Farmaci anticonvulsivanti e rischio di suicidio, tentativo di suicidio o morte violenta


Nel 2008, l’FDA ( Food and Drug Administration ) ha emesso un warning ( avvertenza ) nella scheda tecnica dei farmaci anticonvulsivanti riguardo ad un aumentato rischio di pensieri e di comportamenti suicidari.
La decisione dell’Agenzia per il controllo dei farmaci degli Stati Uniti era basata su una meta-analisi.

L’obiettivo dei Ricercatori del Brigham and Women’s Hospital, Harvard Medical School di Boston, è stato quello di valutare il rischio di atti suicidari, e dell’aggregato di atti suicidari e morte violenta con i singoli anticonvulsivanti.

I dati sono stati ottenuti dall’HealthCore Integrated Research Database (HIRD) e ha riguardato il periodo 2001-2006.

Sono stati individuati 26 casi di suicidio completato, 801 tentativi di suicidio e 41 morti violente in 297.620 nuovi episodi di trattamento con un anticonvulsivante ( follow-up mediano: 60 giorni ).

L’incidenza dell’outcome composito di suicidio completato, tentativi di suicidio, e morti violente per anticonvulsivanti impiegati in almeno 100 episodi di trattamento variava da 6.2 per 1.000 persone-anno per il Primidone ( Mysoline ) a 34.3 per 1000 persone-anno per l’Oxcarbazepina ( Tolep ).

Il rischio di atti di suicidio è risultato aumentato per Gabapentin ( Neurontin; hazard ratio, HR=2.07 ), Lamotrigina ( Lamictal; HR=1.84 ), Oxcarbazepina ( HR=2.07 ), Tiagabina ( Gabitril; HR=2.41 ), e Valproato ( Acido Valproico, Depakin; HR=1.65 ), rispetto al Topiranato ( Topamax ).

Le analisi che hanno incluso la morte violenta hanno prodotto risultati simili.

Gli utilizzatori di Gabapentin avevano un rischio aumentato nei sottogruppi dei pazienti più giovani e più anziani, dei pazienti con disturbi dell’umore, e dei pazienti con epilessia o crisi convulsive, rispetto alla Carbamazepina ( Tegretol ).

Questa analisi ha mostrato che l’uso di Gabapentin, Lamotrigina, Oxcarbazepina e Tiagabina, rispetto all’impiego di Topiramato, può essere associato ad un aumentato rischio di atti suicidari o di morte violenta. ( Xagena2010 )

Patorno E et al, JAMA 2010; 303: 1401-1409


Farma2010 Neuro2010 Psyche2010


Indietro

Altri articoli

La scelta di farmaci per pazienti con stato epilettico refrattari al trattamento con benzodiazepine non è stata studiata a fondo. In...


Gli anticonvulsivanti di più vecchia generazione che inducono fortemente l’attività del sistema enzimatico citocromo P450 producono alterazioni metaboliche che possono...


Uno studio, pubblicato su Neurology, ha mostrato che alcuni farmaci per l’epilessia sono associati a un aumento del rischio di...


Gli studi clinici su pazienti con glioblastoma distinguono coorti trattate con anticonvulsivanti con effetto di induzione enzimatica.Tali anticonvulsivanti inducono gli...


Vi sono pochi dati sull'efficacia e gli effetti collaterali della terapia con farmaci antiepilettici dopo emorragia intracerebrale. Ricercatori della Northwestern...


Uno studio condotto dal Dipartimento di Neuroscienze dell’Istituto di Ricerca Farmacologica Mario Negri di Milano, in collaborazione con l’Anckland University...