Apatinib per adenocarcinoma dello stomaco o della giunzione gastroesofagea avanzato o metastatico refrattario alla chemioterapia


Non ci sono attualmente strategie di trattamento standard per i pazienti con carcinoma gastrico metastatico avanzato in progressione dopo due o più linee di chemioterapia.
E’ stata valutata l'efficacia e la sicurezza di Apatinib, un nuovo inibitore della tirosin-chinasi 2 del recettore del fattore di crescita dell’endoteliale vascolare, in pazienti con adenocarcinoma gastrica o della giunzione gastroesofagea avanzato o nei quali avevano fallito, in precedenza, almeno due linee di chemioterapia.

È stato effettuato uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo di fase III.

Sono stati arruolati pazienti provenienti da 32 Centri in Cina, assegnati in modo casuale ad Apatinib orale 850 mg oppure a placebo una volta al giorno.

Gli endpoint primari erano sopravvivenza globale ( OS ) e sopravvivenza libera da progressione ( PFS ).

Tra il 2011 e il 2012, sono stati arruolati 267 pazienti.

La sopravvivenza orale mediana è significativamente migliorata nel gruppo Apatinib rispetto al gruppo placebo ( 6.5 mesi vs 4.7 mesi; P=0.0149; hazard ratio, 0.709; P=0.0156 ).

Allo stesso modo Apatinib ha prolungato significativamente la sopravvivenza libera da progressione mediana rispetto al placebo ( 2.6 mesi vs 1.8 mesi, P minore di 0.001; hazard ratio, HR=0.444; P minore di 0.001 ).

I più comuni eventi avversi di grado 3 o 4 non-ematologici erano sindrome mano-piede, proteinuria e ipertensione.

In conclusione, i dati hanno dimostrato che il trattamento con Apatinib ha significativamente migliorato la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da progressione con un profilo di sicurezza accettabile nei pazienti con tumore gastrico avanzato refrattario a due o più linee di chemioterapia. ( Xagena2016 )

Li J et al, J Clin Oncol 2016; 34: 1448-1454

Gastro2016 Onco2016 Farma2016


Indietro

Altri articoli

Dal 5% al 9% degli adenocarcinomi del dotto pancreatico ( PDAC ) si sviluppa in pazienti con mutazione BRCA1/2 o...



Le opzioni terapeutiche efficaci sono limitate per i pazienti con tumore esofageo avanzato e metastatico che progredisce dopo due o...


Sia la combinazione Nintedanib e Docetaxel sia le immunoterapie anti-PD-1 / PD-L1 hanno dimostrato efficacia come trattamento di seconda linea...


La chemioterapia e la chirurgia perioperatoria sono uno standard di cura per l'adenocarcinoma gastroesofageo operabile. La terapia anti-HER2 migliora la...


La scoperta delle mutazioni di EGFR nel tessuto tumorale è l'approccio standard per stabilire se un paziente trarrà beneficio dal...


Sebbene i pazienti con adenocarcinoma pancreatico resecato siano ad alto rischio di recidiva della malattia, sono disponibili pochi biomarcatori per...


I dati dello studio KEYNOTE-059 hanno mostrato che Pembrolizumab ( Keytruda ) presenta una promettente attività da solo o in...


La chemioterapia peri-operatoria seguita dalla chirurgia è uno standard di cura per i pazienti con adenocarcinoma esofagogastrico resecabile.  Bevacizumab ( Avastin...


La disregolazione della via di segnalazione della transizione mesenchimale-epiteliale ( MET ) è associata a prognosi infausta nell’adenocarcinoma gastroesofageo. Sono stati...