gruppo terapia sequenziale ( sopravvivenza generale a 8 anni: 83% ) rispetto al gruppo Doxorubicina-Docetaxel ( sopravvivenza generale: 79%; hazard ratio per la morte, HR=0.83; P=0.03 ) e al gruppo terapia contemporanea ( sopravvivenza generale: 79%; HR=0.86; P=0.09 ).

La sopravvivenza libera da malattia è risultata migliorata nel gruppo terapia sequenziale ( sopravvivenza libera da malattia a 8 anni: 74% ) rispetto al gruppo Doxorubicina-Docetaxel ( sopravvivenza libera da malattia: 69%; hazard ratio per ricorrenza, una seconda condizione maligna o morte, HR=0.80; P=0.001 ) e al gruppo terapia concomitante ( sopravvivenza libera da malattia, 69%; HR=0.83; P=0.01 ).

Il regime Doxorubicina-Docetaxel ha mostrato non-inferiorità rispetto alla terapia concomitante per la sopravvivenza generale ( HR=0.96 ).

La sopravvivenza generale è migliorata nei pazienti con amenorrea per 6 o più mesi tra i gruppi di trattamento, indipendentemente dallo status del recettore per gli estrogeni.

In conclusione, la terapia sequenziale ha migliorato la sopravvivenza libera da malattia rispetto alle terapie Doxorubicina-Docetaxel o concomitante. e ha migliorato la sopravvivenza generale rispetto al regime Doxorubicina-Docetaxel.
L’amenorrea è risultata associata a una maggiore sopravvivenza indipendentemente dal trattamento dallo status del recettore degli estrogeni. ( Xagena2010 )

Swain SM et al, N Engl J Med 2010; 362: 2053-2065


Gyne2010 Farma2010 Onco2010


Indietro

Altri articoli

Questo studio prospettico ha valutato l'impatto di 2 anni di terapia con inibitore dell'aromatasi sulla incidenza del recupero della funzione...


L'obiettivo di uno studio prospettico di coorte è stato quello di verificare se i polimorfismi a singolo nucleotide (...


È stato condotto uno studio per determinare la probabilità di amenorrea a lungo termine dopo trattamento chemioterapico in donne con...


L’anoressia nervosa e l’amenorrea ipotalamica funzionale sono associate a bassa densità ossea, ansia e depressione e le donne con queste...


La sindrome dell’ovaio policistico è caratterizzata da anovulazione, iperandrogenemia e insulino-resistenza.L’iperinsulinemia è associata a un aumento del rischio cardiovascolare e...


L’amenorrea primaria può essere causata da un anormale funzionamento dell’asse ipotalamo-pituitario o dalla malformazione delle strutture mulleriane.La malnutrizione dovuta a...


Ricercatori dell’Università di Siena si sono proposti di determinare se un nuovo protocollo di somministrazione del Clomifene citrato fosse in...


Ricercatori dell’Università di San Paolo in Brasile, hanno valutato la prevalenza e l’associazione clinica dell’amenorrea in 298 pazienti di sesso...


Alterazioni neuroendocrine ed endocrine sono associate a bassi livelli dell'ormone leptina, secreto dagli adipociti, e si manifestano come amenorrea ipotalamica.Uno...