Studio randomizzato di tre farmaci anticonvulsivanti per lo stato epilettico


La scelta di farmaci per pazienti con stato epilettico refrattari al trattamento con benzodiazepine non è stata studiata a fondo.

In uno studio randomizzato, in cieco, adattivo, sono state confrontate l'efficacia e la sicurezza di tre agenti anticonvulsivanti per via endovenosa, cioè Levetiracetam ( Keppra ), Fosfenitoina e Valproato ( Depakin ), in bambini e adulti con stato epilettico convulsivo che non rispondeva al trattamento con benzodiazepine.

L'esito primario era l'assenza di convulsioni clinicamente evidenti e il miglioramento del livello di coscienza 60 minuti dopo l'inizio dell'infusione del farmaco, senza ulteriori farmaci anticonvulsivanti.
Sono state calcolate le probabilità posteriori che ciascun farmaco fosse il più o il meno efficace.
Gli esiti di sicurezza includevano ipotensione potenzialmente letale o aritmia cardiaca, intubazione endotracheale, recidiva di convulsioni e morte.

In totale 384 pazienti sono stati arruolati e assegnati in modo casuale a ricevere Levetiracetam ( 145 pazienti ), Fosfenitoina ( n=118 ) o Valproato ( n=121 ).
Il nuovo arruolamento di pazienti con un secondo episodio di stato epilettico ha rappresentato 16 ulteriori casi di randomizzazione.

In accordo a una regola di interruzione prespecificata per futilità di trovare un farmaco superiore o inferiore, un'analisi provvisoria pianificata ha portato alla sospensione dello studio.
Dei pazienti arruolati, il 10% aveva avuto convulsioni psicogene.

L'esito primario di cessazione dello stato epilettico e il miglioramento del livello di coscienza a 60 minuti si è verificato in 68 pazienti assegnati a Levetiracetam ( 47% ), 53 pazienti assegnati a Fosfenitoina ( 45% ) e 56 pazienti assegnati a Valproato ( 46% ).

La probabilità posteriore che ciascun farmaco fosse il più efficace era rispettivamente 0.41, 0.24 e 0.35.
Numericamente più episodi di ipotensione e intubazione si sono verificati nel gruppo Fosfenitoina e più decessi nel gruppo Levetiracetam rispetto agli altri gruppi, ma queste differenze non erano significative.

Nel contesto dello stato epilettico convulsivo refrattario alla benzodiazepina, i farmaci anticonvulsivanti Levetiracetam, Fosfenitoina e Valproato hanno portato ciascuno alla sospensione delle convulsioni e a un miglioramento della lucidità mentale a 60 minuti in circa la metà dei pazienti, e i tre farmaci sono stati associati a simili episodi di eventi avversi. ( Xagena2019 )

Kapur J et al, N Engl J Med 2019; 381: 2103-2113

Neuro2019 Farma2019


Indietro

Altri articoli

Gli anticonvulsivanti di più vecchia generazione che inducono fortemente l’attività del sistema enzimatico citocromo P450 producono alterazioni metaboliche che possono...


Nel 2008, l’FDA ( Food and Drug Administration ) ha emesso un warning ( avvertenza ) nella scheda tecnica dei...


Uno studio, pubblicato su Neurology, ha mostrato che alcuni farmaci per l’epilessia sono associati a un aumento del rischio di...


Gli studi clinici su pazienti con glioblastoma distinguono coorti trattate con anticonvulsivanti con effetto di induzione enzimatica.Tali anticonvulsivanti inducono gli...


Vi sono pochi dati sull'efficacia e gli effetti collaterali della terapia con farmaci antiepilettici dopo emorragia intracerebrale. Ricercatori della Northwestern...


Uno studio condotto dal Dipartimento di Neuroscienze dell’Istituto di Ricerca Farmacologica Mario Negri di Milano, in collaborazione con l’Anckland University...